Dal Park-ing al Park-green

3° premio del concorso ‘Innovative Design for Steel Car Parks’ Milan / Italy / 2007

2
2 Love 1,505 Visits Published
Il progetto propone un’ attenzione specifica agli aspetti ambientali ed energetici, ed un’interessante integrazione col il verde: oltre alla facciata “vegetale”, gioca sull’alternanza di spazi a verde con il parcheggio. Quest’ultimo si inserisce in modo non invasivo nel contesto, articolandosi semplicemente seguendo i flussi viabilistici circostanti.
L’edificato si articola in due corpi di cui uno “ad anello” riservato alla sosta delle auto e l’altro fiancheggiante a forma trapezoidale dedicato ad uffici; il tutto è innestato in un parco, da cui il titolo a doppio senso del progetto “ PARKinthePARK”, ovvero parcheggiare nel parco oppure parco nel parking.
Nel corpo “1”, il piano terreno s’integra in continuità col parco della corte interna e si configura come un unicum spaziale fra i posti auto al coperto, i posti alternativi all’aperto e il polmone di verde. I piani superiori destinati ancora ai posti auto al coperto offrono lungo il passaggio pedonale una completa vista panoramica sul verde centrale. Lungo un circuito chiuso (380 metri di lunghezza, superficie complessiva di 6460mq con 238 posti auto/piano) è impostato in modo trasversale un sistema strutturale con travi in acciaio a campata unica di gran luce consentendo di poter parcheggiare comodamente sia a destra sia a sinistra di due corsie centrali a senso unico. I collegamenti verticali sono costituiti da rampe di tipo rettilineo e vani scala-ascensore
Il corpo “2” costituito in un piano unico coperto da tetto vegetale con lucernari “a bolle”, raccoglie tutte le funzioni ausiliari (cassa e video sorveglianza, ufficio direzionale, car sharing, car wash, officina) ed è connesso all’anello tramite il blocco dei servizi. La Piazza Alfieri viene riqualificata in un parco d’attraversamento per il flusso di studenti tra la stazione e la facoltà di Architettura-Design, e consente la sosta solo temporanea dei veicoli insieme agli stalli per due ruote. L’altro parco d’attraversamento, collega a sua volta la stazione e la Via Raffaello Morghen tramite l’anello. Per finire, a metà fra i due primi parchi, in corrispondenza al grande spazio aperto sul retro della stazione, è attrezzato di panchine a “Z” un terzo parco di sosta in modo da ridare vita a quella parte sopra i binari.
Un’attenzione particolare è riservata ai sistemi di contenimento del consumo energetico, soprattutto riguardo all’acqua e alla luce.
2 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto propone un’ attenzione specifica agli aspetti ambientali ed energetici, ed un’interessante integrazione col il verde: oltre alla facciata “vegetale”, gioca sull’alternanza di spazi a verde con il parcheggio. Quest’ultimo si inserisce in modo non invasivo nel contesto, articolandosi semplicemente seguendo i flussi viabilistici circostanti. L’edificato si articola in due corpi di cui uno “ad anello” riservato alla sosta delle auto e l’altro fiancheggiante a forma trapezoidale...

    Project details
    • Year 2007
    • Client ArcelorMittal e Fondazione Promozione Acciaio
    • Status Competition works
    • Type Parking facilities
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users