Twin Loft

Milan / Italy / 2007

121
121 Love 11,300 Visits Published
A single-cell organism divided into two volumes structurally identical and internally similar but opposite. This is the project –or “projects”? – for the restructuring and interiors of twin lofts, designed by Federico Delrosso in the post-industrial Milan of 2007. The work turned in fact on a former factory in the southern part of Milan, once an industrial outer suburb and today a residential district. “This is a complex project, and you can read it in different ways. The most obvious result is the creation of twin lofts, with the same design as the internal spaces, because they were created by the dividing a single one long sleeve-shaped space lengthwise. But starting from the personal data of the residents (the first-loft A- is Delrosso’s own studio-home, the second-loft B- is the private home of Alessandro Sartori*, creative director of Zegna’s Z line)) I devised a project which developed the architectural details, the furnishings... the experience of the home in an individual way, in short by using materials and colours like the letters of an alphabet: to write similar, interlocutory or opposed phrases, but always with a coherent grammar.” “The ground floors of the two lofts, for example, each comprise the mirrored halls, open kitchens, and the apertures onto the small private gardens, a long table with high seating, a bathroom and the staircase that goes up to the floors above. Working with the same elements I created interiors with different spirits. In the first one, in fact, the staircase is the strong element, thanks to its volumes (which incorporate the bathroom), the raw material (pickled iron) with bare welds and the risers of the stairs left hollow, so that as you go up your point of view changes and the staircase is lightened and acquires the consistency of origami. In the second loft, by contrast, I dematerialized the staircase using crystal for the treads and transforming the supporting structure into a simple white stepped line (painted iron) which developed upwards. The bathroom is here an independent volume, somewhat mysterious, internally dark but with a surprise opening set high up... Then the tables. They have diametrically opposite styles: linear and clearly defined the first, contemporary baroque the second. Even art lent me a hand in the construction of the specular layout of the ground floors. The party wall next to the entrance door has, in both homes, a painting by the same artist (Giovanni Manfredini). Shoulder to shoulder, in fact, I positioned two strong images in black and white, with the one almost the negative of the other. Like the colours used for the surfaces: all white for the satin-finish lacquered wood of the cabinets and work surfaces in Corian in the first; kitchen top in glossy steel and white lacquer and wengé for the cabinets in the second. Symmetries and variations are also interlaced on the upper floors. On the first floor (living room for both) I installed a portion of glass flooring, to provide a glimpse of the kitchens below, but in the second loft this detail is enhanced because it is repeated over the shower in the ground-floor bathroom, and also in the staircase, which becomes even more transparent and visually light. In the first one instead the protagonists are the furnishings: a lounge suite with strong squared lines, Van Der Rohe’s Barcelona chair and the big mirror by Starck. On the second floor I tried to invert not only the consistency but also the perception of the spaces. In the first I interrupted the strictly orthogonal interiors by introducing a circular bed and replacing the doors of the walk-in wardrobe by a whole wall made of soft white draperies. Beyond the confines, the sleeping quarters of the second loft, instead has a large white roundish bathtub, some elements derived from the world of fashion, like the silver and fuchsia chair, and a highly distinctive walk-in wardrobe in wengé wood with a mirror insert. The top level of the attic, in the first case is an all-white space designed as a guest room, while in the second it is a wellness space with small private gym.” Alessandro Sartori’s design input “It may happen that the relations between designer and client are troubled, but in this case I think we had a happy encounter of ideas, desires and “visions” which bred a perfect harmony of intents. This harmony could hardly help giving rise to a beautiful friendship and a specular project. I felt the need of a home/den where I could live amid elements important to me: light, buoyancy and the fluidity of colour. Federico translated these inputs of mine into transparent materials (the staircases, a part of the floor, the absence of internal walls...), an almost complete white for walls and details, and then what I called “the absences”. That is to say, some parts of floor are absent, distinctive colours are absent... these “absences” are what that will enable me, eventually, to introduce “solids”: details, objects, colours.. . With this project Federico enabled me to experience an imperceptible sense of freedom, made up not of what I can materially see or touch, but of the infinite possibilities I will have in living in and furnishing my loft.” “... I like talking about this project because in the colours (white, grey, natural brown and black), in the materials (glass, wood, corian and iron) and even in the small differences in the functions, I was able to explore a symmetry that was conceptual and ironic even before being structural and designed. For an architect this is a rare opportunity, so I used this work as an area of free experimentation for my future works.” F.D. [IT] Un organismo monocellulare diviso in due volumi strutturalmente uguali e internamente simili ma opposti. Questo è il progetto (o “i progetti”?) di ristrutturazione e interior per due loft gemelli, firmati da Federico Delrosso nella Milano postindustriale del 2007. Il lavoro è stato svolto infatti su un ex fabbrica della zona sud-milanese, un tempo periferia industriale e oggi quartiere residenziale. “Si tratta di un progetto complesso, che può avere diverse chiavi di lettura. Il risultato più evidente è la creazione di due loft gemelli, che presentano il medesimo disegno degli spazi interni, perchè nati dalla divisione longitudinale di un’unica manica lunga. Ma, a partire dal dato personale degli abitanti (il loft A è studio-abitazione dello stesso Delrosso, il loft B è l’abitazione privata di Alessandro Sartori*, creative director della linea Z Zegna) ho elaborato un progetto che sviluppasse in modo individuale i dettagli architettonici, l’arredo... il vissuto della casa, insomma, usando materiali e colori come lettere di un alfabeto: per scrivere frasi simili, interlocutorie o opposte, ma con una grammatica sempre coerente”. “Il piano terra dei due loft, per esempio, ospita in modo speculare l’ingresso, la cucina a vista, l’apertura sul piccolo giardino privato, un lungo tavolo con sedute “alte”, un bagno e la scalinata che porta ai piani superiori. Con gli stessi elementi ho creato ambienti dallo spirito diverso. Nel primo, infatti, la scalinata è l’elemento forte, grazie ai suoi volumi (che incorporano il bagno), al materiale grezzo (ferro decappato) con saldature a vista e allo svuotamento delle alzate dei gradini, così che salendo cambia il punto di vista e la scala si alleggerisce assumendo la consistenza di un origami. Nel secondo loft invece ho smaterializzato la scala usando il cristallo per le pedate e trasformando la struttura portante in una semplice linea bianca a gradini (ferro verniciato) che si sviluppa verso l’alto. Il bagno qui è un volume autonomo, un po’ misterioso, internamente oscuro ma con un’apertura a sorpresa verso l’alto... I tavoli poi hanno stili diametralmente opposti: lineare e pulito il primo, barocco contemporaneo il secondo. Perfino l’arte mi ha dato una mano nella costruzione della specularità dei piano terra. La parete accanto alla porta d’ingresso (quella di confine) ospita, in entrambi i locali, un quadro dello stesso autore (Giovanni Manfredini). Spalla contro spalla, di fatto, ho posizionato due immagini forti in bianco e nero, e l’una è quasi il negativo dell’altra. Come i colori utilizzati per le superfici: bianco integrale per il legno laccato satinato dei contenitori e per il piano di lavoro in Corian, nel primo; piano cucina in acciaio lucido e laccatura bianca e wengé per i contenitori del secondo. Le simmetrie e le diversità si rincorrono poi anche ai piani superiori. Al primo piano (zona living per entrambi) ho realizzato una porzione di soletta in vetro, per offrire uno sguardo sulle cucine sottostanti, ma nel secondo loft questo dettaglio viene esaltato perchè ripreso in corrispondenza della doccia nel bagno a piano terra, e anche nella scala che diventa ancora più trasparente e visivamente leggera. Nel primo invece sono protagonisti gli arredi: imbottiti dalle linee forti e squadrate, la poltrona Barcelona di Van Der Rohe e il grande specchio di Starck. Al secondo piano ho provato ad invertire non solo la consistenza ma anche la percezione degli spazi. Nel primo infatti ho interrotto l’ortogonalità rigorosa degli ambienti introducendo un letto circolare e sostituendo le ante della cabina armadio con una parete intera fatta di morbidi tendaggi bianchi. Oltre confine, la zona letto del secondo loft ospita invece una grande vasca da bagno bianca tondeggiante, alcuni elementi derivati dal mondo fashion, come la poltroncina in argento e fucsia, e una cabina armadio molto caratterizzante, in legno wengé con un inserto a specchio. L’ultimo livello del sottotetto, nel primo caso è uno spazio total white destinato alla stanza per gli ospiti, nel secondo è uno spazio wellness con piccola palestra privata.” L’input progettuale di Alessandro Sartori “Succede che i rapporti tra progettista e committente siano complicati, ma in questo caso penso ci sia stato un felice incontro di idee, desideri e “visioni” che ha generato una perfetta sintonia d’intenti. Da questa sintonia non poteva che nascere una bella amicizia e un progetto speculare. Sentivo il bisogno di una casa/rifugio da vivere tra elementi per me importanti: la luce, la leggerezza e la fluidità del colore. Federico ha tradotto questi miei input in materiali trasparenti (le scale, una parte del pavimento, l’assenza di muri interni...), un bianco quasi integrale per pareti e dettagli, e poi quelle che ho chiamato “le assenze”. Cioè, mancano alcune parti di pavimento, mancano colori caratterizzanti... queste “assenze” sono quelle che mi permetteranno, nel tempo, di introdurre dei “pieni”: dettagli, oggetti, colori... Con questo progetto Federico mi ha permesso di sperimentare un senso di libertà impercettibile, fatta non di quello che materialmente posso vedere o toccare, ma delle infinite possibilità che avrò nel vivere e arredare il mio loft”. “...Mi piace raccontare questo progetto perchè nei colori (bianco, grigio, natural brown e nero), nei materiali (vetro, legno, Corian® e ferro) e perfino nelle piccole diversità di destinazione d’uso, ho potuto esplorare una simmetria concettuale e ironica, prima ancora che strutturale e progettuale. Per un architetto è un’occasione rara, perciò ho usato questo lavoro come area di libera sperimentazione, per i lavori futuri”.
121 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    A single-cell organism divided into two volumes structurally identical and internally similar but opposite. This is the project –or “projects”? – for the restructuring and interiors of twin lofts, designed by Federico Delrosso in the post-industrial Milan of 2007. The work turned in fact on a former factory in the southern part of Milan, once an industrial outer suburb and today a residential district. “This is a complex project, and you can read it in different ways. The most obvious...

    Project details
    • Year 2007
    • Work finished in 2007
    • Status Completed works
    • Type Apartments / Lofts/Penthouses
    Archilovers On Instagram
    Lovers 121 users