Como Loft

Como / Italy / 2008

355
355 Love 31,024 Visits Published
When an old monastery located around the city of Como, Italy, was being remodelled and converted into a residential complex, two adjacent units have been connected to form this duplex apartment. The shape of the original units is clearly enhanced by the different pitched ceiling direction as well as by their different heights. The main idea was to keep the shell intact, maintaining the entire length of the unit open and invading the space minimally. The result is the insertion of an enclosed box on one side containing a small bedroom and two bathrooms, which leaves to an open space the main functions of the home. The main entry is a very small foyer which creates a sense of compression before entering the main gallery, where the living spaces, kitchen, dining and living, are separated from the master bedroom by a lacquered block. In the drop between the two different ceilings, a video projector is inserted to play images on the wall above the kitchen. To allow the maximum projection surface, the upper kitchen cabinets are hidden behind the wall and slide down with a motorized system. The other characteristic element in the main space is the staircase, which is an assembled steel beam with open treads made by a cantilever steel plate covered in wood. Canadian maple has been carefully selected for the hardwood floors, and since maple wood isn’t stable with radiant floor heating, the floor planks were custom built with 2.5mm Canadian maple top and back layers on a particle board. The 20cm width of the floor planks modulate the position of all the elements, from the walls to the millwork. The floor planks also runs up the master suite wall, which is lit by an upper light cove. All perimeter walls and ceilings hide an additional layer of thermal insulation and the bathrooms are equipped with radiant panels in the ceiling. The walls adjacent to other units have been covered with a led layer to give additional acoustical insulation. Glacier white Corian is used for counter tops and sinks in the kitchen, laundry room and bathrooms, for the bath-tub, showers and parts of the bathroom walls. The house is fully automated and is managed by a server located in the studio on the second level. Everything has been custom designed, including the entire kitchen, bathroom sinks, beds, dining table, desks and bath-tub. STEEL and GLASS: Fratelli Ronchetti, Cantù, CO MILLWORK: Fumagalli-Annoni, Mariano C.se, CO CORIAN: Andreoli SNC, Cesano Maderno, MI HOME AUTOMATION – AUDIO - VIDEO: Domus Project, Carugo, CO Nel momento in cui un antico monastero nei dintorni di Como veniva ristrutturato e convertito in un complesso residenziale, due unità confinanti sono state accorpate per dare forma a questo appartamento su più livelli. La conformazione delle unità originali è evidenziata dalla diversa direzione dei soffitti a falda e dalla differenza di altezza. L’idea principale è stata di mantenere l’involucro intatto lasciando aperta l’intera lunghezza dell’unità, invadendo minimamente lo spazio. Il risultato è l’inserimento di un blocco chiuso su un lato, contenente una camera e due bagni che lascia ad un open space il compito di accogliere le funzioni principali. L’ingresso avviene attraverso un varco minuto che da un senso di compressione prima di entrare nella galleria principale, dove gli spazi cucina, pranzo e soggiorno sono divisi con un blocco laccato dalla camera padronale. Nel ribasso tra i due soffitti è inserito un videoproiettore che riproduce immagini sul muro soprastante la cucina. Per garantire la massima superficie di proiezione, i pensili della cucina sono nascosti dietro una controparete di cartongesso e scendono mediante un sistema motorizzato. Elemento eccentrico e caratterizzante lo spazio principale è la scala, costruita con una trave in acciaio assemblata meccanicamente e gradini aperti a sbalzo rivestiti in legno. Per la pavimentazione interna posata su massetto radiante è stato scelto l’acero canadese e dal momento che tale essenza non è stabile a contatto con il calore, le doghe sono state realizzate su misura utilizzando due lastre di acero da 2,5mm impiallacciate su truciolare. I 20cm di larghezza di queste doghe modulano la posizione di tutti gli elementi, dai muri ai mobili. Le doghe rivestono anche la parete di testa di camera e bagno padronali, illuminata da un taglio a soffitto. Tutte le contropareti perimetrali e i soffitti nascondono uno strato aggiuntivo di isolamento e i bagni sono equipaggiati con pannelli radianti a soffitto. I muri confinanti con le altre unità sono stati rivestiti con lastre di piombo per aumentare l’isolamento acustico. Corian di colore Glacier White è stato utilizzato per tutti i piani e lavandini in cucina, lavanderia e bagni, per la vasca da bagno, le docce e per il rivestimento di alcune parti nei bagni. La casa e’ dotata di impianto domotico ed è controllata da un server posizionato nello studio al piano superiore. Tutto è stato disegnato su misura, compresa la cucina, i lavabi dei bagni, i letti, tavoli, scrivanie e la vasca da bagno. STORIA Porzioni delle cascine dell'antico convento di S. Francesco di Mariano Comense, prima della demolizione (1995/1996). Il convento di S. Francesco dei Frati Minori della Custodia di Monza, poi retto dai Francescani Conventuali, risale al XIII sec. e la tradizione lo vuole fondato da San Antonio da Padova nel 1228, data incisa sulla lapide sopra la porta della chiesa e leggibile fino a tardo Settecento [cfr. P.Sevesi,San Francesco di Saronno,Milano 1927, p.4; A. Martegani, Note sul convento di San Francesco dei Frati Minori in Mariano,in "Memorie storiche della Diocesi di Milano", VIII,1961, pp.129-141]. L'antica dedicazione della chiesa a S.Giorgio fa presupporre che i Minori si insediarono in un edificio preesistente. Dopo periodi di notevole prosperità, nel 1798 il convento fu soppresso dalla Repubblica Cisalpina e i beni furono venduti all'asta. Nel tempo chiesa e convento hanno subito notevoli variazioni di struttura e i fabbricati furono in parte abbattuti (metà della chiesa,1/3 del chiostro) ed ora sono abitazioni private. Le cascine, che furono un bellissimo esempio di cultura contadino-conventuale lombarda, sono state in parte trasformate in residence esclusivo (abitato da artisti e personaggi dello spettacolo), mentre i resti dell'antico convento francescano (una porzione ad L del chiostro ed il giardino con area cimiteriale) sono in grave stato di degrado e abbandono. All'interno di alcune sale dell'ex convento, poi Villa patrizia del conte Besana, sopravvivono alcuni affreschi con scene di caccia, bestiari esotici,etc. COMO LOFT SCHEDA MATERIALI PAVIMENTI INTERNI Parquet su misura a doghe bisellate di dimensioni 200mm x 3000mm, spessore 17mm, composto da due lastre di Acero Canadese da 2,5mm (fronte e retro) e una lastra interposta di truciolare alta densità da 12mm. PARETI Pareti, contropareti, doppia lastra da 12,5mm, con struttura in lamiera zincata, acciaio o legno truciolare. Scuretti da 10mm a pavimento e soffitto. Spigoli a 45 gradi realizzati con paraspigoli in PVC marca Protektor modello 3770. SCALA Realizzata su disegno con struttura in acciaio con trave composta ed assemblata meccanicamente. Gradini con struttura in acciaio e rivestimento in acero canadese. Parapetto in cristallo stratificato 5+5mm con PVB trasparente. PORTE Porte a bilico verticale su disegno in mdf laccato e in cristallo stratificato 5+5mm. Pomoli marca FSB modello 2322. ILLUMINAZIONE INTERNA Tagli luminosi a soffitto e pavimento con neon su misura. Nel controsoffitto, sistema con profili in alluminio 094 marca Viabizzuno con faretti orientabili. Faretti da incasso marca Viabizzuno modello CLV1. Luci marca Champ Licht modello Xenon Tubulars integrati nei ripiani libreria e sotto nicchie dell’arredo fisso. IMPIANTO DOMOTICO ed ELETTRICO Impianto domotico marca Merten. Interruttori e prese marca Merten modello System M. Prese a pavimento marca Ackermann. IMPIANTO AUDIO Altoparlanti marca Bose modello Cinemate nella zona soggiorno e Bose Acustimass in cucina. IMPIANTO VIDEO Open Space: plasma tv 43” marca Pioneer modello Pure Vision Black. Videoproiettore: Infocus 5700 RISCALDAMENTO Pannelli radianti a pavimento. Pannelli radianti marca RDZ modello BiKlimax a soffitto nei bagni. Radiatori in zona studio. TENDE Tende a rullo motorizzate marca Silent Gliss con tessuto Heavy Office Screen. TAVOLO Tavolo da pranzo su disegno in legno con struttura in acciaio. MOBILI INTERNI In MDF laccato bianco 50 Gloss, spigoli a 45 gradi, interamente su disegno. CUCINA Interamente realizzata su disegno con tops e rivestimenti in Corian colore Glacier White e ante laccate 50 Gloss. Lavello in Corian integrato nel top. Piano cottura ad induzione marca Gaggenau modello CI 482-110 a filo top senza cornice. Cappa aspirante telescopica marca Siemens modello LI48630. Lavastoviglie da incasso marca Gaggenau GI 406-160. Centro di raffreddamento da incasso marca Gaggenau modello IC 200-130. Forno da incasso marca Siemens modello HB 370560E in acciaio inox. Pensili motorizzati nella controparte in cartongesso realizzati su misura. SANITARI Vaso e Bidet marca Antonio Lupi modello Evakuo. Lavabi e vasca da bagno in Corian su disegno. Rubinetteria marca Vola.
355 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    When an old monastery located around the city of Como, Italy, was being remodelled and converted into a residential complex, two adjacent units have been connected to form this duplex apartment. The shape of the original units is clearly enhanced by the different pitched ceiling direction as well as by their different heights. The main idea was to keep the shell intact, maintaining the entire length of the unit open and invading the space minimally. The result is the insertion of an enclosed...

    Project details
    • Year 2008
    • Work finished in 2008
    • Main structure Masonry
    • Contractor Molteni Enrico & C.
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 355 users