Riqualificazione delle piazze Aldo Moro ed Enrico Berlinguer

Putignano / Italy / 2012

3
3 Love 1,482 Visits Published
L’analisi della situazione attuale della parte di città oggetto dell'intervento, ha evidenziato la necessità di avviare un processo di riqualificazione che restituisca a questi luoghi l'identità e il valore urbano che in passato, la Villa Comunale e il Foro Boario hanno rappresentato.
Il progetto trae spunto dall’evidente vocazione dell'area a svolgere una funzione di cerniera e di collegamento tra il nucleo antico e lo sviluppo cittadino in direzione sud ovest, assumendo quindi la massima permeabilità ai flussi pedonali come una priorità da anteporre a tutte le altre considerazioni.
L'organizzazione del sistema di spazi aperti e di edifici che si intende proporre, può essere efficacemente sintetizzata descrivendo le macro aree che si attraversano effettuando una passeggiata in discesa da Via Roma verso Via Noci: la Villa, la nuova Piazza Moro, l'area di verde attrezzato, Piazza Berlinguer.
La Villa
Un nuovo giardino pubblico delimitato sui lati est e ovest da due edifici lineari troverà luogo a partire dall'area pedonale a ridosso di via Roma.
Una parte del verde attrezzato sarà il tetto giardino di tipo intensivo, a copertura della nuova autorimessa a due livelli, di cui si prevede la realizzazione al posto delle strutture dell'ex sala convegni.
Il parco che si estende per circa 2.000 mq sarà permeabile ai flussi pedonali e attraverso un sistema di gradonate e di piani inclinati si raccorderà, con la nuova Piazza Aldo Moro collocata circa sette metri più in basso rispetto alla quota di Via Roma e dell'Estramurale, sul sedime dell'ex mercato coperto di cui si prevede la demolizione.

Piazza Aldo Moro
La nuova Piazza, dalla forma rettangolare, sarà come il parco definita sui lati est e ovest dalla presenza dei nuovi edifici lineari, che qui saranno più alti, e assieme agli edifici presenti su Via Amendola configureranno uno spazio "chiuso" in grado di intensificare la percezione del luogo come piazza urbana.
Il lato nord su cui si apre la visuale del parco sarà caratterizzato da rampe, scale e gradonate per la sosta e la socializzazione. Il nuovo fabbricato sul lato est, che si sviluppa in adiacenza all'Estramurale, dialoga con il nucleo antico verso il quale si presenta costantemente ad un solo livello, con elementi architettonici con funzione commerciale, trasparenti e attraversabili, uniti da una copertura che si fa portico e delinea spazi di sosta e relazione all'aperto.
Sfruttando il salto di quota che si verrà a creare a seguito della prevista demolizione del mercato coperto, si
potranno realizzare altri due livelli al di sotto della quota
dell'Estramurale (+363), addossati al muro di contenimento esistente opportunamente consolidato.
Alla quota della piazza sono previsti esercizi commerciali
e al primo livello uffici privati.
Tale distribuzione potrà variare in funzione delle esigenze ed eventualmente potranno essere aumentate le superfici commerciali, collegando i livelli internamente ai singoli esercizi.
Un corpo scale e un ascensore, avranno funzione di collegamento urbano tra il nuovo parcheggio, la piazza e l'Estramurale e serviranno anche i tre piani del fabbricato.
Le scalinate esistenti che collegano Via Amendola con il centro
storico, saranno conservate e valorizzate con un ripristino delle finiture in pietra e dei parapetti metallici. L'edificio sul lato ovest corre parallelamente a Via Matteotti e mantenendo fissa la quota della copertura, si scopre mano a mano che la strada scende, fino a raddoppiare la sua altezza in prossimità di Via Amendola. Nella parte alta di Via Matteotti emergono i volumi con le stesse caratteristiche di quelli situati di fronte all'Estramurale, da destinare a servizi, accessibili direttamente dalla strada e dal parco.
L'autorimessa con gli ingressi carrabili dalla strada, si sviluppa su due livelli distinti, collegati con un corpo scala e un ascensore all'area pedonale di fronte al Municipio e, con percorsi privi di barriere architettoniche, direttamente con la piazza Aldo Moro. La porzione di fabbricato che si affaccia sulla piazza sarà destinata al livello più basso a servizi commerciali, mentre il piano superiore potrà ospitare gli uffici pubblici richiesti dal bando.

Il giardino attrezzato
La scelta di pedonalizzare il tratto di Via Matteotti tra Via Stefano da Putignano e Via Amendola, permetterà di collegare gli ambiti appena descritti con l'attuale area di Piazza Berlinguer.
Anche in questa zona, si è pensato di realizzare una nuova autorimessa su due livelli di cui uno interrato e l'altro al livello attuale della Piazza. La copertura del parcheggio, sarà interamente fruibile e diverrà una terrazza che da un lato si porrà in continuità con Piazza Moro, mentre si affaccerà sulla nuova Piazza Berlinguer verso ovest. Attraverso il recupero delle basole originali, sarà ricreato fedelmente il disegno della pavimentazione dell'antico Foro Boario, mentre una pensilina in struttura metallica, e moduli fotovoltaici policristallini integrati in vetri di sicurezza, coprirà una parte di questo giardino, e della piazza sottostante, richiamandone alla memoria la copertura smantellata recentemente.

Piazza Berlinguer
Questa Piazza è stata riconfigurata con una forma rettangolare allungata, chiusa sui lati est e ovest da spazi commerciali su un livello, che ripropongono e implementano le funzioni attualmente presenti, legate alla vendita di generi alimentari. La nuova disposizione degli edifici che prevede la demolizione delle preesistenze, ha lo scopo di favorire l'accesso da Via Stefano da Putignano, che costituisce un agevole collegamento con Via Roma e Piazza Moro.

Qualità architettonica e rapporto con l’esistente
L’intervento di riqualificazione a fronte della demolizione della ex sala convegni e dell’ex mercato coperto, prevede la costruzione di nuove volumetrie per complessivi mc 31.500, di cui 14.500 di autorimesse. Per i nuovi edifici è stato individuato un linguaggio architettonico omogeneo che, seppure decisamente contemporaneo, possa dialogare con il contesto urbano a cui si riferisce, esprimendo una riconoscibilità improntata alla semplicità del disegno.
Le partizioni verticali che caratterizzano le facciate, assicurano una buona illuminazione naturale e un’ampia visuale dell’esterno, svolgendo contemporaneamente azione schermante in relazione all’esposizione est ovest dei fabbricati. Inoltre consentono di effettuare la distribuzione interna degli ambienti, secondo moduli da stabilire in relazione alle effettive esigenze. Il progetto prevede per le nuove pavimentazioni l'impiego di lastre di pietra di Trani, posate a correre con continuità su tutta l'area di intervento per enfatizzare il senso di unitarietà del complesso.

Aspetti organizzativi e funzionali

Piazze flessibili
Nella nuova organizzazione dell'area di intervento sono state individuate una serie di piazze "flessibili" che possono essere
utilizzate in vari modi, in vari momenti e periodi dell'anno, in relazione agli eventi e alle iniziative che si svolgono sul territorio di Putignano.
Anche le aree pedonali prospicienti via Roma, l'Estramurale nell’area giardino attrezzato, e localizzate in Piazza Berlinguer, potranno essere utilizzate per creare una sinergia che consenta la contemporaneità di manifestazioni diverse, o l’articolazione di eventi di grandi dimensioni.
3 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    L’analisi della situazione attuale della parte di città oggetto dell'intervento, ha evidenziato la necessità di avviare un processo di riqualificazione che restituisca a questi luoghi l'identità e il valore urbano che in passato, la Villa Comunale e il Foro Boario hanno rappresentato. Il progetto trae spunto dall’evidente vocazione dell'area a svolgere una funzione di cerniera e di collegamento tra il nucleo antico e lo sviluppo cittadino in direzione sud ovest, assumendo quindi la massima...

    Project details
    • Year 2012
    • Main structure Reinforced concrete
    • Client Comune di Putignano (BA)
    • Cost 12.000.000
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / Parking facilities / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 3 users