Premio Architettura FBM_Un'idea per la nuova Perugia

Perugia / Italy / 2007

0
0 Love 2,244 Visits Published
IL CONCEPT DI PROGETTO

Il concept di progetto nasce da una prima riflessione sull’utilizzo del laterizio come materiale per l’architettura, dalla voglia di attribuirgli quella plasticità caratteristica che spesso gli è negata nelle costruzioni.
Perciò il primo intento è quello di creare un’architettura la cui superficie si presti di più ad assomigliare ad un vaso che ad un muro, la cui forma sia dinamica e plastica anziché statica.
Da ciò deriva la definizione del lato Est dell’area di progetto con un elemento architettonico curvilineo, dinamico, che nel suo snodarsi crei “anse urbane” con aree verdi, ricreative, di socializzazione o di estensione all’esterno delle attività presenti all’interno dell’edificio stesso, a prevalenza ristorative e commerciali.
Questo elemento curvilineo si contrappone ad una maglia fortemente geometrica, la parte interna dell’area di progetto, e questi due “layer” si dissolvono l’uno nell’altro, il tessuto urbano “fuoriesce dal vaso che lo contiene” per attirare al suo interno la città che gli sta intorno.
In questa maglia di elementi si alternano edifici ad uso misto, a carattere prevalentemente residenziale, ad altri a destinazione esclusivamente direzionale e commerciale.
La disposizione degli edifici (rapporto pieni-vuoti) permette di alternare spazi aperti a scala maggiore e a carattere pubblico, con attività ricreative, commerciali e ristorative, ad altri più intimi, nei quali lo spazio sia più riservato ai residenti, legati gli uni agli altri da elementi caratterizzanti lo spazio pubblico.
Questi elementi andranno a caratterizzare le aree aperte definendo la loro peculiarità di luogo di sosta o di passaggio, di spazio intimo o di attrazione pubblica, grazie all’inserimento dinamico di moduli definiti per materiale, forma e funzione.
La piantumazione di nuove essenze arboree è mirata a definire elementi puntuali, lineari o aggreganti all’interno dell’area di progetto e sul lato Est, mentre tutto il lato Ovest è interessato da una fascia verde, per lo sport ed il tempo libero, di connessione con il contesto ed il paesaggio circostante.


CARATTERISTICHE DIMENSIONALI

I parcheggi sono suddivisi in 560 posti interrati e 420 posti in superficie, di cui è possibile riservare ai residenti una parte al coperto.
I due parcheggi maggiori sono in corrispondenza del lato Sud, nei pressi della futura stazione della minimetro di Perugia, mentre gli altri due sono posti sul lato Nord, in modo da rendere distinti gli accessi carrabili e pedonali dell’area, evitando una sovrapposizione di percorsi.
Gli edifici a destinazione esclusivamente commerciale e direzionale raggiungono un totale di 13100 mq, ai quali si aggiungono altri 2880 mq di superficie dagli edifici a funzione mista a prevalenza residenziale, questi ultimi con una superficie di 8640 mq adibiti appunto a residenze articolate su tre livelli.
A completare le aree richieste abbiamo 10800 mq di superficie per edifici e spazi riservati a servizi territoriali e per lo sport.
Le aree di spazio pubblico non sono conteggiate nella metratura.

Gli edifici hanno altezze differenti, in base alla funzione, con quattro piani fuoriterra per gli edifici a prevalenza residenziale e cinque per quelli adibiti a servizi territoriali e commerciali.
Gli edifici curvi hanno invece un’altezza ridotta a soli tre piani fuoriterra, per non rendere troppo imponente il loro prospetto su strada, e la stessa quota è raggiunta dalla base commerciale al lato Ovest su cui si estende la fascia verde di connessione.
L’edificio curvilineo nell’angolo Sud-Est dell’area di progetto, destinato prevalentemente a servizi commerciali, è studiato e posizionato in modo da poter accogliere la futura stazione della minimetro di Perugia, con servizi ed esercizi appropriati ed il rapido collegamento ai suddetti parcheggi di interscambio.
0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    IL CONCEPT DI PROGETTOIl concept di progetto nasce da una prima riflessione sull’utilizzo del laterizio come materiale per l’architettura, dalla voglia di attribuirgli quella plasticità caratteristica che spesso gli è negata nelle costruzioni.Perciò il primo intento è quello di creare un’architettura la cui superficie si presti di più ad assomigliare ad un vaso che ad un muro, la cui forma sia dinamica e plastica anziché statica.Da ciò deriva la definizione del lato Est dell’area di progetto...

    Project details
    • Year 2007
    • Client FBM
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / multi-purpose civic centres / Parking facilities / Neighbourhoods/settlements/residential parcelling / Apartments / Multi-family residence / Office Buildings / Business Centers / Multi-purpose Cultural Centres / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram