Roberto Della Croce

Architect Vecchiano / Italy

22
send a message
Roberto Della Croce 22
Roberto Della Croce
Interior design Casa privata - Interior design Proposta di Riqualificazione Urbana dell'area ex Caserma Bechi-Luserna, Pisa Foto-inserimento Piscina - Pool photomontage Progetto ristrutturazione villa, realizzazione palestra, piscina e sistemazione del giardino Concorso Metronapoli - progetto menzionato Contest Metronapoli - mention Parete attrezzata per una casa privata - Inner wall for a private house Villa Chris, Tirrenia Pisa Maneggio e centro di riabilitazione per cavalli, Foresteria e Club House Il nuovo Stadio di Firenze - Florence, new stadium project Installazione temporanea nel Canopo di Villa Adriana - Provisional installation in the Canopo, Villa Adriana La nuova Piazza Manzoni - New Manzoni square Edificio residenziale-Milano-Fotoinserimento Blocco residenziale, servizi e nuova piazza di quartiere - Proposta di Ricostruzione Villa Privata Lagos, Nigeria Progetto di giardino e sistemazione esterna per villa privata Rilievo della Facciata di Chiesa di San Jacopo Concorso di idee per Piazza Spirito Santo a Pistoia Concorso "LegnoCase" - Contest Bandiera e Stemma - Parte di Tramontana, Pisa Giardino - Solarium Villa Privata Riuso delle ex aree industriali Mirafiori a Torino - Requalification industrial areas Turin Ristrutturazione e Manutenzione Straordinaria di Casa in Linea Bifamiliare - Vecchiano Pisa Apartment-Interior Render Soggiorno/Cucina per una casa privata
Architetto, laureato con presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenza nel 2011. Abilitato alla professione nel Settembre 2012 e iscritto all’Ordine degli Architetti di Pisa al n.1132 nel Marzo 2013. Lingue conosciute: inglese, francese L’architetto Roberto Della Croce è un giovane progettista, si laurea nella Magistrale in Architettura nel 2011 con il professore Ulisse Tramonti con il massimo dei voti e lode con una tesi sul recupero dell’area dell’ex caserma Bechi-Luserna di Pisa, area strategica per la città. Progetto di Riqualificazione dell’Area dell’ex Caserma Bechi-Luserna, Pisa
Il lavoro ha avuto come tema Il riutilizzo come terminal turistico dell’area della Caserma Bechi-Luserna, logisticamente vocata a “porta” di accesso alla città storica per la sua vicinanza con il tracciato delle antiche mura della città e con il parco della Cittadella, la facile accessibilità dell’area attraverso i caselli autostradali e l’aeroporto dalla via Aurelia, la vicinanza con la stazione ferroviaria di Pisa Centrale a sud e la stazione di San Rossore a nord. L’area è destinata alla ricezione e permanenza dei mezzi di trasporto dei turisti, all’insediamento di strutture ricettive e commerciali finalizzate al prolungamento del soggiorno e al mantenimento/potenziamento dell’attuale offerta di prodotti turistici, all’insediamento di residenza ordinaria e di un parco urbano. Questa risulterà un’esperienza fondamentale per la conoscenza del territorio pisano, approfondito da studi e letture su Pisa paragonabile allo studio della città di Firenze, dove ha condotto i suoi studi.

Appartiene a un team di architetti chiamato 2/3 Architects fondato nell’aprile 2009, ancor prima di concludere gli studi universitari; il gruppo composto da 5 giovani professionisti ha organizzato mostre di architettura, urbanistica e fotografia e ha partecipato ad alcuni concorsi di idee e concorsi per giovani talenti con buoni risultati.
Intreccia rapporti professionali e scambi continui di idee con gli architetti Mario Buonamici, Luigi Pierotti e Massimo Del Seppia. Insieme a giovani colleghi e agli architetti Sandro Ghezzani e Maurizio De Santi presenta numerosi concorsi di progettazione e concorsi di idee che proseguono e sviluppano in vari ambiti la linea progettuale, le idee e i concetti del percorso di studi. Entusiasta del concorsi di progettazione ritenendo questo strumento un momento fondamentale di confronto e di crescita, si è spesso confrontato con modellazione tridimensionale e rendering, ma in generale con tutto ciò che riguarda la resa grafica dei progetti di architettura e la post produzione di immagini concettuali. Nei diversi progetti si può sperimentare forme nuove, fare ricerca e migliorarsi ogni volta, immaginare nuovi concept e linee, pensando sempre alla loro sostenibilità e alla possibilità di vedere concetti disegnati su carta realizzarsi davvero.

Tra i progetti più significativi si evidenzia la menzione per il progetto per il Concorso di idee per la Nuova Stazione Metropolitana, con una pubblicazione nel Marzo 2013, la collaborazione insieme allo studio Pica Ciamarra Associati di Napoli per il progetto del nuovo Padiglione Italia nell’ambito del concorso internazionale di progettazione di Milano Expo 2015 (edificio flessibile da riconvertire a fine expo in laboratori di ricerca), il progetto per il nuovo Polo Universitario di Ferrara a Cona e il progetto per il concorso per il nuovo Polo di Scienze della Vita e dell’Ambiente a Pisa.

Nel 2013 partecipa e entra attivamente a far parte insieme ad altri 53 architetti, ingegneri e professionisti nell’associazione culturale PISASTUDIUM, esperimento di collaborazione tra professionisti pisani con lo scopo di riuscire ad animare il dibattito sulla futura urbanistica di Pisa, sotto la guida dell’architetto Mario Buonamici. L’associazione ha ottenuto il suo primo risultato con la presentazione dell’iniziativa Pisast(A)udium nella mostra di architettura che ha avuto luogo a Pisa 5 febbraio 2014, esponendo il progetto per una cittadella dello sport della città di Pisa nell’area dei Navicelli e il progetto di recupero e riqualificazione dell’Arena Garibaldi, attuale stadio della città.
Intreccia rapporti professionali e scambi continui di idee con gli architetti Luigi Pierotti, Massimo Del Seppia e Manrico Logli con cui ha collaborato per numerosi concorsi di progettazione e progetti.
Roberto Della Croce
Roberto Della Croce
  • Address via Amedeo,65 Nodica - Vecchiano Pisa, 56019 Vecchiano | Italy
  • Tel +393490951857
Teams 1 teams

Architetto, laureato con presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenza nel 2011. Abilitato alla professione nel Settembre 2012 e iscritto all’Ordine degli Architetti di Pisa al n.1132 nel Marzo 2013. Lingue conosciute: inglese, francese L’architetto Roberto Della Croce è un giovane progettista, si laurea nella Magistrale in Architettura nel 2011 con il professore Ulisse Tramonti con il massimo dei voti e lode con una tesi sul recupero dell’area dell’ex caserma Bechi-Luserna di Pisa, area strategica per la città. Progetto di Riqualificazione dell’Area dell’ex Caserma Bechi-Luserna, Pisa Il lavoro ha avuto come tema Il riutilizzo come terminal turistico dell’area della Caserma Bechi-Luserna, logisticamente vocata a “porta” di accesso alla città storica per la sua vicinanza con il tracciato delle antiche mura della città e con il parco della Cittadella, la facile accessibilità dell’area attraverso i caselli autostradali e l’aeroporto dalla via Aurelia, la vicinanza con la stazione ferroviaria di Pisa Centrale a sud e la stazione di San Rossore a nord. L’area è destinata alla ricezione e permanenza dei mezzi di trasporto dei turisti, all’insediamento di strutture ricettive e commerciali finalizzate al prolungamento del soggiorno e al mantenimento/potenziamento dell’attuale offerta di prodotti turistici, all’insediamento di residenza ordinaria e di un parco urbano. Questa risulterà un’esperienza fondamentale per la conoscenza del territorio pisano, approfondito da studi e letture su Pisa paragonabile allo studio della città di Firenze, dove ha condotto i suoi studi. Appartiene a un team di architetti chiamato 2/3 Architects fondato nell’aprile 2009, ancor prima di concludere gli studi universitari; il gruppo composto da 5 giovani professionisti ha organizzato mostre di architettura, urbanistica e fotografia e ha partecipato ad alcuni concorsi di idee e concorsi per giovani talenti con buoni risultati. Intreccia rapporti professionali e scambi continui di idee con gli architetti Mario Buonamici, Luigi Pierotti e Massimo Del Seppia. Insieme a giovani colleghi e agli architetti Sandro Ghezzani e Maurizio De Santi presenta numerosi concorsi di progettazione e concorsi di idee che proseguono e sviluppano in vari ambiti la linea progettuale, le idee e i concetti del percorso di studi. Entusiasta del concorsi di progettazione ritenendo questo strumento un momento fondamentale di confronto e di crescita, si è spesso confrontato con modellazione tridimensionale e rendering, ma in generale con tutto ciò che riguarda la resa grafica dei progetti di architettura e la post produzione di immagini concettuali. Nei diversi progetti si può sperimentare forme nuove, fare ricerca e migliorarsi ogni volta, immaginare nuovi concept e linee, pensando sempre alla loro sostenibilità e alla possibilità di vedere concetti disegnati su carta realizzarsi davvero. Tra i progetti più significativi si evidenzia la menzione per il progetto per il Concorso di idee per la Nuova Stazione Metropolitana, con una pubblicazione nel Marzo 2013, la collaborazione insieme allo studio Pica Ciamarra Associati di Napoli per il progetto del nuovo Padiglione Italia nell’ambito del concorso internazionale di progettazione di Milano Expo 2015 (edificio flessibile da riconvertire a fine expo in laboratori di ricerca), il progetto per il nuovo Polo Universitario di Ferrara a Cona e il progetto per il concorso per il nuovo Polo di Scienze della Vita e dell’Ambiente a Pisa. Nel 2013 partecipa e entra attivamente a far parte insieme ad altri 53 architetti, ingegneri e professionisti nell’associazione culturale PISASTUDIUM, esperimento di collaborazione tra professionisti pisani con lo scopo di riuscire ad animare il dibattito sulla futura urbanistica di Pisa, sotto la guida dell’architetto Mario Buonamici. L’associazione ha ottenuto il suo primo risultato con la presentazione dell’iniziativa Pisast(A)udium nella mostra di architettura che ha avuto luogo a Pisa 5 febbraio 2014, esponendo il progetto per una cittadella dello sport della città di Pisa nell’area dei Navicelli e il progetto di recupero e riqualificazione dell’Arena Garibaldi, attuale stadio della città. Intreccia rapporti professionali e scambi continui di idee con gli architetti Luigi Pierotti, Massimo Del Seppia e Manrico Logli con cui ha collaborato per numerosi concorsi di progettazione e progetti.

Activities