Milan trade fair

Rho-Pero / Italy / 2005

33
33 Love 22,215 Visits Published
Una grande vela per far spiccare il volo a Milano. Una dotazione tecnologica unica, con migliaia di chilometri di cavi in fibra ottica, stazioni radiomobili, nuovi anelli di connettività e videosorveglianza, un sistema di riscaldamento e refrigerazione progettato con soluzioni avanzate. Il Nuovo Polo di Fiera Milano è una struttura avveniristica, destinata a cambiare il volto della metropoli lombarda e a fungere da volano per l'intero sistema produttivo nazionale. Una realtà imponente, con un perimetro di 5 chilometri , una superficie lorda di pavimento di 530.000 metri quadrati , che insiste su una superficie fondiaria di circa 2.000.000 di metri quadrati . Il Nuovo Polo di Fiera Milano, la più grande opera di ingegneria civile realizzata in Europa negli ultimi anni, non è solo una struttura colossale dalle dimensioni eccezionali. E' anche un concentrato di tecnologia al servizio degli espositori e visitatori: 15 mila punti presa doppi, un anello in fibra ottica esterno da 4000 metri e uno interno di oltre 3000 metri , una ventina di anelli per padiglione, 500 switch a 24 porte Ethernet a 10100 Megabit al secondo. 2 shelter con 4 antenne UmtsGprs e una copertura radiomobile all'interno dei padiglioni oltre a decine di access point Wi-Fi per garantire una connettività senza fili per i dati a larga banda Il Nuovo Polo di Fiera Milano si articola in 8 grandi padiglioni monoplanari e biplanari che, insieme, costituiscono una superficie espositiva lorda di circa 345.000 metri quadrati coperti alla quale si sommano 60.000 metri quadrati all'aperto. Ogni edificio è suddiviso in 2 aree espositive ( 4 nelle strutture a due piani), per un totale di 20 saloni. I singoli saloni potranno essere utilizzati autonomamente poiché ognuno dispone delle strutture necessarie: reception, punti di ristorazione, sale riunione, uffici con relativi sistemi tecnologici di supporto. Ma il Nuovo Polo di Fiera Milano non significa solo aree espositive per manifestazioni fieristiche: alberghi, punti di ristoro e una galleria commerciale con oltre 200 punti vendita saranno destinati ad offrire la new experience della città: uno spazio ricreativo e culturale a disposizione di tutte la comunità locali. Anche le vie di accesso e movimentazione sono state completamente ripensate. La circolazione dei mezzi all'interno del complesso è così distribuita tramite tre anelli. Il primo, dedicato alla “ viabilità di avvicinamento ”, interessa gli utenti e il traffico generico. Il secondo è riservato agli autoveicoli espressamente destinati al quartiere (espositori, visitatori, taxi, pullman privati) e si appoggia ai parcheggi interni alla fiera. Il terzo è esclusivamente dedicato ai mezzi pesanti e alle vetture degli espositori e consente di spostarsi rapidamente da un punto all'altro del quartiere per il carico e scarico delle merci. Tutti i saloni sono direttamente accessibili dai mezzi di trasporto – compresi quelli al piano superiore dei padiglioni biplanari, opportunamente dotati di rampe. Delle navette collegheranno i padiglioni tra loro e con i parcheggi. A proposito dei percorsi pedonali, 28 tapis roulant lungo il boulevard coperto dalla grande vela di vetro e acciaio consentiranno di agevolare gli spostamenti lungo l'asse centrale del complesso, secondo due livelli di camminamento. È proprio questa spina dorsale di 1300 metri di lunghezza e 32 metri di larghezza,( 41 metri alle estremità) formata da oltre 100 mila pezzi tutti diversi fra loro e non intercambiabili, rappresenta l'elemento simbolo del progetto: una “colonna vertebrale” che, dotata di strutture di servizio, ristoranti e show room, copre circa 47.000 metri quadrati. I due livelli del viale, che collega le due porte principali del Nuovo Polo, poste alle estremità est e ovest, sono stati ideati per separare i flussi dei visitatori registrati e non registrati. Tutto è stato progettato per rendere fruibile struttura e servizi: 13 reception – una in corrispondenza di ogni padiglione (per un totale di dieci, poiché quelli biplanari disporranno di una reception per piano), più altre 3 in corrispondenza degli ingressi principali (Est, Ovest e Centrale o “d'Onore”). Oltre alla vela e ai due camminamenti, i padiglioni sono collegati tra loro da un tunnel in quota, che consente di spostarsi rapidamente da un edificio all'altro: al coperto e in un ambiente climatizzato. Lungo l'asse centrale, inoltre, sono dislocate 4 strutture in vetro e acciaio, destinate agli uffici delle segreterie di mostra, che dispongono complessivamente di 4.000 metri quadrati. Un'architettura pensata per gli affari, ma non solo. La Fiera, infatti, presenta un suo naturale prolungamento in una struttura immaginata ad hoc per la comunicazione, lo scambio e il confronto delle idee: un centro congressi suddiviso in dieci sale per un totale di 2.600 posti. Inoltre, ogni padiglione monoplanare è dotato di 5 piccole sale (da 20 a 50 posti) e quelli biplanari di 13 sale. Altre 8 aree meeting sono state previste lungo il viale centrale. Dopo il confronto nell'“arena pubblica”, le idee devono però viaggiare veloci per il mondo. Allora, a ccanto al centro congressi, nel punto centrale della vela, si trova il centro servizi multifunzionale - sala stampa, guardaroba, ufficio postale, banca, ufficio vigilanza, segreteria linguistica, centro fotocopie/fax, agenzia viaggi, farmacia, negozi. La nuova Fiera offre 14 ristoranti di diverse tipologie ( self service , free flow , servizio al tavolo), 7 aree banqueting , 10 grandi snack bar e 50 bar. Un Nuovo Polo a Rho-Pero, ma anche un rinato paesaggio naturale: circondano i padiglioni espositivi a nord-ovest 9 ettari a parco e un percorso verde interno. Insieme, rappresentano un'area riservata al relax pari a circa 180.000 metri quadrati . Fiera, ma anche attenzione alle strutture di servizio di chi, espositori e visitatori, deve raggiungere il Nuovo Polo Fieristico di Milano: i posti auto prevsiti sono 20.000 , di cui 3.000 in due strutture multipiano. In prossimità dei padiglioni, altri 5.000 posti auto saranno a disposizione degli espositori. Il Nuovo Polo Fieristico di Milano nasce con una dotazione di infrastrutture di collegamento unica in Italia per una nuova opera di queste dimensioni: 8 stazioni di metropolitana scandiscono gli 8000 metri che la separano in linea d'aria dal quartiere storico della Fiera. La rete viaria di strade e autostrade è stata potenziata sia in termini di capacità che di accessi (importanti gli svincoli sull'autostrada dei Laghi e sulla Milano-Torino). I collegamenti ferroviari saranno completati con la realizzazione di una nuova stazione ‘Fiera' sulla linea del Passante ferroviario di Milano e su quella ad Alta Capacità tra Torino e Milano. http://www.nuovopolofieramilano.it" www.nuovopolofieramilano.it<
33 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Una grande vela per far spiccare il volo a Milano. Una dotazione tecnologica unica, con migliaia di chilometri di cavi in fibra ottica, stazioni radiomobili, nuovi anelli di connettività e videosorveglianza, un sistema di riscaldamento e refrigerazione progettato con soluzioni avanzate. Il Nuovo Polo di Fiera Milano è una struttura avveniristica, destinata a cambiare il volto della metropoli lombarda e a fungere da volano per l'intero sistema produttivo nazionale. Una realtà imponente, con un...

    Project details
    • Year 2005
    • Work finished in 2005
    • Client Fondazione Fiera Milano
    • Status Completed works
    Archilovers On Instagram
    Lovers 33 users