Incubatore d' imprese nell' ex Distilleria

Barletta / Italy / 2011

0
0 Love 1,199 Visits Published
L’ incubatore viene concepito come una struttura che possa vivere in tutto l’ arco della giornata accogliendo diverse funzioni e diversi utenti. Per raggiungere questo obiettivo è necessario raggiungere una flessibilità degli spazi interni adeguata, ottenuta attraverso un sistema di pareti mobili, capaci di rispondere alle diverse esigenze del centro a secondo della domanda che perviene dal settore produttivo, sociale e culturale, e dal tempo. Il primo strumento operativo del sistema di flessibilità è costituito dalle pareti mobili che seguono l’ orditura strutturale della distilleria, senza comprometterne la leggibilità. Le pareti mobili permettono così di avere spazi sia grandi sia più contenuti in base alle esigenze funzionali. Il secondo strumento operativo del sistema di flessibilità è costituito dalle pareti contenitori disposte lungo le murature di tompagno. Le pareti contenitore sono dei sistemi di arredo la cui superficie esterna, in parte apribile, permette al fruitore una forte interazione con esso; queste permettono inoltre l’ accatastamento del mobilio per ogni ambiente, liberandolo del tutto. Il terzo strumento operativo è costituito dall’ individuazione di uno spazio “aggredibile” dalle altre funzioni, uno spazio indeciso e dinamico contemporaneamente, che permette alle funzioni circostanti di appropriarsene all’ occorrenza, ampliando le superfici. Il blocco servizi, composto da reception, uffici e sala riunioni, è stato accorpato nella campata centrale della distilleria, sfruttando al meglio l’ altezza di 6,31m disponibile. The incubator is designed as a structure that can live in the whole of the day welcoming different functions and different users. To reach this aim it is necessary to reach a appropriate flexibility of interior spaces, obtained through a system of movable walls, able to meet the different needs of the center depending on the demand that comes from the productive sector, social and cultural, and time. The first operational tool of the flexibility system is constituted by movable walls that follow the structural texture of the distillery, without compromising the readability. The movable walls thus allow to have both large and more conten space according to functional requirements. The second operational tool of the flexibility system is constituted by the walls container arranged along the curtain walls. The walls container are furnishing systems whose outer surface, openable in part, allows the user a strong interaction with it; these also allow the stacking of the furniture for each environment, freeing it of everything. The third operational instrument consists in the identification of a space that is "attachable" from the other functions, a space undecided and dynamic simultaneously, which allows the functions surrounding to hoard them if necessary, expanding the surfaces. The services block, which is composed of reception, offices and meeting room, and was integrated in the center bay of the distillery, taking the best advantage the height of 6.31 meters available.
0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L’ incubatore viene concepito come una struttura che possa vivere in tutto l’ arco della giornata accogliendo diverse funzioni e diversi utenti. Per raggiungere questo obiettivo è necessario raggiungere una flessibilità degli spazi interni adeguata, ottenuta attraverso un sistema di pareti mobili, capaci di rispondere alle diverse esigenze del centro a secondo della domanda che perviene dal settore produttivo, sociale e culturale, e dal tempo. Il primo strumento operativo del sistema di...

    Project details
    • Year 2011
    • Client Gruppo GE.DI. s.r.l.
    • Status Competition works
    • Type Recovery/Restoration of Historic Buildings / Structural Consolidation
    Archilovers On Instagram