Viaggi di Architettura: alla scoperta di Basilea

by Antonella Fraccalvieri
11

 

Conta appena 200 000 abitanti, eppure è tra le città più cosmopolite del centro Europa. Raccoglie l'eredità culturale di tre paesi - la Svizzera, la Francia e la Germania - grazie alla sua posizione strategica sulle rive del Reno.

 

Ha origini antiche (alcuni edifici del centro storico risalgono al 1500), ma grazie alla riqualificazione di numerose aree dismesse ad opera di alcuni fra i più celebri architetti contemporanei, si sta trasformando da pittoresco centro medievale a metropoli proiettata verso il futuro.



Si tratta di Basilea, terza città per popolazione della Svizzera situata nella parte nord-occidentale del paese.

 

Viaggi di Architettura, realtà che da 15 anni realizza in Italia e in tutto il mondo esperienze di viaggio focalizzate sul mondo dell’architettura, ha scelto Basilea come tappa del prossimo viaggio di 72 ore in programma ad Agosto. Ecco una piccola selezione delle tappe più interessanti.

 

Con una concentrazione di edifici a firma di architetti di fama mondiale, Basilea è un concentrato di arte, architettura e design. Ad oggi sono 12 premi Pritzker ad aver contribuito alla costruzione della città svizzera, oltre a Peter Zumthor, che ha progettato l’ampliamento della Fondazione Beyeler in arrivo nel 2020.

La trasformazione edilizia che ha interessato negli ultimi anni la città riguarda in parte la costruzione degli headquarters dei colossi farmaceutici come Novartis  e la Roche: laboratori, uffici, auditorium e complessi firmati David Chipperfield, Tadao Ando, Frank Owen Gehry, SANAA, Álvaro Siza Vieira, Eduardo Souto de Moura e Herzog & de Meuron.

 

Proprio Herzog & De Meuron, studio nativo della città, ha firmato ben 33 progetti a Basilea e dintorni: edilizia residenziale, complessi commerciali, gallerie, uffici e molto altro ancora. Dopo il lavoro sul masterplan del nuovo quartiere di Dreispitz, hanno appena firmato un nuovo masterplan per Nordspitze che prevede tre grattacieli.

 

Con il progetto Dreispitz, i vecchi magazzini di dogana della città sono stati trasformati in quartiere creativo.
Basta uscire poco fuori dal centro storico da cartolina diviso tra Kleinbasel e Grossbasel per toccare con mano la trasformazione urbana delle vecchie fabbriche ed edifici industriali. Ristoranti in vecchie officine, co-working in ex-magazzini, facoltà di arte, biblioteche e musei, tra cui HeK - House of Electronic Arts Basel .

 

Ristoranti, bar e hotel sono tantissimi, spesso frutto di trasformazioni di vecchi edifici industriali.

Volkshaus Basel si trova in un ex maniero medievale, recuperato da Herzog & de Meuron attraverso un attento progetto di valorizzazione della struttura originale.

Punto di riferimento per eventi e concerti, Werk 8 mantiene l'identità delll'ex magazzino attraverso l'utilizzo di elementi architettonici a vista e materiali dall'aspetto industrial come l'acciaio corten.

L'ex centrale elettrica di Basilea ospita il birrificio artigianale Volta Brau, mentre l'acquedotto ha riaperto i battenti nel 2005 con il ristorante italiano Acqua: ambienti accoglienti con pezzi d'arredo vintage e un suggestivo cortile interno.

Una ex fabbrica di nastri di seta nel distretto di St. Alban, nel centro di Basilea, è stata ristrutturata e trasformata nell'ostello della gioventù ultraminimal Basel Youth Hostel , dominato dall'uso del cemento e dalle finiture in legno.

Non solo svago e divertimento. La ricca offerta culturale di Basilea e dintorni comprende oltre 40 musei: il monumentale Schaulager di Herzog & de Meuron a Münchenstein, The Fondation Beyeler disegnata da Renzo Piano a Riehen, con un nuovo ampliamento in arrivo a firma di Peter Zumthor e il Museum Tinguely di Mario Botta oltre al Kunstmuseum Basel Extension inaugurato nel 2016 e firmato dagli architetti Christ & Gantenbein.

All’interno del Kunstmusuem troviamo il Museo svizzero dell’architettura con mostre itineranti sul tema architettura nazionale ed internazionale.

Attraversata di pochi chilometri la frontiera tedesca arriviamo al monumentale Vitra Design Museum a Weil am Rhein con edifici di Frank O. Gehry, Zaha Hadid, Nicholas Grimshaw, Alvaro Siza e Tadao Ando.

Werkraum Warteck è uno spazio di lavoro ricavato da un vecchio birrificio in mattoncini rossi: atelier per arti visive, laboratorio tessile, studio di registrazione. In Werkraum Warteck progetti, imprese e persone coesistono sotto lo stesso tetto.

 

Viaggi di Architettura, insieme all’Ente del Turismo Svizzero in Italia e Basel Turismo, ci porta a conoscere questa città con visite guidate e percorsi mirati per architetti e amanti del design.

 

Per maggiori informazioni sul viaggio in programma ad Agosto, clicca qui.

Comments
    comment
    Author
    References
    0

    HeK - House of Electronic Arts Basel

    Basel / Switzerland / 2014

    55

    Volkshaus Basel

    Basel / Switzerland / 2012

    51

    Basel Youth Hostel

    Basel / Switzerland / 2010

    24

    The Fondation Beyeler

    Riehen / Switzerland / 1997

    12

    Kunstmuseum Basel Extension

    Basel / Switzerland / 2016