L’uliveto in città_MIUR PRIN 2009 PALERMO

Progetto di riqualificazione urbana per la dotazione di servizi e verde pubblico nel comune di Carini (PA) Carini / Italy / 2012

5
5 Love 2,166 Visits Published
Secondo le indicazioni del programma, il progetto è costruito su due operazioni fondamentali per la costruzione di relazioni coerenti tra tessuto urbano e tessuto agricolo: - concentrazione delle densità di alcune funzioni (servizi, attrezzature) e diradamento di altre (residenza); - riconfigurazione della rete viaria esistente. L’intervento, infatti, prevede che sia “liberata” una porzione di territorio importante, sia per dimensioni (mq 22.000) che per posizione, compresa tra la via Rocco Chinnici a nord e gli edifici residenziali sulla via Antonello da Messina a sud, tra l’estrema propaggine dell’uliveto sotto Pizzo Castellaccio ad est e i margini dell’insediamento urbano di Carini a ovest. È dunque il cuore del sistema di relazioni territoriali e paesaggistiche che qualifica tutto il sistema attraversato dal torrente Gugliotta in direzione nord-sud. Si prevede, inoltre, che tale sistema diventi un’unica striscia verde, lunga 360 m e profonda 60 m, c la cui funzione è di “legare” la città e l’uliveto, lasciando penetrare quest’ultimo (insieme ad un sistema di piantumazioni opportune) fin quasi a lambire il corso Italia. Per realizzare questo obiettivo si prevede di eliminare il tratto finale della via Antonello da Messina, di realizzare sul margine ovest dell’area un nuovo collegamento viario tra la via Luigi Sturzo e la via Rocco Chinnici/via Giacomo Leopardi come prolungamento di strade esistenti, di demolire gli edifici residenziali sul fronte sud della via Rocco Chinnici e di concentrare tutte le nuove funzioni (scuola e mercato) e quelle da ricollocare (residenza) sul fronte nord, costruendo un nuovo fronte urbano denso e articolato. In questo nuovo sistema l’asse della via Rocco Chinnici diventa nuovamente centrale come linea di interfaccia tra il nuovo parco a sud – la striscia – e la città a nord. Questa striscia è dunque il cuore del progetto e del suo fronte urbano sulla via Rocco Chinnici: un sistema lineare costituito in sequenza da un doppio filare di alberi e dal nuovo acquedotto che corre sopraelevato dando forma a un portico di ordine gigante (8 m). La testa di questo sistema guarda verso la città e verso la montagna ed è una piazza, dove il portico si avvolge su se stesso e culmina nella torre dell’acqua. L’idea è quella di realizzare dispositivi architettonici di misura intermedia tra la scala gigante del paesaggio dominato dal Monte Colombrina e quella della città minuta che è Carini attualmente. E attraverso questi, misurando paesaggio e tessuto urbano, lasciare entrare l’uliveto in città.
5 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Secondo le indicazioni del programma, il progetto è costruito su due operazioni fondamentali per la costruzione di relazioni coerenti tra tessuto urbano e tessuto agricolo: - concentrazione delle densità di alcune funzioni (servizi, attrezzature) e diradamento di altre (residenza); - riconfigurazione della rete viaria esistente. L’intervento, infatti, prevede che sia “liberata” una porzione di territorio importante, sia per dimensioni (mq 22.000) che per posizione, compresa tra la via Rocco...

    Project details
    • Year 2012
    • Client MIUR - Università di Palermo
    • Status Research/Thesis
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Social Housing / Kindergartens / Markets
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users