Recupero del ponte Bailey

Vincitore Rome / Italy / 2011

11
11 Love 3,435 Visits Published
Studio Lad's winning project proposed the redevelopment and re-use of the remains of Ponte Bailey bridge in via di Tor di Quinto, near Fleming hill: despite the removal of the bridge deck in the 1960's, the bed of the Tiber is still occupied by the three reinforced concrete bridge pillars. "Our idea envisages an agreement between the public administration and a private investor who is willing to finance the demolition of two of the three pillars. In return for this effort, the public administration will temporarily grant the private investor the right to redevelop the third pillar and re-use it, building a removable structure jutting out over the Tiber. This platform will become a true public square in the middle of the river, accessible to all and equipped with a multi-purpose structure covered at the rear. On December 15th 2011, twenty days after we won the competition, after many years of indifference regarding the degraded situation we have spoken about, the City of Rome announced (using, amongst other things, one of our photos) its desire to call for Project Financing proposals for a project involving a suspended structure on all three pillars, at a cost of 35 million euros. Our idea involves freeing the riverbed of the pillars with a more simple, much less costly and less intrusive project. However, we trust in the institutions, and will not lose hope of one day seeing a solution to this strange environmental and urban dysfunction" say Studio Lad. Questa è la nostra idea per rimediare alla situazione di degrado dei piloni del ponte Bailey, che è sotto gli occhi di tutti coloro che a Roma percorrono via di Tor di Quinto, all’altezza della collina Fleming. Nel letto del fiume si ergono tre misteriosi piloni in calcestruzzo armato, che erano in realtà i supporti del vecchio ponte Bailey, smantellato negli anni sessanta. La nostra idea prevede un accordo tra la pubblica amministrazione ed un finanziatore privato che sia pronto ad investire nella demolizione di due dei tre piloni. A fronte di questo sforzo, la pubblica amministrazione concede al privato di recuperare il terzo pilone e di riutilizzarlo, posandovi sopra una struttura removibile a sbalzo sul Tevere. Questa piattaforma è una vera e propria piazza pubblica in mezzo al fiume, accessibile a tutti e munita di una struttura polifunzionale coperta sul retro. Al termine della concessione il Comune può decidere se rimuovere la struttura e quindi demolire anche il terzo pilone, o se rinnovare la concessione. Così la pubblica amministrazione risolve una situazione di degrado urbano senza tirare fuori un euro, l’investitore costruisce e crea lavoro e quindi occupazione, e noi cittadini guadagniamo una piazza urbana a sbalzo sul Tevere, dalla quale vivere e vedere il fiume in modo diverso da tutti gli altri ponti. Il 27 Novembre 2011 questo progetto ha vinto il concorso di idee “Premio Vocazione Roma” ed è stato premiato dal presidente della provincia di Roma Nicola Zingaretti. Venti giorni dopo, il 15 Dicembre 2011, dopo tanti anni di silenzio sulla situazione di degrado che vi abbiamo presentato, il Comune di Roma ha dato notizia (utilizzando tra l'altro una nostra fotografia) di voler indire un Project Financing per un progetto che riguarda una struttura sospesa sui tutti e tre i piloni, per un costo di 35 milioni di euro. La nostra idea prevede di liberare il letto del fiume dai piloni con un progetto più semplice, molto meno costoso e meno invadente; ciononostante rimaniamo fiduciosi nelle istituzioni, e non perdiamo la speranza di vedere un giorno risolta questa strana disfunzione ambientale ed urbana.
11 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Studio Lad's winning project proposed the redevelopment and re-use of the remains of Ponte Bailey bridge in via di Tor di Quinto, near Fleming hill: despite the removal of the bridge deck in the 1960's, the bed of the Tiber is still occupied by the three reinforced concrete bridge pillars. "Our idea envisages an agreement between the public administration and a private investor who is willing to finance the demolition of two of the three pillars. In return for this effort, the public...

    Project details
    • Year 2011
    • Main structure Reinforced concrete
    • Status Unrealised proposals
    • Type Public Squares / River and coastal redevelopment
    Archilovers On Instagram
    Lovers 11 users