Dario Lusso

Architect Viù (TO) / Italy

24
send a message
Dario Lusso 24
Dario Lusso
Architetto con la "A" maiuscola. Disegnatore su fogli post-it, A5, A6, A7 e A8. Collagista digitale. Narratore e rapsodo di Architetture e storie vero-simili.
Ho sempre tratto piacere dall'osservazione di quelle architetture che riescono a trasmettermi forti sensazioni. Sensazioni in grado di far galleggiare il mio spirito in un aura tra la commozione ed il pianto. La lettura della filosofia, che ha generato quelle architetture, anche se non la comprendo pienamente, mi ha sempre trasmesso stimoli corroboranti. Mi ha sempre interessato affrontare e risolvere progetti in modo poetico e narrativo. Esattamente come fa uno scultore od un artista, trasformando con le proprie mani la materia, dando vita all'opera. Esattamente come un bravo regista sa raccontare le storie in un film, o come un bravo musicista articola le note nelle sue composizioni. I luoghi sono importanti perché ogni dove ha le proprie storie da raccontare. Il processo coinvolge molti aspetti: le mie storie personali ed il mondo che mi circonda: tutte cose che possono essere narrate con l’architettura. Mi interessa la fotografia come base di partenza per il progetto: gli scatti fotografici sono appunti su cui disegnare delle architetture e raccontare delle storie. In questo secondo orizzonte del mio tempo, sono attratto dal dettaglio architettonico solo quando la materia che lo costituisce è lasciata al suo naturale processo di trasformazione e reazione agli agenti atmosferici: prediligo la sostanza nuda e cruda. Quella che, dopo essere stata plasmata o composta dall'uomo, in modo imperfetto, viene lasciata bruciare dal sole, sciolta dalla pioggia che cade, modificata dal gelo e consumata dal vento.
Dario Lusso
Dario Lusso
  • Address Mollar Michele n. 71, 10070 Viù (TO) | Italy

Follow Dario Lusso also on

Architetto con la "A" maiuscola. Disegnatore su fogli post-it, A5, A6, A7 e A8. Collagista digitale. Narratore e rapsodo di Architetture e storie vero-simili. Ho sempre tratto piacere dall'osservazione di quelle architetture che riescono a trasmettermi forti sensazioni. Sensazioni in grado di far galleggiare il mio spirito in un aura tra la commozione ed il pianto. La lettura della filosofia, che ha generato quelle architetture, anche se non la comprendo pienamente, mi ha sempre trasmesso stimoli corroboranti. Mi ha sempre interessato affrontare e risolvere progetti in modo poetico e narrativo. Esattamente come fa uno scultore od un artista, trasformando con le proprie mani la materia, dando vita all'opera. Esattamente come un bravo regista sa raccontare le storie in un film, o come un bravo musicista articola le note nelle sue composizioni. I luoghi sono importanti perché ogni dove ha le proprie storie da raccontare. Il processo coinvolge molti aspetti: le mie storie personali ed il mondo che mi circonda: tutte cose che possono essere narrate con l’architettura. Mi interessa la fotografia come base di partenza per il progetto: gli scatti fotografici sono appunti su cui disegnare delle architetture e raccontare delle storie. In questo secondo orizzonte del mio tempo, sono attratto dal dettaglio architettonico solo quando la materia che lo costituisce è lasciata al suo naturale processo di trasformazione e reazione agli agenti atmosferici: prediligo la sostanza nuda e cruda. Quella che, dopo essere stata plasmata o composta dall'uomo, in modo imperfetto, viene lasciata bruciare dal sole, sciolta dalla pioggia che cade, modificata dal gelo e consumata dal vento.