CASA S

Appartamento Centro Storico Palermo / Italy / 2005

2
2 Love 621 Visits Published

Correva l'anno 2005. Il mio primo progetto di casa.
Fotografata dal fotografo Mario Virga e dopo 10 anni dalla fotografa Joanna Pawlowska / lenistein.blogspot.com.
Esempio di come una casa possa, nel tempo, trasformarsi nel corpo ma non nella sua anima.
Esperienza di vita e di lavoro formativa, grazie alla fortuna di avere avuto tecnici di cantiere validi al mio fianco (ancora giovane), per citarne una: il Geometra Emanuele Sciortino.


"Ci sono luoghi di Palermo che soffrono l’ambigua condizione di essere tracce di una Storia cancellata da eventi catastrofici, eppure luoghi la cui storia è stata riscritta a partire dalla loro assenza. E poi ci sono le macerie che, come scrive Marc Augé, non hanno (avuto) il tempo di trasformarsi in rovine per acquisire un valore storico. La casa restituita alla fruizione da Marzia Messina si incastona su una giacitura di livelli edilizi che si affacciano su un vuoto, una volta luogo denso di tracce storiche. Il suo lavoro, qui, si è concentrato sia sull’attenzione ad un orizzonte urbano che è ancora possibile traguardare che, al tempo stesso, intorno alle ondate di luce a cui la casa, come una spon- da, è rivolta: la cifra del progetto. Uno sull’altro, uno nell’altro, gli ambienti si adagiano sul sedime artificiale dell’isolato e vengono attraversati, o nascosti, dai flutti al punto che chi ne fruisce, come Palomar, può avvertire, andando da una stanza all’altra, tra gradini e corridoio, striature orizzontali e spigoli verticali, lo sciabordìo o il riflusso senza però percepire da dove nasce uno e dove si frange l’altro. Nel vissuto l’articolazione degli spazi, filosofia pro- porzionale dell’architetto, svanisce sostituita dalla loro organizzazione che in questa casa pullula, per dirla con Enzensberger, di “versi esplosi, salvagenti, vorticosi souvenirs”, ma la traccia, il passaggio, il desiderio di Marzia Messina sono evidenti sulle superfici che assorbono, rifrangono o espandono con mi- sura la luce, che in quegli spazi ha la sua epifania."
Testo di Domenico Cogliandro (Flutti di luce)


Progetto esecutivo: Marzia Messina architetto
Cliente: Privato
Area: 180 mq
Città: Palermo - Centro Storico - Palazzo settecentesco
Anno: 2005
Interior design e direttore di cantiere: Marzia Messina
Progetto : Ing.ri Alessandra Giammona e Marco Giammona
Direttore dei lavori del Palazzo: Ing. Alessandra Giammona
Tecnici di cantiere: Geom.tri Giovanni Castrogiovanni e Emanuele Sciortino
Ebanista: Salvatore Bottone – Palermo
Marmista: Marmi locali di Ragusa
Vetraio: NERIGLASS di Filippo Neri
FABBRO: Ditta Giotti di Dario Francesco Giotti
FORNITORI e figure professionali collaborative: Salamone&Pullara, Spaziodeep, Ceifa S.r.l
INFISSI: Legno Più di Cammarata (Ag)
IMPIANTO ELETTRICO: Global Service 2002 di Paolo Di Fresco


Photo: Mario Virga (anno 2005)
Photo: Joanna Pawlowska / lenistein.blogspot.com (anno 2015)

2 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Correva l'anno 2005. Il mio primo progetto di casa.Fotografata dal fotografo Mario Virga e dopo 10 anni dalla fotografa Joanna Pawlowska / lenistein.blogspot.com.Esempio di come una casa possa, nel tempo, trasformarsi nel corpo ma non nella sua anima. Esperienza di vita e di lavoro formativa, grazie alla fortuna di avere avuto tecnici di cantiere validi al mio fianco (ancora giovane), per citarne una: il Geometra Emanuele Sciortino. "Ci sono luoghi di Palermo che soffrono l’ambigua...

    Project details
    • Year 2005
    • Work started in 2004
    • Work finished in 2005
    • Client Privato
    • Contractor Sambuca costruzioni srl - Palermo
    • Status Completed works
    • Type Restoration of old town centres / Apartments / Interior Design / Custom Furniture / Lighting Design / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Furniture design / Refurbishment of apartments
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users