BE OPEN to the Sound of the Future

Il think tank creativo BE OPEN esplora il design del suono al London Design Festival 2012

by Valentina Ieva
2

17-23 settembre 2012

BE OPEN, il think-tank globale creato per promuovere la creatività e l’innovazione, arriva a Londra per il London Design Festival 2012, in occasione del decimo anniversario della più grande manifestazione di design del Regno Unito. Il programma del Festival attrae ogni anno visitatori da tutto il mondo e la fondazione sarà parte di questa importante vetrina con una ricca varietà di proposte.

Gli eventi che si svolgeranno a Londra sono parte di un programma più ampio ideato da BE OPEN con lo scopo di esplorare i 5 sensi attraverso innovativi progetti che vogliono portare alla scoperta del cosiddetto e bramato sesto senso. La volontà della fondazione è quella di sviluppare il concetto che unisce la percezione umana alle infinite possibilità della tecnologia attuale ricercando il superamento dell’elementare esperienza sensoriale creando un’infinita varietà di sensi.

Londra, la capitale europea delle più importanti avanguardie musicali del 20° secolo, è stata scelta per ospitare l’esperienza del suono così come altre città sono state scelte da BE OPEN quali centri per la ricerca sugli altri sensi: il gusto sarà esplorato a Milano (Milano Design Week 2013), mentre durante l’anno sarà la volta di altri luoghi chiave del design e il ciclo si concluderà poi di nuovo a Londra (settembre 2013).

La ricerca sul suono e l’esperienza acustica saranno inaugurate nei giorni del Festival con il BE OPEN Sound Portal, un’installazione site specific in Trafalgar Square co-prodotta con il London Design Festival, uno dei luoghi più iconici della città. Una serie di incontri e altre manifestazioni accompagneranno questa esplorazione: le conferenze BE OPEN ‘Sound Design’ in collaborazione con Wired Consulting e BE OPEN Sound Portal Lunchtime al V&A; BE OPEN SPACE al The Dock con Tom Dixon; la mostra e la cerimonia di premiazione dei BE OPEN Awards a 100% Design.

Elena Baturina, imprenditrice e filantropa russa ideatrice di BE OPEN, spiega: ‘Il programma del London Design Festival, il Sound Portal e gli eventi collaterali, vogliono coinvolgere le personalità che rappresentano il futuro dello sviluppo nel mondo dell’acustica. Abbiamo creato un ambizioso laboratorio mobile per esplorare i confini di ciò che può essere realizzato con la tecnologia del suono - una dimostrazione pratica delle sue capacità di trasformazione – e, tenendo conferenze e incontri, portare avanti queste idee. Ci impegniamo su tutti i fronti - le arti, la scienza, l'istruzione e i mezzi di comunicazione - perché riteniamo che le più innovative scoperte hanno luogo dall’incontro di tutte queste discipline‘.

Progettato da ARUP associates, leader mondiale nel campo dell’ingegneria acustica, con la collaborazione di Sound and Music, il BE OPEN Sound Portal sarà un nido che ci proteggerà dal caos della città:  situato al centro della piazza consentirà ai visitatori di godere di un ambiente sublime creato esclusivamente dai suoni. 

Durante i cinque giorni della durata dell’evento, la struttura ospiterà cinque sound artists e le loro “opere sonore”: lavori molto eterogenei che vanno dai più profondi suoni naturali, come la rottura dei ghiacciai, fino ai più contemporanei brani di musica elettronica.

Dopo Trafalgar Square, il Portale verrà ospitato dal Chelsea College of Art and Design, ed entrerà a far parte di un progetto inter-universitario per esplorare le caratteristiche del suono in tutti i suoi molteplici aspetti. La fondazione BE OPEN commissionerà poi agli studenti nuove opere sonore le quali verranno presentate durante il simposio ‘Sounding Space’ nella primavera/estate del 2013 come parte di BE OPEN Inside the Academy, una piattaforma per sostenere i talenti emergenti.

Presso The Dock, lo spazio di Tom Dixon nella parte ovest di Londra che ospiterà un vasto programma di eventi del London Design Festival, sarà allestito all’interno del BE OPEN SPACE, un “mercato” dedicato ai designer emergenti. I progettisti potranno presentare, vendere, produrre ed esplorare i cinque sensi in un luogo di incontro dinamico e interattivo rivolto agli appassionati del design. Pan Studio e Jail-Make per questa occasione hanno creato un’installazione site specific e, ispirandosi ai mercati medievali e dal Ponte Vecchio di Firenze, hanno posizionato 8 capanne di legno sulla terrazza del Dock. Queste capanne ricordano l'architettura del molo che ospita il Dock Kitchen Restaurant. L'installazione, attraverso una cascata di nastri luminosi che scendono dal tetto, incorpora l'acqua sottostante. Ogni capanna presenterà lavori esclusivi creati da un emozionante mix di designer emergenti, tra cui Studio Toogood e Technology Will Save Us.

Infine sul sito di BE OPEN si potrà partecipare al concorso on-line che è parte integrante dell’esplorazione sul suono. I visitatori del www.beopenfuture.com possono votare attraverso un sondaggio interattivo i suoni che pensano rappresentino meglio il futuro, scegliendo tra i brani che vanno dalla suoneria Skype al rumore di un uragano.

 

www.beopenfuture.com

Comments
    comment
    Author
    • Valentina Ieva

      Architect

      Bari / Italy

      Laureata in Ingegneria edile-architettura, giornalista per professione, web writer per diletto. Amante di architettura, design, fotografia e libri di carta. Dipendente dai social, Instagram e InstaStories su tutti. Affamata di vita, viaggi e storie da scoprire. Qualunque forma d'arte mi affascina da sempre e non posso pensare una vita senza: emozioni forti, immaginazione, buona musica, cucina pugliese, sole e gatti. Per dirla con le parole di Battiato, non potrei vivere senza: ‘un soffio al cuore di natura elettrica’!)

    References