“Le Creste” Cultural Centre

Rosignano Marittimo / Italy / 2013

22
22 Love 9,271 Visits Published

The building
The Cultural Centre is a flat, single-storey building. It is crossed by a covered pedestrian walkway which, as well as suggesting an alternative approach to passersby through the Centre’s services, leads to the train station underpass functioning as an important link in the urban road network. The building is divided into three distinct blocks arranged along the walkway, used by those going to the library and those on their way to the nearby underpass. The layout ensures that all the areas face onto the walkway. Following the underpass, on the right is the cafeteria/newspaper library; where the path widens it opens onto the library; it then leads to the play room, youth information centre and the multi-purpose area.


Materials, technologies, systems
The design made use of innovative technologies in order to improve the energy performance of the building. The choices made include high performance envelope components; natural ventilation systems; underground conduits for preheating the ventilation air in winter and its cooling in summer; solar thermal collectors using water for the production of domestic hot water; a photovoltaic system; a monitoring and control system to control the plant systems and the building systems. The exploitation of natural light contributes to energy saving through the use of a lighting system equipped to automatically control the light intensity depending on the intake of light.


Structure and infills
The building has a load-bearing structure comprised of reinforced concrete circular pillars and a roof with a double frame of glulam beams and wooden planking above. At foundation level there are a series of underground channels for the natural ventilation of the building. This network of primary channels is connected to a series of secondary channels of various sizes which distribute air to the outlets located in the rooms. The underground channels made of reinforced concrete also act as a support for the pre-stressed hollow-core floor elements. The infill walls are all constructed with pressed straw bales.


Green roof, reinforced earth dune, garden
An extensive non-walkable roof garden has been created on the roof. This choice allows high thermophysical performances as well as providing an effective contribution by reducing fine particles in the atmosphere and greenhouse gases. The garden of the library is delimited on the railway side by a dune made of reinforced earth 3.20 metres high, which has the twofold function of enclosing the outdoor reading area and protecting the indoor activities of the library from railway noise. The garden, which slopes from the reinforced earth down to the external wooden paving, was made using waste material from the excavations and planted with species that bloom at different times throughout the seasons.


Passive cooling
Passive cooling mainly focuses on the application of techniques for the natural ventilation of the rooms. The aim was to maximize the entry of natural air flows inside the building: the natural ventilation system is comprised of a wind tower and a system of solar chimneys arranged on the roof so as to serve the greatest number of rooms. The wind tower is a system for capturing air currents with openings at the top facing the prevailing winds. Taking advantage of the sea breezes, the tower directs the cool air to a field of underground channels. The cool air reaches the rooms from below while warmer air is extracted through the solar chimneys which open on the ceiling. The solar chimneys are cylindrical structures made of coloured sheet metal, fixed to the building’s load-bearing structure and equipped with shutters with an electrically controlled opening and closing system.



[IT]
L’edificio
Il Centro Culturale presenta un’impostazione planimetrica a piastra con un solo piano fuori terra. Esso è attraversato da una strada pedonale coperta che, oltre a suggerire ai passanti un approccio alternativo con i servizi del Centro, raggiunge il sottopassaggio della stazione ferroviaria risolvendo un nodo importante della viabilità urbana. L’edificio è suddiviso in tre blocchi distinti e disposti lungo il percorso, utilizzato sia da coloro che si recano in biblioteca, sia da coloro che sono diretti al vicino sottopassaggio. Lo schema distributivo prevede che tutte le funzioni si affaccino sul percorso. Seguendo il sottopassaggio sulla destra è localizzata la caffetteria/emeroteca; nel punto in cui la strada si fa più ampia si apre la biblioteca; quindi si accede alla ludoteca, all’informagiovani, allo spazio polivalente. 



Materiali, tecnologie, impianti
Il progetto ha fatto ricorso a tecnologie innovative al fine di migliorare il comportamento energetico dell’edificio. Fra queste, sono state scelte componenti di involucro a elevate prestazioni; sistemi di ventilazione naturale; un sistema di condotti interrati per il preriscaldamento dell’aria di ventilazione in inverno e il suo raffrescamento d’estate; collettori solari termici ad acqua per la produzione di acqua calda sanitaria; un impianto fotovoltaico; un sistema di supervisione e controllo per il comando dei sistemi impiantistici e dei sistemi edilizi. Lo sfruttamento della luce naturale, poi, contribuisce al risparmio energetico attraverso l’adozione di un sistema di illuminazione dotato di controllo automatico dell’intensità luminosa in funzione dell’apporto di luce.

Struttura e tamponamenti
L’edificio è caratterizzato da una struttura portante costituita da pilastri circolari in cemento armato e solaio di copertura con doppia orditura di travi in legno lamellare e soprastante tavolato in legno. A livello delle fondazioni si trova una serie di canali interrati per la ventilazione naturale dell’edificio. A questa rete di canali primari è collegata una serie di canali secondari di dimensioni variabili che distribuiscono l’aria alle bocchette situate negli ambienti. I canali interrati realizzati in cemento armato hanno anche la funzione di appoggio per il solaio in elementi alveolari precompressi. Le murature di tamponamento sono tutte realizzate in balle di paglia pressate.

Tetto verde, duna in terra armata, giardino
Sulla copertura è stato realizzato un giardino pensile estensivo non calpestabile. Tale scelta consente elevate prestazioni termofisiche, oltre a offrire un contributo efficace nella riduzione delle polveri sottili in atmosfera e dei gas a effettoserra. Il giardino della biblioteca è delimitato verso la ferrovia da una duna in terra armata di 3.20 metri di altezza che ha la duplice funzione di racchiudere lo spazio di lettura all’aperto e di proteggere dai rumori della ferrovia le attività interne della biblioteca. Il giardino, degradante dalla terra armata alla pavimentazione esterna in legno, è stato realizzato utilizzando il materiale di risulta proveniente dagli scavi e piantumato con essenze che consentono di avere fioriture diverse nel corso delle stagioni.

Raffrescamento passivo
Il raffrescamento passivo punta principalmente sull’applicazione di tecniche di ventilazione naturale degli ambienti. L’obiettivo è stato quello di massimizzare l’ingresso dei flussi d’aria naturali all’interno dell’edificio: il sistema di ventilazione naturale si compone di una torre del vento e di un sistema di camini solari distribuiti in copertura in modo da servire il maggior numero di ambienti. La torre del vento è un sistema di captazione delle correnti d’aria con aperture in sommità rivolte verso i venti prevalenti. Approfittando delle brezze marine, la torre convoglia l’aria fresca in un campo di canali sotterranei. L’aria fresca giunge agli ambienti dal basso mentre quella più calda viene estratta attraverso i camini solari che si aprono a soffitto. I camini solari sono strutture cilindriche in lamiera colorata, ancorati alla struttura portante dell’edificio e dotati di serranda di apertura/chiusura comandata elettricamente.

22 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    The buildingThe Cultural Centre is a flat, single-storey building. It is crossed by a covered pedestrian walkway which, as well as suggesting an alternative approach to passersby through the Centre’s services, leads to the train station underpass functioning as an important link in the urban road network. The building is divided into three distinct blocks arranged along the walkway, used by those going to the library and those on their way to the nearby underpass. The layout ensures that...

    Project details
    • Year 2013
    • Work started in 2007
    • Work finished in 2013
    • Client Comune di Rosignano Marittimo
    • Status Competition works
    • Type Libraries
    Archilovers On Instagram
    Lovers 22 users