inTESSERE

Premio Maggia 2013 Andorra la Vella / Italy / 2013

24
24 Love 2,990 Visits Published
Dai suoi albori, l’industria tessile vive in simbiosi con il paesaggio biellese; ne disegna il fascinoso profilo con le sue ciminiere e allo stesso tempo si appropria dei luoghi a ridosso delle correnti d’acqua per trarne energia. Oggi il lanificio ha reciso il filo che lo legava alla città ed al suo paesaggio, inteso non solo come territorio geografico, ma anche come retroterra culturale fatto di informazioni complesse che hanno permeato questi luoghi instaurando con essi una inequivocabile relazione. inTESSERE è il tentativo di recupero, da parte dell’uomo, del rapporto opificio/paesaggio. Il metodo è quello di indurre, partendo dal particolare delle forme, dei suoni e dei colori, un senso riconoscibile e silenziosamente comune. Il mezzo è la macchina, il telaio, che un tempo misurava e animava lo spazio. Macchina che, rappresentata nella sua forma astratta, si slancia con decisione verso il paesaggio circostante, proiettandosi come elemento di congiunzione tra passato e presente, ridisegnando al contempo il prospetto del lanificio. Nella sua organicità interna, invece, il telaio si smaterializza, disegna lo spazio e dá vita ad un tappeto vibrante che gioca con le sensazioni per creare coinvolgimento e attirare attenzione; questo piano si scompone in tasselli che riportano all’interno dell’opificio il segno verticale delle ciminiere. É cosi che la macchina riprende ad animarsi e, da strumento per la produzione, si tramuta in strumento per la valorizzazione. Since from the beginning, the textile industry lives in symbiosis with the landscape of Biella; it draws the fascinating skyline with its chimneys and in the meanwhile it appropriates the site nearby the stream in order to get energy. Nowdays the woollen mill has cut off the thread that used to tie it to the city and to the landscape, understood not only as geographical territory, but also as cultural background, made of complex information that has permeated these places, establishing with them a unique relationship. inTESSERE is the attempt to recover the connection between factory and landscape. The method is to induce, starting from the detailed of the shapes, of the sounds and of the colours, a recognizable common sense. The mean is the machine, the loom, that used to measure and inspirit the space. A machine that, represented in its abstract shape, firmly launches itself towards the landscape, becoming a connection between the past and the present, drawing the front of the woollen mill. Instead the loom dematerializes itself, it draws the space and gives life to a vibrant carpet that plays with the sensation in order to involve and to attract attention. This plan breaks up into pieces that bring inside the vertical sign of the chimneys. In so doing, the machine returns to life as it transforms from a manufacturing instrument into a means of development. http://intessere00.wordpress.com
24 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Dai suoi albori, l’industria tessile vive in simbiosi con il paesaggio biellese; ne disegna il fascinoso profilo con le sue ciminiere e allo stesso tempo si appropria dei luoghi a ridosso delle correnti d’acqua per trarne energia. Oggi il lanificio ha reciso il filo che lo legava alla città ed al suo paesaggio, inteso non solo come territorio geografico, ma anche come retroterra culturale fatto di informazioni complesse che hanno permeato questi luoghi instaurando con essi una inequivocabile...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 24 users