Villa Unifamiliare "MODULO 33"

Premio PAI 2008 - Menzione di riconoscimento nella categoria A - Nuove Costruzioni La Morra / Italy / 2008

3
3 Love 3,422 Visits Published
Per la categoria A - Nuove Costruzioni del Premio PAI 2008 menzione di riconoscimento all'arch. Luca Sensibile con Villa Unifamilare "per l'appropriata interpretazione degli spazi domestici e l'attenta progettazione di ogni particolare inclusi gli aspetti impiantistici"

L’edificio unifamiliare, realizzato nel comune di La Morra, poco distante dal concentrico, si erge in una zona residenziale diversificata per tipologia e caratteristiche costruttive. Nella sua articolazione volumetrica la costruzione seguendo la conformazione naturale del terreno si dispone trasversalmente ad esso attraverso una concatenazione di volumi che individuano le diverse funzioni dell’abitazione. Partendo da un semplice elemento della geometria solida, che conserva inalterati i suoi caratteri di riconoscibilità, il progetto assume forma compiuta attraverso l’organizzazione funzionale della casa. Il primo dei volumi, che si sviluppa su due livelli identifica la zona giorno, composta da un ampio soggiorno e dalla cucina, separata solamente da una quinta in muratura, creando un unico ambiente rivolto verso la piscina e il giardino in comunicazione diretta con l’esterno per mezzo delle ampie vetrate. Percorrendo la scala in vetro, dalle linee essenziali, si raggiunge il soppalco, si tratta dello spazio più rappresentativo della casa, poiché grazie all’ampia vetrata offre una vista spettacolare sulle “langhe”. Questo spazio soppalcato, utilizzato come studio, permette di raggiungere la camera da letto e il bagno per gli ospiti. Dal soggiorno attraverso l’unica porta si raggiunge il secondo volume che costituisce la zona notte, composta da una camera da letto dei figli con annessa zona studio, da un bagno di servizio, e dalla “suite” padronale composta a sua volta dalla camera da letto, dallo spogliatoio e dal bagno, quest’ultimo ricavato nel terzo volume. Sempre dal soggiorno, infine, attraverso una scala, si raggiunge il piano interrato costituito dai locali accessori all’abitazione quali: autorimessa, cantina, ripostiglio, disimpegno, taverna, lavanderia, e due vani tecnici di cui uno a servizio della piscina, in cui è collocata la vasca di compenso per un funzionamento a sfioro della stessa. La distinzione dei volumi che determinano una naturale disposizione degli ambienti interni, si manifesta anche nella scelta dei materiali di rivestimento. Il primo volume, su due livelli, ha una facciata ventilata realizzata in lastre di porfido accostate che creano una scansione orizzontale, con un criterio costante composto da un "modulo di 33 cm" che ha determinato la forma e l’altezza delle aperture e delle grandi vetrate. Il secondo volume di colore bianco, rappresentativo della zona notte, è rivestito da un “cappotto” dello spessore di cm 8. Il terzo ed ultimo volume è rivestito in doghe verticali di legno di teak, lo stesso materiale della porta d’ingresso, dei balconi e del marciapiede che circonda la casa fino al bordo della piscina. Le pareti perimetrali e le coperture sono state adeguatamente isolate dall’esterno per ovviare a problemi di ponti termici, e protette con sistemi areati. Fondamentale è stato il progetto della facciata ventilata; per migliorare il controllo igrotermico, il rivestimento è stato staccato dalla parete, creando una vera e propria camera d’aria ventilata. Il flusso controllato che si attiva per “effetto camino” è costituito da una lama d’aria che entra nel punto di raccordo tra il legno del marciapiede e la pietra di rivestimento, ed esce dalla scossalina di chiusura del rivestimento in corrispondenza della copertura. La scelta dei materiali ha consentito di creare un gioco di variazioni continue nelle colorazioni di tutto l’involucro, accentuato da condizioni espositive che generano differenziazioni cromatiche. La pietra in porfido in particolare rappresenta l’attacco da terra di tutto il primo volume, e diviene il rivestimento di tutto il piano seminterrato lungo la rampa che da accesso all’autorimessa. Strutturalmente la costruzione è realizzata in cemento armato, tranne per il soppalco, realizzato in acciaio, il quale è sostenuto per un lato da dei tiranti, che attraversano il solaio di copertura della zona giorno. L’illuminazione naturale assume un ruolo essenziale nel rapporto tra ambienti esterni e spazi interni all’edificio: finestre, portefinestre e ampie vetrate definiscono la gerarchia dei rapporti. La dimensione notevole delle aperture rispetto alle parti opache di facciata ha richiesto attente valutazioni nella scelta dei serramenti per garantire il controllo delle temperature interne: telai in acciaio inox satinato della ditta Jansen, sono a taglio termico con vetri a bassa emissività, integrati da schermi solari costituiti da avvolgibili della ditta Griesser, che essendo microforate, regolano l’ingresso della luce oltre che garantire la ventilazione nei periodi estivi. Esteticamente la volontà di vedere dall’interno le ampie vetrate a tutta altezza, fino al solaio, senza però vedere i cassonetti, ha imposto fin dall’inizio una scelta strutturale condizionata dalla creazione nei solai di un cassonetto coibentato accessibile dall’esterno attraverso un celino di ispezione. In corrispondenza del balcone l’alloggiamento dell’avvolgibile è stato creato al di sotto della struttura in acciaio di sostegno. Internamente tutta la casa è stata pavimentata con doghe in legno di rovere naturale della larghezza di cm 16, ad esclusione del piano interrato. Le pareti dei bagni sono state rivestite in pietra di basalto di colore grigio creando un forte contrasto con gli accessori in ceramica bianca. L’impianto termico è a panelli radianti, della ditta Velta, integrato, in corrispondenza delle vetrate, da un sistema di ventilconvettori a pavimento della ditta Kampmann, il tutto alimentato da una caldaia a condensazione assistita da un sistema di panelli solari ubicati sull’ultimo solaio di copertura. L’impianto elettrico domotico della ditta Bticino Axolute, consente una completa gestione di tutta la casa dal controllo del riscaldamento, all’apertura e chiusura automatica degli schermi solari in funzione della temperatura interna, in modo da avere in qualsiasi momento della giornata un confort abitativo ottimale.

3 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Per la categoria A - Nuove Costruzioni del Premio PAI 2008 menzione di riconoscimento all'arch. Luca Sensibile con Villa Unifamilare "per l'appropriata interpretazione degli spazi domestici e l'attenta progettazione di ogni particolare inclusi gli aspetti impiantistici"L’edificio unifamiliare, realizzato nel comune di La Morra, poco distante dal concentrico, si erge in una zona residenziale diversificata per tipologia e caratteristiche costruttive. Nella sua articolazione volumetrica la...

    Project details
    • Year 2008
    • Work started in 2005
    • Work finished in 2008
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    • Websitehttp://www.lucasensibile.it
    Archilovers On Instagram
    Lovers 3 users