LABOUR SECRET

La pittura e la ricerca di costanti Palazzolo Acreide / Italy

0
0 Love 1,021 Visits Published
Un Laboratorio di ricerca « In pittura, valendomi di tutte le mie capacità e di nuove tecniche, ho cercato di mantenere la rapidità del pensiero, ma l’esecuzione è sempre in ritardo sulla mente, come lo è sulla percezione. Da secoli gli artisti cinesi e giapponesi hanno raggiunto questa capacità di immediatezza. Si racconta di un artista cinese al quale l’imperatore aveva chiesto di dipingere un drago su un paravento. Passarono degli anni, finché un bel giorno l’imperatore si recò nello studio del pittore per appurare la ragione del ritardo. Il luogo era pieno di disegni e schizzi di draghi, uno più magnifico e particolareggiato dell’altro. L’artista disse che stava facendo degli studi, ma presto sarebbe stato pronto a venire a palazzo per l’opera definitiva. Arrivò con un pennello, variando la pressione sulla superficie da dipingere, partì da un’estremità e come un turbine arrivò in pochi secondi all’altra estremità del paravento: era una sintesi di tutti i suoi studi. Questa concezione è l’opposto di tutte le idee occidentali sulla pittura, specialmente di quelle dei primitivi, con le loro creazioni laboriose e particolareggiate. Forse i pittori odierni tentano un recupero della concezione orientale. » ... (MAN RAY, Autoritratto, 1963) Considero la pratica della pittura come parte integrante di un’unico percorso di ricerca sulla composizione, insieme all’esercizio del progetto architettonico. La pittura è, per me, l’ambito privilegiato di riflessione sugli aspetti fenomenici del colore, nell’interazione con spazio e luce. L’opera pittorica, in tal senso, contribuisce a costituire un’idea di spazio architettonico e di scenario, con specifici caratteri e significati, attraverso disposizioni, dimensioni, precise misure e calibrati rapporti. Per mezzo della pittura si stimola la percezione, estendendo nel campo delle sensazioni l’esperienza spaziale degli individui. L’obiettivo di tale sinergia e sintesi è la realizzazione di una condizione estetica totale di armonia. Soprattutto, la pittura contribuisce, con il quotidiano procedere nella sua pratica, a definire una strategia, a mettere a fuoco dei termini invarianti di ricerca di valore generale “intertestuale”, a far decantare e cristallizzare nella memoria un bagaglio ordinato di contenuti che alimentano una cultura compositiva e, ancor più importante, una forma di conoscenza della realtà. Un Laboratorio, dunque. Il paesaggio, poi, è il tema prevalente di tutti i miei lavori, come architetto e come pittore. Mi interessa cogliere l’essenza della geografia dei luoghi che conosco, attraverso un processo di astrazione bidimensionale, in cui la profondità prospettica è restituita attraverso la scala dimensionale degli oggetti che rappresento e attraverso le proprietà del colore. L’orizzonte, in questo processo di riduzione e sintesi, è il riferimento assoluto grazie al quale è possibile cogliere le variazioni dei paesaggi, le fisionomie dei territori, il contrasto eterno tra elevazione e gravità. L’orizzonte è anche un asse visuale fondamentale sulla base del quale si struttura un proporzionamento: una misura tra l’opera e l’ambiente per cui essa è stata congegnata. A occhi chiusi i paesaggi più belli, quelli della memoria...
Ognuno di noi è ciò che porta dentro di sé, con i propri ricordi, le proprie esperienze.
I ricordi sono soprattutto legati a memorie visive.
La cultura visuale, per me, è ciò che contribuisce a plasmare l’identità di ogni individuo. Per quanto mi riguarda, ogni esperienza visuale è parte di un processo di costruzione della memoria, dove la memoria del paesaggio è la camera di decantazione della comprensione dei luoghi. I miei paesaggi rappresentano proprio la memoria del paesaggio come identità dell’individuo. L’orizzonte (calibrato sulla posizione dell’occhio che guarda), astratto e assoluto sistema di riferimento, prodotto artificiale della percezione umana, è lo strumento attraverso cui l’uomo comprende la misura e il carattere dei luoghi: la loro geografia, la loro fisionomia, la loro evidenza materiale e cromatica, il loro spirito. Per mezzo di questa esplorazione nel paesaggio, l’uomo comprende sé stesso, le proprie origini, la propria identità. Soprattutto, questo processo di conoscenza e astrazione dei caratteri dei luoghi è il primario passo verso una presa di possesso delle leggi che regolano la natura della realtà con cui l’uomo ricerca un’armonica commisurazione e una personale rappresentazione. Fabrizio Foti
0 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Un Laboratorio di ricerca « In pittura, valendomi di tutte le mie capacità e di nuove tecniche, ho cercato di mantenere la rapidità del pensiero, ma l’esecuzione è sempre in ritardo sulla mente, come lo è sulla percezione. Da secoli gli artisti cinesi e giapponesi hanno raggiunto questa capacità di immediatezza. Si racconta di un artista cinese al quale l’imperatore aveva chiesto di dipingere un drago su un paravento. Passarono degli anni, finché un bel giorno l’imperatore si recò nello studio...

    Project details
    • Status Research/Thesis
    Archilovers On Instagram