Danish Pavilion - POSSIBLE GREENLAND

13th International Architecture Exhibition of la Biennale di Venezia - Common Ground Venice / Italy / 2012

11
11 Love 1,970 Visits Published
ENG - Greenland will be a new fulcrum of the world due to the current development of the Arctic region. This poses challenges and possibilities for the Greenlandic and global society. Therefore the official Danish contribution to the 13th International Architecture Exhibition - la Biennale di Venezia - Possible Greenland - is a joint effort between Greenlandic and Danish architects and engineers to raise questions and create concrete visions for the future development of Greenland and the Greenlandic society. Greenland in the center of attention Greenland is currently undergoing a dramatic paradigm shift driven by a political development towards independence, drastic climate changes and a business development potential of historic proportions. The exhibition at the Danish Pavilion, Possible Greenland, centres on the challenges and opportunities that Greenland faces as the ice melts, vast mineral resources become accessible and new industries and urban cultures emerge. Taking into account the unique nature of Greenland's history and culture, teams of Greenlandic and Danish architects and other parties headed by a curatorial team consisting of the internationally renowned Professor in geology at the University of Copenhagen, Minik Rosing and the young Danish architect firm NORD Architects Copenhagen have developed innovative and sustainable visions for economic, social and cultural development in Greenland. At the same time the project raises strategic questions that the Greenlanders must deal with in order to develop a sustainable society in a global world. Head Curator Minik Rosing says: "As technological innovations emerge and, particularly, as the Arctic sea ice dwindles, Greenland is changing its geographical and geopolitical status from a remote and inaccessible corner of the world to a centre of world trade. In this way, Greenland is imperceptibly moving from the periphery of world economic vision to the very centre of attention. My ambition for this project has been to show Greenland as a modern nation with a long and rich cultural history - a country that has immense value to a globalised world. Greenland is not merely a repository of untapped mineral resources ready for exploitation; it offers a complex reality that may nourish us through ideas, experiences and challenges. And 'Greenlandicness' is in itself a resource that will be much in demand in the Arctic century that lies before us." Possible Greenland also highlights a Greenland in need of solutions. Solutions that both the political and business communities are to help make possible and where those who take part, also help to set the agenda. The exhibition With the Possible Greenland exhibition, the Danish Architecture Centre wishes to give the audience - architects, urban planners, investors, politicians and visitors of the Biennale - an insight into Greenland as having great political, cultural and business value in a globalized world. In our geological era, where we move from the Holocene to the Anthropocene as human impact on the Earth and its ecosystems have been realized, Possible Greenland has had the ambition to explore how architecture can contribute to the positive development of Greenland and the Greenlandic society. "As Greenland and Denmark share centuries-old cultural and political ties, the relevance of testing architecture's capacity under the impact of the Anthropocene through building the scenario Possible Greenland seemed obvious!" says Kent Martinussen, Commissioner of the Danish Pavilion and CEO at the Danish Architecture Centre. The exhibition at the Danish Pavilion provides a spectacular experience of 'Greenlandness' through images, film and artifacts. In different sections representing central perspectives, Possible Greenland explores the main challenges and opportunities Greenland is facing. Cultivating: How can Greenland cultivate resources in a sustainable and democratic way? Greenland needs to debate values, needs and resources. Architects are mapping the current debates in Greenland and initiating 10 topics to be debated in Venice and Greenland during and after the biennale. Connecting: The Greenlandic Transport Commission recommends establishing a new transatlantic airport outside of Nuuk. The project proposes a scenario where the new airport is coupled with a new container harbor to facilitate future shipping demands when the passages north of Greenland will open. It also raises the debate of the future for the other three Greenlandic municipalities once the airport is moved to Nuuk. Inhabiting: Since the 1960s the new architecture in Greenland has been very closely linked to Danish traditions. This project is defining a new arctic building practice based on the values, preferences and relations between man and nature that are inevitable in Greenland. Migrating: When debating the future of Greenland, migration is on the agenda. Tourism, mining and mineral exploration can cause a migration flow that might turn the greenlandic population into a minority in their own country. The project investigates a historic dynamic urban development in Greenland and creates new aggregating structures that facilitate the meeting of different groups of people in the cities: greenlanders, tourists, workers, students etc. Comparative studies: What can Greenland learn from the world and what can the world learn from Greenland? We created a map of comparative studies, analysis and experimental scenarios. Different nations have undergone transformations, challenges and potentials similar to Greenland. But in Greenland there are special traditions, experiences and skills. Publication: Organization in Greenland is a complex matter. We have created a publication in which a wide range of greenlandic and international profiles and stakeholders give their opinion and visions for the future development in Greenland. The Danish contribution to the 13th International Architecture Exhibition - la Biennale di Venezia is sponsored by: The Danish Ministry of Culture, The Danish Arts Foundation, Realdania, Shell, Royal Arctic Line, Rambøll, Dreyers Fond, Dronning Margrethes og Prins Henriks Fond, Danmarks Nationalbanks Jubilæumsfond af 1968, Colorgruppen, Vink Plast and Neschen. A smaller version of the Danish pavilion Possible Greenland will be shown on the conference FUTURE GREENLAND in Nuuk February 6th - 7th 2013. IT - Grazie all'attuale sviluppo della regione artica, la Groenlandia diventerà un nuovo centro strategico del mondo. Questo offre nuove sfide e possibilità alla società groenlandese ed alla società globale. Ecco il motivo del contributo ufficiale della Danimarca alla 13. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia. Possible Greenland è il risultato degli sforzi congiunti di architetti ed ingegneri groenlandesi e danesi, che si sono posti delle domande impegnandosi a fornire visioni concrete per il futuro sviluppo della Groenlandia e della società groenlandese. La Groenlandia al centro dell'attenzione La Groenlandia sta attualmente vivendo un periodo di grandi cambiamenti trainati dal movimento politico verso l'indipendenza, dai radicali cambiamenti climatici e da un potenziale di sviluppo commerciale di proporzioni storiche. La mostra presso il Padiglione Danese, Possible Greenland, si concentra sulle sfide e sulle opportunità che la Groenlandia si trova a gestire man mano che, con lo sciogliersi dei ghiacci, ingenti risorse minerarie diventano disponibili portando alla nascita di nuove aziende e culture urbane. A dirigere i lavori del team di architetti ed altri professionisti groenlandesi e danesi sono stati chiamati NORD Architects Copenhagen (uno studio di architetti giovane e dinamico) e Minik Rosing, professore di geologia presso l'Università di Copenhagen conosciuto ed apprezzato a livello internazionale. Guidati dai curatori, i professionisti hanno sviluppato visioni innovative e sostenibili per lo sviluppo economico, sociale e culturale della Groenlandia tenendo conto del suo background storico e culturale unico al mondo. Allo stesso tempo, il progetto pone degli interrogativi strategici a cui i groenlandesi dovranno rispondere per poter sviluppare una società sostenibile in un mondo globalizzato. Ecco le parole del curatore responsabile, Minik Rosing: "Con il progresso delle innovazioni tecnologiche e, soprattutto, con la riduzione del ghiaccio presente nel Mar Glaciale Artico, la Groenlandia vede il proprio status geografico e geopolitico passare da uno dei luoghi più remoti ed inaccessibili del mondo a centro del commercio mondiale. Così la Groenlandia si sposta, lenta ma inesorabile, dalla periferia del panorama economico mondiale verso il centro dell'attenzione. Con questo progetto ho voluto presentare la Groenlandia come una nazione moderna con un retaggio culturale antico e ricco, una nazione che apporterebbe un immenso valore ad un mondo globalizzato. La Groenlandia non è soltanto un mero deposito di risorse minerarie inutilizzate pronto per essere sfruttato; essa costituisce una realtà complessa che potrebbe fornirci idee, esperienze e nuove sfide. La "identità groenlandese" è in sé una risorsa che sarà molto richiesta nel "secolo artico" che abbiamo davanti.” Possible Greenland pone in evidenza anche il bisogno di nuove soluzioni per la Groenlandia: soluzioni che sia la comunità politica che quella commerciale possono aiutare ad attuare; soluzioni in cui chi si impegna a partecipare aiuti anche a stilare la lista delle priorità. La mostra Con la mostra Possible Greenland il Danish Architecture Centre desidera fornire al pubblico - architetti, urbanisti, investitori, politici e visitatori della Biennale - uno sguardo sulla Groenlandia e sul grande valore politico, culturale ed economico che essa ha nel mondo globalizzato. Nell'era geologica in cui viviamo, in cui grazie all'impatto umano sul pianeta Terra e sui suoi ecosistemi stiamo passando dall'Olocene all'Antropocene, Possible Greenland ha l'ambizione di esplorare il modo in cui l'architettura può contribuire allo sviluppo positivo della Groenlandia e della società groenlandese. Kent Martinussen, Commissario del Padiglione Danese e CEO del Danish Architecture Centre, ha detto: “Poiché Groenlandia e Danimarca condividono legami culturali e politici da secoli, ci è sembrata ovvia l'importanza di valutare le potenzialità dell'impatto architettonico sull'Antropocene attraverso la costruzione dello scenario delineato da "Possible Greenland”. La mostra esposta al Padiglione Danese offre una visione spettacolare della "identità groenlandese" attraverso immagini, video e manufatti. Nelle diverse sezioni, che corrispondono ad altrettante prospettive fondamentali, Possible Greenland fa luce sulle principali sfide ed opportunità con cui la Groenlandia si sta attualmente confrontando. Coltivazione: In che modo la Groenlandia può coltivare risorse in modo democratico e sostenibile? La Groenlandia ha bisogno di discutere di valori, bisogni e risorse. Gli architetti stanno analizzando i dibattiti attualmente in corso in Groenlandia per identificare 10 argomenti da discutere, a Venezia ed in Groenlandia, durante e dopo la Biennale. Collegamenti: La Commissione per i Trasporti della Groenlandia raccomanda di istituire un nuovo aeroporto per i collegamenti transatlantici vicino a Nuuk. Il progetto propone di abbinare al nuovo aeroporto un nuovo porto merci, per facilitare le spedizioni quando verranno aperti i collegamenti a nord della Groenlandia. Questo apre un dibattito sul futuro che attende le altre tre municipalità groenlandesi quando l'aeroporto verrà spostato a Nuuk. Abitazioni: Sin dagli anni Sessanta, l'architettura in Groenlandia è strettamente legata alle tradizioni della Danimarca. Questo progetto definisce un nuovo modello di architettura artica basato sui valori, sulle preferenze e sulle relazioni tra uomo e natura, fondamentali nella realtà groenlandese. Migrazioni: Parlando del futuro della Groenlandia, l'argomento migrazioni è una priorità. Il turismo, le attività estrattive e lo sfruttamento minerario possono generare un flusso migratorio che potrebbe trasformare la popolazione groenlandese in una minoranza all'interno del proprio Paese. Il progetto prende in esame un possibile sviluppo urbano dinamico storico in Groenlandia e crea nuove strutture di aggregazione che facilitino l'incontro di diversi gruppi di persone nelle città: groenlandesi, turisti, lavoratori, studenti e così via. Studi comparativi: Cosa può imparare la Groenlandia dal mondo e cosa può imparare il mondo dalla Groenlandia? Abbiamo realizzato una mappa di studi comparativi, analisi e scenari sperimentali. Diverse nazioni hanno vissuto trasformazioni, sfide e potenzialità simili a quelle della Groenlandia, ma è necessario tener conto delle tradizioni, esperienze e capacità peculiari della nazione. Pubblicazioni: In Groenlandia l'organizzazione è una questione complicata. Abbiamo realizzato una pubblicazione in cui molte personalità groenlandesi ed internazionali condividono le proprie opinioni e visioni per il futuro sviluppo della Groenlandia. Il contributo danese alla 13° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia è sponsorizzata da: The Danish Ministry of Culture, The Danish Arts Foundation, Realdania, Shell, Royal Arctic Line, Rambøll, Dreyers Fond, Dronning Margrethes og Prins Henriks Fond, Danmarks Nationalbanks Jubilæumsfond af 1968, Colorgruppen e Vink Plast.
11 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    ENG - Greenland will be a new fulcrum of the world due to the current development of the Arctic region. This poses challenges and possibilities for the Greenlandic and global society. Therefore the official Danish contribution to the 13th International Architecture Exhibition - la Biennale di Venezia - Possible Greenland - is a joint effort between Greenlandic and Danish architects and engineers to raise questions and create concrete visions for the future development of Greenland and the...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 11 users