riqualificazione di Piazza Michelangelo

030-CTA-mch Catania / Italy / 2005

0
0 Love 1,962 Visits Published
Linee guida della proposta progettuale
Il progetto di riqualificazione mira a perseguire gli obiettivi generali e specifici indicati nel bando ed in particolare: la riconfigurazione della viabilità urbana e la realizzazione di un sistema di spazi, percorsi e aree di sosta pedonali protetti. Il macro obiettivo, che accomuna i precedenti, riguarda in verità la difficile coesistenza dei due sistemi prima descritti, quello pedonale e quello viario.
L’attuale configurazione della piazza a rotatoria ostruisce in modo inequivocabile la fruizione dello spazio in quanto il pedone, oltre a problematiche di sicurezza legate al difficile attraversamento delle sedi stradali ingolfate dai veicoli, si sente “circondato” da autovetture subendone l’inquinamento acustico e la scarsa qualità dell’aria.
Il progetto prevede pertanto di chiudere al traffico l’estremità meridionale di via Vagliasindi ed il tratto dell’attuale rotonda che lambisce l’edificio a nord della piazza. Il tal modo la piazza, attualmente scollegata dagli isolati circostanti tutti e quattro i lati, risulta “attaccata” ai due edifici che presentano il maggior numero di attività commerciali e di ristorazione al piano terra, le quali possono restituire alla piazza una fruizione sociale.
L’attuale proposta prevede inoltre di mantenere una rotatoria che si ritiene essere l’unico efficace sistema di smaltimento dei diversi flussi viari che confluiscono nell’area (vedi Tav. 3). La rotatoria in progetto occupa l’estremità sud-orientale della piazza ed assume una forma triangolare con i bordi opportunamente arrotondati. Tutti e tre i lati rettilinei della rotatoria hanno dimensioni (larghezza e lunghezza) tali da garantire una viabilità fluida e priva di incroci tra diverse direzioni. Il mantenimento della rotatoria, permette di “isolare” il traffico viario in un’area ad esso esclusivamente dedicata evitando un uso promiscuo delle superfici; ciò malgrado, dimensionando quest’ultima secondo l’effettivo carico veicolare che in essa viene smistato, essa occupa quasi il 40% dell’intera superficie della Piazza. Per questo motivo il progetto prevede di ampliare la superficie destinata ai pedoni distinguendo le due seguenti aree:
L’AREA FUNZIONALE “A”, consiste in una vera e propria piazza sopraelevata (a circa 5 mt dall’attuale livello) a forma ovoidale su cui ripiantumare gli alberi già presenti nell’attuale piazza oltre ad arbusti, prato e piante da fiori; essa rappresenta il luogo più isolato dal traffico sottostante grazie anche ad una abbondnte schermatura di verde lungo il perimetro che garantisce al pedone il migliore confort acustico ed olfattivo. Come si può osservare nelle tavole grafiche, l’area si sviluppa in parte sopra il tratto diagonale della rotatoria precedentemente descritta raggiungendo l’isola pedonale a forma triangolare ed è accessibile da una scala che volge al lato nord-ovest e/o da una vano ascensore. Per limitare il dislivello tra la piazza sopraelevata ed il marciapiede, si prevede di abbassare la quota della carreggiata nel tratto di rotatoria in tunnel nella misura di mt. 1.5 (vedi la sezione C-C’ nella Tavola 2 ). Tale area immersa nel verde, sarà dotata di percorsi pedonali pavimentati in listoni in legno e ciottolato lavico, di una vasca d’accumulo interrata, illuminazione radente, elementi di arredo quali panche e cestini gettacarte in legno etc. L’impatto visivo dall’angolo sud-est (angolo tra via R.Sanzio e via V. Veneto) è caratterizzito dalla percezione della piazza superiore “sospesa” grazie al posizionamento dei sostegni verticali all’interno del perimetro con la parte curva perimetrale a sbalzo; sul lato interno della piazza (lato nord-est), il dislivello è colmato da un pendio a prato, non calpestabile, che disegna due cunei separati dalla rampa di collegamento verticale.
Al piede di questo pendio si sviluppa L’AREA FUNZIONALE “B” che consta delle superfici in immediata aderenza con gli edifici che prospettano sulla piazza nei lato nord ed ovest; tali superfici, in funzione della presenza (in atto e potenziale) di esercizi di ristorazione soprattutto in prossimità dei portici, si presta per essere fruita come passeggiata pedonale attrezzata predisposta per accogliere spazi per la ristorazione all’aperto sia diurni che serali; L’area sarà pavimentata in cls colorato disattivato e pietra di comiso, l’illuminazione sarà effettuata con pali a luce indiretta con parabola riflettente e sarà dotata di panche fisse e cestini gettacarte.
Si precisa che nella configurazione del progetto architettonico e dei percorsi pedonali, non si è tenuto conto del varco presente nell’edificio a ovest della piazza in direzione di Piazza Raffaello Sanzio; le motivazioni di tale scelta si riferiscono alla proprietà privata di tale rea (il passaggio ospita la portineria e risulta chiuso da cancelli nelle ore serali) e dalla promiscuità di usi che ne deriverebbe in caso di espropriazione per pubblica utilità.
0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Linee guida della proposta progettualeIl progetto di riqualificazione mira a perseguire gli obiettivi generali e specifici indicati nel bando ed in particolare: la riconfigurazione della viabilità urbana e la realizzazione di un sistema di spazi, percorsi e aree di sosta pedonali protetti. Il macro obiettivo, che accomuna i precedenti, riguarda in verità la difficile coesistenza dei due sistemi prima descritti, quello pedonale e quello viario.L’attuale configurazione della piazza a rotatoria...

    Project details
    • Year 2005
    • Client Comune di Catania
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram