Campidoglio 2

7° classificato Rome / Italy / 2008

3
3 Love 3,619 Visits Published
I presupposti urbanistici hanno certamente condizionato la concezione del Bando di Concorso, con l’assunzione del “piano di assetto” quale riferimento per Campidoglio Due. Condizione da cui discende l’impraticabilità di alcune soluzioni, come quelle attinenti una diversa articolazione dei volumi e degli spazi urbani, più ricca e articolata di quanto permetta il rigido tessuto urbano del Piano stesso. Il Gruppo ha comunque intrapreso un percorso progettuale inteso a cogliere proprio nelle caratteristiche del sito i primi essenziali riferimenti. Fin dall’avvio delle prime elaborazioni, si è fatto leva sul diverso senso della tecnologia di cui era (ed è) intriso il luogo per iniziare a pensare ai primi, essenziali, riferimenti da assumere nel progetto: il genius loci da rintracciare fra la moltitudine di disordinati segnali che promanano dal sito. Seguendo tali riflessioni, il complesso della ex Manifattura è stato assunto quale parte integrante dell’area d’intervento, meritevole di particolare attenzione per la presenza di valori architettonici di non trascurabile caratura: l’opera è infatti riconducibile a Pier Luigi Nervi.
Lo spazio collettivo di una città può essere definito come il sistema unitario di aree e di edifici inglobati nel territorio urbanizzato che hanno un’incidenza sulla vita collettiva. L'ispirazione che ha guidato le decisioni progettuali si è sviluppata quindi intorno al tema della “fabbrica del lavoro amministrativo e di governo della città”. Insieme a tali concetti il Gruppo ha associano l’alta tecnologia e le esperienze mondiali più innovative nel campo delle Architetture per Uffici, delle sedi amministrative e della Cultura, del tempo libero, degli spazi di relazione e per una molteplicità di altre funzioni. Particolare cura è stata dedicata alla sostenibilità, per controllare l'ambiente interno ed esterno dei corpi di fabbrica attraverso metodi efficienti attivi e passivi. Gli edifici per ufficio sono stati modellati ed orientati in modo da consentire che la luce diurna raggiunga tutti gli spazi pubblici all’aperto. Il fatto di essere sopraelevati permette al vento di fluire attraverso gli spazi e di attenuare l’eventuale eccessivo calore nei luoghi collettivi. I “tetti verdi” contribuiscono a ridurre l’aumento della temperatura, causato dall’estendersi delle superfici artificiali, e permettono inoltre di far confluire in maniera adeguata l’acqua piovana. Le facciate orientate a sud degli uffici sono progettate rivestite con pannelli frangisole di metallo perforato, che permettono agli spazi interni di avere un clima temperato. Il sistema di raffreddamento (a travi fredde) contribuisce a creare il massimo confort.

RESPONSABILI RAGGRUPPAMENTO DI PROGETTAZIONE:
SKIDMORE OWINGS & MERRILL LLP - GARY P. HANEY (SOM)
PAOLO MICALIZZI (Università “Roma Tre”) associato SOM
ALFREDO PASSERI (Università “Roma Tre”) associato SOM – capogruppo


GRUPPO DI PROGETTAZIONE:
PETER J. MAGILL (SOM), ANTONIO CACCHIONE (BOVIS LEND LEASE), ADRIANO CARACCIOLO, ROBERTA CIACCIA, OTTAVIO CIALONE, CARLO M. CIAMPOLI (SOM), MARCELLO CIAMPOLI (strutture), NICOLA COLELLA (BOVIS LEND LEASE), FABIO FAIETA, MARCO FRASCAROLO (impianti), GIACOMO MARTINES, STEFANO EUGENIO MASTROMATTEO (BOVIS LEND LEASE), CHIARA MICALIZZI, DANIELE MICOZZI, CHARLES DONALD PEPPERS JR (SOM), VALENTINA PINI, AGNESE PIZZUTI, ROBERTA RINALDI, MARCO RUPERTO, KIM VAN HOLSBEKE (SOM), GONZALO CARBAJO (SOM), ALESSANDRO BEGHINI (SOM), ROGER FRECHETTE (SOM), HINA HAMEED (SOM), MAX HANEY (SOM), WILLIAM F. BAKER (SOM), CHUCK BESJAK (SOM), JEFF BOYER (SOM), PIERO ANTONILLI, ALESSANDRO MINATI, LAMBERTO GRUTTER, DAMIANO CANDELORO

Studio legale Ripa di Meana (Avv. Luca Scordino, Avv. Emanuele Lipuma)
3 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    I presupposti urbanistici hanno certamente condizionato la concezione del Bando di Concorso, con l’assunzione del “piano di assetto” quale riferimento per Campidoglio Due. Condizione da cui discende l’impraticabilità di alcune soluzioni, come quelle attinenti una diversa articolazione dei volumi e degli spazi urbani, più ricca e articolata di quanto permetta il rigido tessuto urbano del Piano stesso. Il Gruppo ha comunque intrapreso un percorso progettuale inteso a cogliere proprio nelle...

    Project details
    • Year 2008
    • Status Competition works
    • Type Government and institutional buildings
    Archilovers On Instagram
    Lovers 3 users