Museo della Civiltà Romana

Valorizzazione e recupero del Museo della Civiltà Romana. Roma Rome / Italy / 2001

0
0 Love 1,361 Visits Published
Di fronte alla necessità di recuperare e valorizzare il Museo della Civiltà Romana - progettato all'EUR da Aschieri, Bernardini, Pascoletti e Peressutti e realizzato tra il 1938 e il 1955 su incarico di FIAT, i progettisti hanno scelto di sottolinearne la funzione didattica e, in una città che "in se stessa è, ancor oggi, uno straordinario Museo vivente", creano un centro di orientamento permanente sulla Romanità. Operando fuori dal nucleo storico, aiutano il visitatore a superare "il distacco" organizzando tale "distanza" sia con pratici collegamenti sia all'interno del museo con la segnalazione, mediante una particolare grafica, delle situazioni analizzabili "al vero" in Roma. Interpretata la grande corte di accesso come spazio di preparazione, lo "stile romano" dell'edificio è sottolineato da calchi di statue - ripetute n volte per evidenziare il concetto di "copia" e imprigionate nel vetro, sovente colorato - che creano già all'esterno una specifica aspettativa. All'interno l'aulicità e il mistero della presentazione sono enfatizzati, ma contemporaneamente la leggibilità è aumentata dalla disposizione delle opere (isolate o in gruppo come foreste di statue) su supporti continui dilatati (panche, zoccolature, piedistalli). A questi si contrappongono gli oggetti maggiormente suggestivi (i calchi della Colonna Traiana tra gli altri) e fondamentali per la definizione di un percorso storico abbreviato, allestiti con più situazioni teatrali negli spazi architettonicamente più significativi. Alla fine del percorso, nella "sala del diritto", il bookshop (adiacente all'area ristoro) offrirà uno stimolante rapporto tra "testo" antico e "libro" contemporaneo, affiancando alla decorazione con grande fregio e alle statue dei giuristi una suggestione calligrafica con interventi di lettering sulle pareti. (M.G.Z. da Abitare n. 408).

Renovation and revitalisation of the Museum of Roman Civilisation (Rome, Italy).

Originally commissioned by FIAT, the Museum of Roman Civilisation in the EUR was designed by Aschieri, Bernardini, Pascoletti and Peressutti, and build between 1938 and 1955. When commissioned - once again by FIAT Spa - to renovate and revitalise the museum, the architects decided to emphasise its educational function and, in a city which "is itself, even today, a wonderful living museum", create a permanent reference centre on the Roman world. Since the EUR is well outside the historical centre, they have tried to help visitors overcome the sense of distance from the cental Rome by creating both physical links outside and signage inside the museum (using special graphics) pointing out things that can be studied in the "real" Rome. With the museum's large courtyard now serving as a preparatory space, the "Roman style" of the building itself is emphasised by cast of statues - imprisoned under (often coloured) glass and repeated seemingly ad infinitum to stress the "copying" concept - which raise specific expectations in visitors even before they enter. Inside, the impression of stateliness and mystery is emphasised, and the significance of the exhibits enhanced, when visitors see more statues displayed in isolation, or in groups like forests of statues, on continuously extended supports ( benches, plinths, pedestals). these are offset by other fascinating items (including casts of Traian Column) fundamental to the museum's abbreviated historical survey, which benefits from more theatrical settings where the building offers areas of outstanding architectural interest. At the end of the exhibition route, in the "law Room", the bookshop adjacent to the cafeteria will relate ancient texts to modern books in a setting where a large frieze and statues of roman jurist contrast with a calligraphic display of lettering on the walls. (M.G.Z. da Abitare n. 408).

museum design: Marta Laudani & Marco Romanelli with Nicola Auciello, Massimo Noceto
graphic design: Giuseppe Basile
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Di fronte alla necessità di recuperare e valorizzare il Museo della Civiltà Romana - progettato all'EUR da Aschieri, Bernardini, Pascoletti e Peressutti e realizzato tra il 1938 e il 1955 su incarico di FIAT, i progettisti hanno scelto di sottolinearne la funzione didattica e, in una città che "in se stessa è, ancor oggi, uno straordinario Museo vivente", creano un centro di orientamento permanente sulla Romanità. Operando fuori dal nucleo storico, aiutano il visitatore a superare "il distacco"...

    Project details
    • Year 2001
    • Client Fiatenginering
    • Status Unrealised proposals
    • Type Museums
    Archilovers On Instagram