PORTA ANCONA

Sottopasso Ciclo-Pedonale Foligno / Italy / 2010

1
1 Love 748 Visits Published
Progetto per la realizzazione del nuovo sottopasso Ferroviario ciclo-pedonale a “Porta Ancona” La necessità di rendere fruibile e sicuro il passaggio ferroviario di Porta Ancona, ha dettato le linee di sviluppo di questo progetto che pone l’accento sulla sua valenza architettonica, in virtù del fatto che si tratta di un nodo nevralgico della città di Foligno, esposto alla visibilità sia di chi vi passa in auto e sia di chi vi fruisce a piedi. Il semplice luogo di passaggio della strada ferrata, diventa un luogo dello stare del percorrere e del fruire, arricchendosi di un valore architettonico e funzionale che è reso a servizio del cittadino, e più specificatamente di chi vive la città come pedone o ciclista. L’attuale passaggio della strada ferrata viene eliminato, al suo posto realizzata una passeggiata che amplifica, in termini di metrature, lo spazio pubblico per i cittadini, attraverso una pista promiscua ciclo-pedonale che permetterà di passare la linea ferroviaria comodamente e senza pericoli. La pista si avvolge su se stessa attraverso quattro rampe supportate da due passaggi pedonali di scale affinché vi sia un ulteriore passaggio più breve. La scelta dei materiali e delle soluzioni architettoniche sono tutte basate sulla necessità di rendere esteticamente e psicologicamente accogliente un luogo che, di solito, non è preferito come passaggio, perché spesso buio o troppo sotterraneo. Le rampe, infatti, sono rivestite nella parte bassa da un piccolo zoccolo di cemento grigio chiaro e per il resto dell’altezza da elementi in laterizio sagomati. Questi elementi sono posati in opera su di una struttura portante costituita da profili verticali in ferro zincato a caldo, vincolati alle solette e trattenuti alle pareti con apposite staffe e tasselli ad espansione, muniti di distanziatore regolabile; e da profili a sezione ad omega, sempre zincati a caldo, posti in orizzontale sui quali vengono infilati gli elementi in laterizio. Queste sono delle doghe con una sagoma a T e con una finitura superficiale che n’esprime la materia e le rende facilmente lavabili in caso di efflorescenze o indesiderate “opere d’arte”. Il rivestimento corre lungo le pareti delle rampe e siccome permette di essere posto in opera anche senza supporto della parete retrostante, viene adottata questa soluzione fin che la divisione dalla linea ferrata viene ad essere fuori terra, in modo da far filtrare lo stesso la luce e non cerare troppi coni d’ombra. Lungo le rampe, il paramento di cotto è esaltato da un’illuminazione posta all’interno del basamento di cemento che, proiettando dal basso verso l’alto sulla parete rivestita, crea un particolare movimento di luce ed ombra, ma soprattutto accompagna con la luce i luoghi che possono essere troppo bui. A rafforzare l’idea di rendere quanto più possibile aperto e visibilmente non opprimente il sottopasso, sono create delle aperture incorniciate da ferro trattato con ruggine, che rendono traguardabile i vari passaggi, quello esclusivamente pedonale con le scale e quello ciclo-pedonale. Viene poi posta particolare attenzione all’inserimento del verde che accompagna lo svolgersi della pista ciclo-pedonale e che svolge la doppia funzione di amplificare gli spazi, in modo da non creare imbuti visivi o zone d’ombra eccessiva, e di addolcire visivamente la materialità dell’intervento. Il sottopasso viene così ad essere un percorso che invita al suo godimento e a rendere ciò possibile, potrebbe essere la volontà di tramutarlo in un luogo dello stare e dell’incontro; per esempio prevedendo all’imbocco, dove si trova anche un Bar, una sorta di copertura-invito che può essere utile alla sosta delle biciclette o dei pedoni, a cui viene utile la presenza di un servizio bar. La presenza di questa copertura o qualsiasi altra forma avrebbe la necessità di identificare, visivamente ed architettonicamente, il luogo preciso del sottopasso, proprio a sottolinearne la sua valenza ed importanza nello sviluppo della mobilità della città di Foligno. Progetto: arch. Luca Tarantini ing. Franco '>http://arch.Laura'> Antico
1 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Progetto per la realizzazione del nuovo sottopasso Ferroviario ciclo-pedonale a “Porta Ancona” La necessità di rendere fruibile e sicuro il passaggio ferroviario di Porta Ancona, ha dettato le linee di sviluppo di questo progetto che pone l’accento sulla sua valenza architettonica, in virtù del fatto che si tratta di un nodo nevralgico della città di Foligno, esposto alla visibilità sia di chi vi passa in auto e sia di chi vi fruisce a piedi. Il semplice luogo di passaggio della strada...

    Project details
    • Year 2010
    • Work started in 2009
    • Work finished in 2010
    • Client Comune di Foligno
    • Status Completed works
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users