Progetto di restauro di due cappelle nella chiesa di "San Giorgio" a Donori, Cagliari

Restauro conservativo e pittorico delle volte delle cappelle della "Madonna del Rosario" e dell'"Immacolata" Donorì / Italy / 2002

0
0 Love 1,264 Visits Published
La chiesa di San Giorgio sita in Donori risale agli inizi del XVII secolo quando, in seguito alla distruzione di un precedente centro abitato a causa di una violenta alluvione, venne fondato l'attuale paese di Donori. In origine la tipologia molto semplice, conformemente ai criteri distributivi romanici, era costituita da un'unica navata con solidi contrafforti laterali, un piccolo presbiterio, un'unica cappella, dedicata al patrono San Giorgio, il tutto dominato dalla robusta torre campanaria, indispensabile nell'organizzazione religiosa e rurale del territorio circostante. Nella prima metà del XVII secolo si ha notizia di ampliamenti, tra i quali la costruzione, intorno al 1649, di una cappella laterale ricavata tra i contrafforti e dedicata alla Vergine del Rosario. Risale al 1776 la descrizione di altre cinque cappelle relative ad altrettante sepolture, ricavate sempre tra i contrafforti laterali, fino ad arrivare al completamento della pianta attuale con inglobamento del campanile. Il campanile ha subito nei secoli diversi rimaneggiamenti, tra cui il probabile innalzamento nel corso del XVIII secolo tramite l'inserimento di una cupola "a cipolla" poi eliminata in un restauro del 1936, atto a permettere l'utilizzo della terrazza per l'avvistamento antincendio. Allo stato attuale la chiesa è quindi costituita da una navata centrale e da sette cappelle laterali ricavate tra i contrafforti della struttura principale. Tutte le cappelle hanno come copertura una volta a botte eccetto quella di San Giorgio che ha una volta a crociera. Gli arconi laterali sono costituiti da pietra calcarea da taglio le murature sono "a sacco". La copertura della chiesa fino agli anni 30 in struttura lignea è stata sostituita da un sistema di solai inclinati in laterocemento. La fisionomia attuale della chiesa è il risultato di numerose modifiche che si sono operate nel tempo. In questo lotto di restauro della chiesa di San Giorgio, si da la priorità al risanamento delle volte affrescate delle cappelle laterali, coperte con l'intonaco in seguito a precedenti restauri, e ora riportate alla luce. I'intervento e mirato al recupero delle Cappelle della Madonna del Rosario e Bonaria, costruita intorno al 1649, e dell'Immacolata di cui si ha notizia a partire dal1776. Si è proceduto al restauro conservativo e pittorico delle decorazioni a tempera realizzate nel dopoguerra, tra il 1948 e il 1949, coperte appunto nel 1962 con la rinzaffatura e l'imbiancatura totale della chiesa. Nella stessa cappella si è provveduto alla demolizione della scala in muratura d'accesso al pulpito marmoreo costruito in sostituzione di uno ligneo nel 1938. Tale scala a differenza del pulpito è in muratura, di scarso interesse storico artistico e in condizioni precarie. Essa è stata costruita ingombrando parte della Cappella della Madonna del Rosario e Bonaria e compromettendo la struttura della spalla dell'arco a sesto acuto su cui poggia. Con l'eliminazione della scala si è ricostruita la spalla e consolidata la struttura dell'arco. Il pulpito ora è raggiungibile all'occorrenza tramite una scala leggera e rimovibile.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    La chiesa di San Giorgio sita in Donori risale agli inizi del XVII secolo quando, in seguito alla distruzione di un precedente centro abitato a causa di una violenta alluvione, venne fondato l'attuale paese di Donori. In origine la tipologia molto semplice, conformemente ai criteri distributivi romanici, era costituita da un'unica navata con solidi contrafforti laterali, un piccolo presbiterio, un'unica cappella, dedicata al patrono San Giorgio, il tutto dominato dalla robusta torre campanaria,...

    Project details
    • Year 2002
    • Client Amministrazione comunale di Donori, Cagliari
    • Status Completed works
    • Type Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of Works of Art / Structural Consolidation
    Archilovers On Instagram