Palazzo Agolanti_Pedrocca (Ex Banca d'Italia)

Restauro dell'edificio e del tratto di mura urbiche romane in esso incluse Rimini / Italy / 2012

7
7 Love 2,197 Visits Published
Il Palazzo, riconducibile alla nobile famiglia Agolanti, è ubicato in centro storico a Rimini; la sua configurazione attuale si deve al restyling attuato nel 1925 dall’architetto Gaspare Rastelli, che crea la decorazione neoclassico-eclettica della facciata. Il dato storico saliente è l’inclusione di un tratto delle mura urbiche romane di età imperiale (III° secolo d.C.), note come Mura Aureliane. Sotto l’intero edificio e parte della corte è stata condotta un'accurata indagine archeologica, che ha posto in evidenza tutto il tratto di mura romane che attraversa l’edificio e nelle cui adiacenze sono stati rinvenuti resti di strutture antiche risalenti a varie epoche, precedenti e successive alle mura stesse. Alla base di queste ultime si trovano elementi lapidei e marmorei, anche decorati, di reimpiego, utilizzati come materiali da costruzione. L’intervento ha realizzato uffici di rappresentanza per un istituto di credito e perseguito il puntuale restauro di tutte le parti storiche dell’edificio, sia quelle romane inglobate nel fabbricato, sia quelle medievali e rinascimentali, sia quelle sei-settecentesche del primo edificio unitario (Palazzo Agolanti), sia infine quelle riconducibili all’intervento del 1925 di Banca d’Italia. Sono state rimosse solo le strutture post-belliche e le superefetazioni. Il tratto di mura urbiche romane incluso nell’edificio è stato oggetto di uno specifico progetto di dettaglio, sviluppato di concerto con le competenti Soprintendenze, Archeologica ed Architettonica, e teso alla tutela dei manufatti rinvenuti nonché alla visione e valorizzazione degli stessi. Il principale obiettivo è stato quello di ripristinare una corretta percezione funzionale e volumetrica del tratto di mura romane, il possente impatto visivo delle loro masse ed il valore evocativo e semantico del loro tracciato, per una ideale ricollocazione delle stesse nel contesto urbano. Fondamentale è stato, quindi, ripristinare l’immagine della massa unitaria e stereometrica della muraglia, nella sua natura di baluardo difensivo, pur mantenendone i varchi esistenti, necessari anche nel nuovo assetto dell’edificio. Tali passaggi sono stati riprogettati come elementi di un organico sistema di varchi e dotati di una fisicità tanto forte da sostenere il confronto dialettico con la materia del muro stesso, oltre che concepiti come elementi strutturali per il consolidamento della massa muraria. Essi sono stati, così, caratterizzati mediante realizzazione di un rivestimento in lamiera di acciaio cor-ten, a costituire una rivestimento integrale delle cerchiature in putrelle di ogni portale. Il riempimento dei “vuoti” del muro romano è stato eseguito con tecnologia analoga a quella del nucleo originale, in modo da determinare un’impressione di omogeneità complessiva, pur marcando la diversa natura delle risarciture; allo scopo, sono stati impiegati mattoni ottocenteschi per impasto laterizio ed altezza uguali a quelli romani, con malta replicante le caratteristiche chimiche, granulometriche e cromatiche della malta originale; le risarciture risultano arretrate rispetto al manufatto romano, in modo da essere sempre individuabili. L’incastro dei solai novecenteschi a voltine del primo piano con il muro romano è stato sottolineato con un carter longitudinale in lamiera di acciaio cor-ten, a riprodurre lo spessore originale del muro antico. Il carter reca elementi illuminanti lineari e continui ad incasso ed accompagna il tratto di mura incluso nell’edificio per tutta la sua lunghezza, mostrandosi per l’intero spessore della cinta in corrispondenza dell’androne carrabile di accesso presso l'ingresso secondario, ove il muro, presente solo a quota inferiore, viene scavalcato da un solaio a ponte.
7 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il Palazzo, riconducibile alla nobile famiglia Agolanti, è ubicato in centro storico a Rimini; la sua configurazione attuale si deve al restyling attuato nel 1925 dall’architetto Gaspare Rastelli, che crea la decorazione neoclassico-eclettica della facciata. Il dato storico saliente è l’inclusione di un tratto delle mura urbiche romane di età imperiale (III° secolo d.C.), note come Mura Aureliane. Sotto l’intero edificio e parte della corte è stata condotta un'accurata indagine archeologica,...

    Project details
    • Year 2012
    • Work started in 2008
    • Work finished in 2012
    • Main structure Masonry
    • Client Banca Carim_Cassa di Risparmio di Rimini
    • Contractor Carli 1979 Srl
    • Status Completed works
    • Type Office Buildings / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of Works of Art / Structural Consolidation
    Archilovers On Instagram
    Lovers 7 users