REwine

Riqualificazione e riuso dei ruderi di villa de Rin tra le vigne del carso Trieste / Italy / 2012

4
4 Love 1,426 Visits Published
L’approccio che abbiamo tenuto nei confronti del rudere di Villa de Rin, segue le linee guida lasciate da Camillo Boito nella sua descrizione del restauro filologico. Le sue teorie, alla base della I Carta Italiana del Restauro, si pongono a metà strada tra il restauro stilistico di Viollet-Le-Duc, e l’ Anti-restoration movement di Ruskin, considerando come una falsificazione del monumento la posizione francese, e sottolineando l’importanza dei segni lasciati dal tempo, base del pensiero inglese. Egli giunge ad una giusta mediazione, secondo la quale le presistenze devono essere piuttosto consolidate che riparate, piuttosto riparate che restaurate. Inoltre se si deve aggiungere all’edificio una parte nuova, questa si deve differenziare per materiali e caratteri, senza alterare l’aspetto complessivo della presistenza. Il programma funzionale deriva dall’attenzione posta nei confronti del contesto in cui si trova il rudere: i terreni, proprietà dell’azienda agricola Tomsich, sono coltivati a vigneto, il che ci ha portato a scegliere funzioni che mantenessero un forte legame con la natura. Sono stati quindi inseriti un agriturismo con possibilità di pernottamento, un’enoteca, una spa, il museo del vino e una nuova cantina per i vini dell’azienda. Il progetto consiste dunque nell’estrudere dal rudere dei volumi che ripropongono il profilo originale e vi permettono di collocare le nuove funzioni; si prevede inoltre l’aggiunta di un volume ipogeo dedicato alla cantina e ad alcune camere. Per collegare le due funzioni semi pubbliche, cantina e museo, dal pendio retrostante il complesso fuoriesce un volume che spezza le forme e le gerarchie del disegno originale della villa, sottolineando il forte legame che essa ha con il terreno che la circonda. “In opera di mantenimeto dell’edificio, le aggiunte dovranno essere distinguibili mediante la riduzione ai soli volumi essenziali eliminando o stilizzando gli elementi decorativi, senza però stonare con il complesso dell’edificio” Camillo Boito, 1883
4 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L’approccio che abbiamo tenuto nei confronti del rudere di Villa de Rin, segue le linee guida lasciate da Camillo Boito nella sua descrizione del restauro filologico. Le sue teorie, alla base della I Carta Italiana del Restauro, si pongono a metà strada tra il restauro stilistico di Viollet-Le-Duc, e l’ Anti-restoration movement di Ruskin, considerando come una falsificazione del monumento la posizione francese, e sottolineando l’importanza dei segni lasciati dal tempo, base del pensiero...

    Project details
    • Year 2012
    • Status Research/Thesis
    • Type Multi-purpose Cultural Centres / Museums / Concert Halls / Hotel/Resorts / Wellness Facilities/Spas / Pubs/Wineries / Restaurants / Art Galleries / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Structural Consolidation
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users