UNIRE/UNITE

YAP MAXXI 2012 Winner Rome / Italy / 2012

21
21 Love 3,169 Visits Published
Eng We are in pivotal times. Any blind eye we may have turned in the past is being brought back to the crises we see and feel all around us. Whether it is the financial, education, healthcare or ecological systems, we are being forced to scrutinize and rethink them. There is a new world waiting to be born, but only through the power of change and labor pain can it be birthed. Over the past century we have moved away from the remoteness that was once our earth and we have moved into a global and interconnected planet. Why then are we living as though we are separate from one another, from our earth, our home, and from the common good? We need to reconsider our lives through this new global lens of connection, interconnection and unity. All of nature acts according to the law of interconnectedness, but humankind has moved away from this natural law and into an unnatural state of self-interest and isolation. We are now being handed the opportunity for change. Our design solutions look to answer the questions found through the three part lens of Accessibility, Mobility and Sustainability. Trained in both architecture and movement therapies, we treat each design problem as though it is a sick body in need of healing. Not according to any set rule but only according to the particular trauma or need that the body displays at any given time. The project UNIRE/UNITE attempts to bring balance to our mutual common body and to breathe joy into our lives. Ita Progettato dallo studio romano/newyorchese Urban Movement Design, UNIRE/UNITE è il progetto vincitore di YAP MAXXI 2012, un dispositivo per accrescere gli usi possibili dello spazio esterno del MAXXI e per stimolare l'interazione del corpo umano con l'architettura del museo, incrementando il benessere fisico. La gradonata che occupa il margine occidentale del museo è coperta da una lieve pendenza in gomma e prato che crea un diverso percorso per accedere e attraversare la piazza. In questo modo i suoi diversi livelli sono raccordati, consentendo la massima accessibilità agli utenti di ogni età e abilità fisica. Sul piano inclinato è posto un sinuoso nastro di legno che, articolandosi, offre sedute, ombra e acqua. Le sue complesse forme parametriche sono realizzate in costolature di compensato marino e parzialmente rivestite in concrete canvas, un'innovativa tela in cemento che, grazie alle sue qualità plastiche, avvolge le curve dell'installazione. La fluida superficie in cemento è inoltre arricchita dagli stencil di codici QR che consentono di collegarsi al sito web del MAXXI, per conoscere le posizioni e gli esercizi possibili in UNIRE/UNITE nonché i benefici fisici derivanti dal suo utilizzo. Le pensiline coperte di rampicanti e dotate di nebulizzatori creano l'ombra e il refrigerio necessari a trovare sollievo dalla calura estiva. Alla sera, i LED nascosti nelle morbide pieghe dell'installazione e la scritta UNIRE/UNITE, realizzata con vernice fosforescente, si trasformano in segnali luminosi che rischiarano lo spazio. Il progetto è pensato per ospitare le diverse attività estive all'aperto del museo, ed è contraddistinto da una sostenibilità sia materiale che d’uso: oltre a rendere lo spazio accessibile a tutti, impiega infatti materiali naturali e riciclati. L’utilizzo di UNIRE/UNITE proseguirà anche dopo la stagione estiva: come previsto dai suoi progettisti, al termine del loro utilizzo le diverse parti dell’installazione potranno essere smontate e ricollocate altrove, estendendo il rapporto tra il MAXXI, il suo quartiere e la città.
21 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Eng We are in pivotal times. Any blind eye we may have turned in the past is being brought back to the crises we see and feel all around us. Whether it is the financial, education, healthcare or ecological systems, we are being forced to scrutinize and rethink them. There is a new world waiting to be born, but only through the power of change and labor pain can it be birthed. Over the past century we have moved away from the remoteness that was once our earth and we have moved into a global...

    Project details
    • Year 2012
    • Status Competition works
    • Type Exhibitions /Installations
    Archilovers On Instagram
    Lovers 21 users