Aldo Ferri

Engineer Rome / Italy

0
Aldo Ferri 0
Aldo Ferri



Attività professionale del dott. ing. Aldo FERRI
00154 ROMA V.LE MARCO POLO 88, T. 06.575.88.30- 338.10.75.257
Aldo FERRI nasce a Civitavecchia (Roma) il 19 Gennaio 1928 e nel 1957 si laurea in Ingegneria Civile Edile presso l’Università LA SAPIENZA
in Roma svolgendovi, fino al 1970, Attività Didattica come Assistente alla Cattedra di Architettura Tecnica, Facoltà di Ingegneria.
Le sue principali esperienze professionali (Albo degli Ingegneri della prov. di Roma n°4216/1958) si sono realizzate, nell’arco di oltre un quarantennio,
quale Progettista singolo, od in qualificate Collaborazioni (Anversa,Berarducci,Gatti,Lugli,Lenci,Lusvardi,Melotti,Portoghesi,Rossi Doria ed altri) di:

Piani Regolatori Generali
1959/83 – PRG e Piano Intercomunale nell’ambito dell’Ufficio Speciale per il PRG del Comune di Roma (U.S.P.R.) quale Consulente dapprima poi Primo Dirigente , dimissionario nell’83, per sostituire, quale Membro Esterno, il prof. PORTOGHESI nella C.C.T.U. di Roma.
1973 – PRG del Comune di Orbetello (Gr) con la sua specificità storico- lagunare e contiguità inclusiva al Parco dell’Uccellina (Gr).
1974 – PRG del Comune di Castiglione della Pescaia (Gr) con le complesse tematiche insediative ed ambientali di Punta Ala.
1981 -- PRG del Comune di Follonica (Gr) dalle antiche origini da riguardare anche sotto il profilo dell’Archeologia Industriale.
Strumenti Urbanistici attuativi
1964 – Piano di Edilizia Economica e Popolare (PEEP) di Roma ove in un’ampia estensione territoriale (5000 HA) ha avuto l’opportunità di coordinare un vasto numero di Piani Particolareggiati, affidati ai migliori Urbanisti Romani, ciascun Piano con le sue peculiarità dimensionali e planovolumetriche oltre che di modellistica formativa di Parti Metropolitane a carattere Residenziale , Produttivo e di Pub. Servizi.
1970 – Comprensorio Residenziale S.A.C.I.M. in Civitavecchia (San Gordiano). In questa occasione, dovendo definire tipologicamente le eccessive previsioni insediative zonali indicate dal PRG ancora vigente (Piccinato, Di Cagno, Amaturo) ha potuto sperimentare il criterio delle “ case basse ad alta densità” come proveniente dalla cultura urbanistica anglosassone.
1971 – PEEP del Comune di Orbetello quale Coordinatore Generale oltre che Progettista singolo del Piano di FONTEBLANDA.
1976 – Piano Particolareggiato (P.P.) del Centro Storico di Grosseto (collab. Archh. Boschi, Sanseverino, prof. Elia).
1977-- P.P. della fascia costiera dello stesso Comune (Marina) (collaboraz. Arch. Rossi DORIA) rimasto sospeso nella elaborazione e non. più realizzato.
1983 – PEEP del Comune di Follonica (Gr) in superamento tipologico e migliorativo di precedenti Piani già realizzati.
1984 – P.P. per il risanamento delle Borgate in Roma (Massimina). Questo Piano conseguiva alla creazione delle zone “O”, con normativa specifica, al fine di ricondurre ad una migliore complessiva funzionalità anche di tipo formale i vari nuclei di “edilizia spontanea” abusivamente realizzati nel tempo in luogo delle previsioni insediative di tipo “comprensoriale”, previste con innovazione disciplinare dal PRG ’62.
1984 – Comprensorio Residenziale in Roma, Cecchignola Ovest (collab. Arch. M.L. Anversa) e PEEP, sempre in Roma,
Casale di Gregna.
Questo secondo Piano, elaborato in un Gruppo di Progettazione (Capogruppo PORTOGHESI ed altri collaboratori fa cui gli arch. Anselmi, Cellini. D’Amato ecc.) venne caratterizzato da uno schema insediativo che in qualche modo caratterizzava il complesso urbano al Centro di Roma attorno alla attuale P.zza del Popolo (c.d.Tridente) e la sua impostazione venne pertanto definita sistina. Esso, largamente pubblicato e discusso, rimase poi irrealizzato per essere le aree interessate sottoposte ad un vincolo di usi civici da parte del Comune di Frascati.
1989 – Comprensorio Residenziale in Roma, Volusia, sulla V. Cassia con dense presenze archeologiche (v. Piano Paesistico di Veio).
1993 – Comprensorio Residenziale (P.I.P.) in Civitavecchia parte residua privata di un ampio PEEP (San Liborio)
che ha interessato, a Nord della Città edificata, la più ampia (e priva di compromissioni) espansione urbana prevista dal PRG
Opere Edilizie
1960 – Edifici per Residenza privata ed Attività varie in Civitavecchia realizzati da varie Imprese di Imprenditoria locale.
1969 – Edifici scolastici (L.641) in Civitavecchia e, nel 1972 in Orbetello (collaboraz. Arch. E. Censon).
1971 – Edifici IACP in Civitavecchia in un PEEP (Campo dell’Oro) già parzialmente realizzato.
1974 – PEEP ed Edifici IACP in Roma-Tor Sapienza (collab. Archh. Carci, Gatti, Sara Rossi, Sebasti).
1989 – Edificio per Uffici in Roma (via Laurentina) realizzato con successiva Variante ad opera di altri Progettisti.
Consulente e collaudatore per pub. Amministrazioni
1983 – Avvocatura del Comune di Roma per specifici problemi di natura Urbanistica;
1984 – Rip. ne V ll. pp. del Comune di Roma;
1988 – Ministero per le Aree Urbane (DDL riuso Aree Industriali);
1989 – Soc. SISTEMI URBANI (Gruppo IRI-ITALSTAT) per problemi urbanistici in Roma, Genova, Torino, Barcellona, ecc.;
1990 – Soc. SIGET e PARSITALIA di imprenditoria edilizia ed urbanistica privata in Roma.

Membro di Commissioni
1961/69 – Comm.ne Edilizia del Comune di Civitavecchia.
1981 – Comm.ne per lo studio delle tematiche di ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE (ex ILVA – FOLLONICA).
1983/91 – Comm.ne Consultiva Tecnico-Urbanistica del Comune di ROMA (C.C.T.U.).
1989 – Comitato Tecnico-Scientifico Interdisciplinare (per la revisione poi irrealizzata) del PRG di Roma .
2002 – Comitato Tecnico-Scientifico per la rielaborazione del PRG del Comune di CIVITAVECCHIA.

Autore nel tempo, di numerosi scritti su temi di interesse professionale, culturale e politici, ha partecipato, singolarmente od in Gruppi, a Concorsi di Architettura ed Urbanistica con esiti vari. In particolare Primo Classificato nel Concorso indetto dal Comune di Civitavecchia (1994) per il rifacimento dell’antico Stabilimento Balneare PIRGO, Progetto premiato e non realizzato. Fu impegnato, in collaborazione con l’arch. Martelli-Castaldi al progetto di ricostruzione in Civitavecchia della Antica ROCCA Cittadina distrutta dai bombardamenti.
Ha partecipato, nel Giugno 2001, ad un Concorso per Titoli alla formazione del PRG di Tarquinia (VT) mai deliberato.
Aldo Ferri
Aldo Ferri

Attività professionale del dott. ing. Aldo FERRI 00154 ROMA V.LE MARCO POLO 88, T. 06.575.88.30- 338.10.75.257 Aldo FERRI nasce a Civitavecchia (Roma) il 19 Gennaio 1928 e nel 1957 si laurea in Ingegneria Civile Edile presso l’Università LA SAPIENZA in Roma svolgendovi, fino al 1970, Attività Didattica come Assistente alla Cattedra di Architettura Tecnica, Facoltà di Ingegneria. Le sue principali esperienze professionali (Albo degli Ingegneri della prov. di Roma n°4216/1958) si sono realizzate, nell’arco di oltre un quarantennio, quale Progettista singolo, od in qualificate Collaborazioni (Anversa,Berarducci,Gatti,Lugli,Lenci,Lusvardi,Melotti,Portoghesi,Rossi Doria ed altri) di: Piani Regolatori Generali 1959/83 – PRG e Piano Intercomunale nell’ambito dell’Ufficio Speciale per il PRG del Comune di Roma (U.S.P.R.) quale Consulente dapprima poi Primo Dirigente , dimissionario nell’83, per sostituire, quale Membro Esterno, il prof. PORTOGHESI nella C.C.T.U. di Roma. 1973 – PRG del Comune di Orbetello (Gr) con la sua specificità storico- lagunare e contiguità inclusiva al Parco dell’Uccellina (Gr). 1974 – PRG del Comune di Castiglione della Pescaia (Gr) con le complesse tematiche insediative ed ambientali di Punta Ala. 1981 -- PRG del Comune di Follonica (Gr) dalle antiche origini da riguardare anche sotto il profilo dell’Archeologia Industriale. Strumenti Urbanistici attuativi 1964 – Piano di Edilizia Economica e Popolare (PEEP) di Roma ove in un’ampia estensione territoriale (5000 HA) ha avuto l’opportunità di coordinare un vasto numero di Piani Particolareggiati, affidati ai migliori Urbanisti Romani, ciascun Piano con le sue peculiarità dimensionali e planovolumetriche oltre che di modellistica formativa di Parti Metropolitane a carattere Residenziale , Produttivo e di Pub. Servizi. 1970 – Comprensorio Residenziale S.A.C.I.M. in Civitavecchia (San Gordiano). In questa occasione, dovendo definire tipologicamente le eccessive previsioni insediative zonali indicate dal PRG ancora vigente (Piccinato, Di Cagno, Amaturo) ha potuto sperimentare il criterio delle “ case basse ad alta densità” come proveniente dalla cultura urbanistica anglosassone. 1971 – PEEP del Comune di Orbetello quale Coordinatore Generale oltre che Progettista singolo del Piano di FONTEBLANDA. 1976 – Piano Particolareggiato (P.P.) del Centro Storico di Grosseto (collab. Archh. Boschi, Sanseverino, prof. Elia). 1977-- P.P. della fascia costiera dello stesso Comune (Marina) (collaboraz. Arch. Rossi DORIA) rimasto sospeso nella elaborazione e non. più realizzato. 1983 – PEEP del Comune di Follonica (Gr) in superamento tipologico e migliorativo di precedenti Piani già realizzati. 1984 – P.P. per il risanamento delle Borgate in Roma (Massimina). Questo Piano conseguiva alla creazione delle zone “O”, con normativa specifica, al fine di ricondurre ad una migliore complessiva funzionalità anche di tipo formale i vari nuclei di “edilizia spontanea” abusivamente realizzati nel tempo in luogo delle previsioni insediative di tipo “comprensoriale”, previste con innovazione disciplinare dal PRG ’62. 1984 – Comprensorio Residenziale in Roma, Cecchignola Ovest (collab. Arch. M.L. Anversa) e PEEP, sempre in Roma, Casale di Gregna. Questo secondo Piano, elaborato in un Gruppo di Progettazione (Capogruppo PORTOGHESI ed altri collaboratori fa cui gli arch. Anselmi, Cellini. D’Amato ecc.) venne caratterizzato da uno schema insediativo che in qualche modo caratterizzava il complesso urbano al Centro di Roma attorno alla attuale P.zza del Popolo (c.d.Tridente) e la sua impostazione venne pertanto definita sistina. Esso, largamente pubblicato e discusso, rimase poi irrealizzato per essere le aree interessate sottoposte ad un vincolo di usi civici da parte del Comune di Frascati. 1989 – Comprensorio Residenziale in Roma, Volusia, sulla V. Cassia con dense presenze archeologiche (v. Piano Paesistico di Veio). 1993 – Comprensorio Residenziale (P.I.P.) in Civitavecchia parte residua privata di un ampio PEEP (San Liborio) che ha interessato, a Nord della Città edificata, la più ampia (e priva di compromissioni) espansione urbana prevista dal PRG Opere Edilizie 1960 – Edifici per Residenza privata ed Attività varie in Civitavecchia realizzati da varie Imprese di Imprenditoria locale. 1969 – Edifici scolastici (L.641) in Civitavecchia e, nel 1972 in Orbetello (collaboraz. Arch. E. Censon). 1971 – Edifici IACP in Civitavecchia in un PEEP (Campo dell’Oro) già parzialmente realizzato. 1974 – PEEP ed Edifici IACP in Roma-Tor Sapienza (collab. Archh. Carci, Gatti, Sara Rossi, Sebasti). 1989 – Edificio per Uffici in Roma (via Laurentina) realizzato con successiva Variante ad opera di altri Progettisti. Consulente e collaudatore per pub. Amministrazioni 1983 – Avvocatura del Comune di Roma per specifici problemi di natura Urbanistica; 1984 – Rip. ne V ll. pp. del Comune di Roma; 1988 – Ministero per le Aree Urbane (DDL riuso Aree Industriali); 1989 – Soc. SISTEMI URBANI (Gruppo IRI-ITALSTAT) per problemi urbanistici in Roma, Genova, Torino, Barcellona, ecc.; 1990 – Soc. SIGET e PARSITALIA di imprenditoria edilizia ed urbanistica privata in Roma. Membro di Commissioni 1961/69 – Comm.ne Edilizia del Comune di Civitavecchia. 1981 – Comm.ne per lo studio delle tematiche di ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE (ex ILVA – FOLLONICA). 1983/91 – Comm.ne Consultiva Tecnico-Urbanistica del Comune di ROMA (C.C.T.U.). 1989 – Comitato Tecnico-Scientifico Interdisciplinare (per la revisione poi irrealizzata) del PRG di Roma . 2002 – Comitato Tecnico-Scientifico per la rielaborazione del PRG del Comune di CIVITAVECCHIA. Autore nel tempo, di numerosi scritti su temi di interesse professionale, culturale e politici, ha partecipato, singolarmente od in Gruppi, a Concorsi di Architettura ed Urbanistica con esiti vari. In particolare Primo Classificato nel Concorso indetto dal Comune di Civitavecchia (1994) per il rifacimento dell’antico Stabilimento Balneare PIRGO, Progetto premiato e non realizzato. Fu impegnato, in collaborazione con l’arch. Martelli-Castaldi al progetto di ricostruzione in Civitavecchia della Antica ROCCA Cittadina distrutta dai bombardamenti. Ha partecipato, nel Giugno 2001, ad un Concorso per Titoli alla formazione del PRG di Tarquinia (VT) mai deliberato.