Chanel Mobile Art

Contemporary Art Container Paris / France / 2008

61
61 Love 16,688 Visits Published
Il padiglione segue la distorsione parametrica di un toro* la cui forma geometrica pura rappresenta il diagramma di base dello spazio espositivo. La distorsione crea una varietà costante di spazi espositivi interni, mentre al centro una corte illuminata naturalmente ed ampia 65 metri quadrati offre un’area per i visitatori. A dare forma all’involucro organico che avvolge il Mobile Art Pavilion di Chanel è una successione di segmenti che si incurvano ad arco. Dal momento che si tratta di un padiglione “nomade”, tale segmentazione renderà più semplice l’operazione di smontaggio, trasporto e riassemblaggio dei vari elementi. “Credo che la nostra architettura – spiega Zaha Hadid – sia in grado di offrire un rapido sguardo su un mondo alternativo, dal quale lasciarsi entusiasmare. È intuitiva, radicale, internazionale e dinamica. Il nostro impegno consiste nel realizzate edifici in grado di evocare esperienze originali, una sorta di stranezza ed originalità paragonabili alla sensazione che si prova nel conoscere un nuovo paese. Sono questi i principi che hanno ispirato il Mobile Art Pavilion progettato per Chanel”. L’utilizzo di strumenti all’avanguardia di progettazione digitale ha consentito la realizzazione di forme fluide e sensuali, facilmente riconoscibili nei lavori firmati da Zaha Hadid. “Si tratta di un linguaggio architettonico fatto di fluidità e natura – spiega l’autrice del progetto – ottenuto grazie a strumenti di progettazione digitale che ci hanno consentito di realizzare un padiglione dalle forme organiche, in luogo del mero ordine ripetitivo che contraddistingue l’architettura industriale del XX secolo”. * Toro: nell’architettura classica, modanatura a sezione semicircolare, convessa, collocata in prevalenza nel basamento della colonna, detta anche astragalo o cordone.
61 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Il padiglione segue la distorsione parametrica di un toro* la cui forma geometrica pura rappresenta il diagramma di base dello spazio espositivo. La distorsione crea una varietà costante di spazi espositivi interni, mentre al centro una corte illuminata naturalmente ed ampia 65 metri quadrati offre un’area per i visitatori. A dare forma all’involucro organico che avvolge il Mobile Art Pavilion di Chanel è una successione di segmenti che si incurvano ad arco. Dal momento che si tratta di un...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 61 users