Salvatore Vicidomini

Architect Monte di Procida / Italy

11
send a message
Salvatore Vicidomini 11
Salvatore Vicidomini
Salvatore Vicidomini è nato a Napoli. Vissuto e cresciuto a Monte di Procida, dopo aver conseguito la maturità scientifica si iscrive alla Facoltà di Architettura di Napoli, dove si laurea al corso triennale in Scienze dell’Architettura con lode e dignità di pubblicazione presentando una tesi in Progettazione Architettonica per un'isola ecologica a Monte di Procida, seguito dal Prof. Arch. Sandro Raffone. Ammesso all’Accademia di Architettura di Mendrisio, in Svizzera, frequenta il master in Progettazione Architettonica guidato, durante il primo anno di specializzazione, da Franz Oswald e Valerio Olgiati. Tra il primo e il secondo anno di specializzazione compie un anno di pratica professionale ad Asuncion, in Paraguay, presso il “Gabinete de Aquitectura” di Solano Benitez. Tornato in Svizzera frequenta l’ultimo semestre con l’architetto Walter Angonese e si Laurea in Architettura con Mario Botta presentando una tesi per una Stazione Ferroviaria a Londra. Tornato in Italia, nella sua città natale, ed ottenuta l’abilitazione alla professione, inaugura, nel Luglio 2011, lo studio “manuarino_architettura+design”, nome che deriva dalla volontà di sottolineare le proprie radici culturali e sociali. "manuarino" non è altro che il soprannome del Nonno omonimo che Salvatore non ha mai conosciuto ma dal quale ha ereditato quasi involontariamente l'epiteto. La scelta di dare allo studio questo nome è una palese dichiarazione dell'importanza che viene attribuita al regionalismo architettonico che talvolta ha rappresentato la fortuna del nostro paese fornendo la ricchissima varietà costruttiva ed artistica di cui oggi disponiamo. Ad affiancare questa convinzione, anche se in maniera antitetica, vi è l'interesse per il mondo del design del prodotto che per definizione ha come obiettivo progettuale una riproducibilità industriale oggettiva che quindi, almeno all'apparenza, si contrappone alla ricerca architettonica e progettuale regionalista. L'obiettivo etico ma anche pratico della ricerca progettuale dello studio "manuarino" ha la presunzione di voler coniugare regionalismo e oggettivismo in architettura come in design, cercando di arrivare alla produzione di oggetti di uso comune o di organismi abitativi che abbiano questa doppia accezione. www.manuarino.com www.facebook.com/manuarinoarchitetturadesign www.pinterest.com/manuarino [email protected] [email protected]
Salvatore Vicidomini
Salvatore Vicidomini
Teams 1 teams

Salvatore Vicidomini è nato a Napoli. Vissuto e cresciuto a Monte di Procida, dopo aver conseguito la maturità scientifica si iscrive alla Facoltà di Architettura di Napoli, dove si laurea al corso triennale in Scienze dell’Architettura con lode e dignità di pubblicazione presentando una tesi in Progettazione Architettonica per un'isola ecologica a Monte di Procida, seguito dal Prof. Arch. Sandro Raffone. Ammesso all’Accademia di Architettura di Mendrisio, in Svizzera, frequenta il master in Progettazione Architettonica guidato, durante il primo anno di specializzazione, da Franz Oswald e Valerio Olgiati. Tra il primo e il secondo anno di specializzazione compie un anno di pratica professionale ad Asuncion, in Paraguay, presso il “Gabinete de Aquitectura” di Solano Benitez. Tornato in Svizzera frequenta l’ultimo semestre con l’architetto Walter Angonese e si Laurea in Architettura con Mario Botta presentando una tesi per una Stazione Ferroviaria a Londra. Tornato in Italia, nella sua città natale, ed ottenuta l’abilitazione alla professione, inaugura, nel Luglio 2011, lo studio “manuarino_architettura+design”, nome che deriva dalla volontà di sottolineare le proprie radici culturali e sociali. "manuarino" non è altro che il soprannome del Nonno omonimo che Salvatore non ha mai conosciuto ma dal quale ha ereditato quasi involontariamente l'epiteto. La scelta di dare allo studio questo nome è una palese dichiarazione dell'importanza che viene attribuita al regionalismo architettonico che talvolta ha rappresentato la fortuna del nostro paese fornendo la ricchissima varietà costruttiva ed artistica di cui oggi disponiamo. Ad affiancare questa convinzione, anche se in maniera antitetica, vi è l'interesse per il mondo del design del prodotto che per definizione ha come obiettivo progettuale una riproducibilità industriale oggettiva che quindi, almeno all'apparenza, si contrappone alla ricerca architettonica e progettuale regionalista. L'obiettivo etico ma anche pratico della ricerca progettuale dello studio "manuarino" ha la presunzione di voler coniugare regionalismo e oggettivismo in architettura come in design, cercando di arrivare alla produzione di oggetti di uso comune o di organismi abitativi che abbiano questa doppia accezione. www.manuarino.com www.facebook.com/manuarinoarchitetturadesign www.pinterest.com/manuarino [email protected] [email protected]