London 2012 Olympic Velodrome

Architecture Award, Design of the Year 2012 London / United Kingdom / 2011

37
37 Love 9,565 Visits Published
Velodrome wins Design of the Year 2012 Architecture Award 25 April 2012 The London 2012 Velodrome has been awarded the Architecture Award during the Design of the Year 2012 Awards Ceremony at the Design Museum. The awards showcase the most innovative and progressive designs from around the world. Costata 108 milioni di sterline (circa 126 milioni di euro) ed ospitante una pista per Bmx, un percorso di 6 km per le mountain bike e un circuito da gara lungo 1 miglio, la struttura rivestita in cedro rosso canadese rappresenta il primo impianto sportivo completato nel costruendo Parco Olimpico del 2012. I 6.000 posti a sedere dell’edificio sono suddivisi in due sezioni da 3.000 posti l’una, rispettivamente collocate attorno alla pista e verso la copertura. Una volta terminate le Olimpiadi, il velodromo sarà utilizzato da atleti professionisti e dalla comunità locale offrendo, oltre agli impianti sportivi, una serie di servizi fra cui un centro per il noleggio delle biciclette e delle officine e una caffetteria. I lavori di costruzione, stati affidati alla società ISG, sono partiti nel marzo 2009. John Armitt, presidente dell’Oda ha dichiarato: "La consegna del Velodromo secondo i tempi stabiliti e senza sforare il budget previsto segna il completamento della prima struttura fra quelle previste nel Parco Olimpico e la tappa più importante del nostro percorso ad oggi. La suggestiva architettura del Velodromo diverrà una delle immagini più caratteristiche dei Giochi e lascerà alle generazioni future un nuovo punto di riferimento per le attività sportive. Progettisti e società appaltatrice hanno lavorato assieme per realizzare un edificio splendido e sostenibile - degno di essere il primo a “tagliare il traguardo” tra le opere del Parco Olimpico e testimonianza del duro lavoro svolto dentro e fuori cantiere". Il Velopark è stato realizzato in 23 mesi, ha visto il lavoro di 450 operai sul cantiere e di 2.500 lavoratori nel corso del progetto. Circa 48mila metri cubi di materiale (tanto da riempire 19 piscine olimpioniche) sono stati rimossi per ricavare la “conca” su cui giace il Velodromo. Nel complesso, la struttura consta di 2.500 sezioni d’acciaio e si sviluppa per un’altezza di 12 metri dalla parte più bassa a quella più elevata della pista. Realizzato in otto settimane impiegando circa 16 chilometri di cavi, il tetto del Velodromo copre una superficie di 12mila mq emulando la geometria della pista. Con i suoi 30kg/mq la copertura è decisamente più leggera rispetto a quelle realizzate in costruzioni simili: basti pensare ai 65kg/mq che caratterizzano il tetto del Velodromo di Pechino. La leggerezza della struttura contribuisce a rendere l’edificio altamente efficiente dal punto di vista energetico. Ascolta Per il rivestimento esterno del volume sono stati impiegati 5.000 mq di legno di cedro rosso, mentre la base dell’edificio consta di pareti vetrate in modo da permettere al pubblico del Velodromo di osservare il resto del Parco Olimpico e tutto lo skyline londinese, e mostrare all’esterno quanto avviene nella struttura. Nell’intento di mettere a punto la pista da corsa più veloce del mondo, il disegno della geometria del circuito di gara è stato affidato a Ron Webb, che ha all’attivo la progettazione dei velodromi di Sydney e Atene. La temperatura e le condizioni ambientali dell’edificio sono state individuate e stabilite per creare “una pista da record”. In otto settimane una squadra di 26 carpentieri specializzati ha quindi realizzato il circuito da 56 chilometri di superficie in cedro rosso, impiegando più di 350.000 chiodi. La compattezza dell’edificio minimizza il consumo di energia legato al riscaldamento dell'arena principale. L'abbondante afflusso di luce naturale negli interni, dovuta alla presenza di una serie di lucernari posizionati strategicamente, riduce la necessità di illuminazione artificiale degli ambienti, mentre una buona ventilazione naturale è ottenuta grazie alle molteplici aperture sulla facciata esterna. Il volume consta inoltre di sistemi per il risparmio idrico e la raccolta delle acque piovane. I primi a sperimentare la nuova pista, lo scorso 22 febbraio, durante la cerimonia di inaugurazione della struttura, sono stati alcuni degli atleti facenti parte della Nazionale Britannica Ciclisti, tra cui Sir Chris Hoy, Victoria Pendleton, Jason Kenny e Ross Edgar, tutti premiati alle Olimpiadi di Pechino 2008. Proprio Chris Hoy, ciclista più premiato nella storia delle Olimpiadi, tre volte medaglia d'oro alle Olimpiadi, ha dichiarato: "Dopo essere stato coinvolto nelle fasi iniziali del processo di progettazione, è splendido vedere il Velodromo finalmente completato, ed averlo percorso oggi mi dà l’idea di ciò che potrà avvenire tra un anno e mezzo su questa pista. Non ne vedo l'ora!" After the Games, the BMX circuit will be repositioned next to the Velodrome with a road cycle circuit and mountain bike course added to create a legacy VeloPark that will combine cycling facilities across all disciplines in one cycling ‘hub’, linked into cycle routes across London.
37 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Velodrome wins Design of the Year 2012 Architecture Award 25 April 2012 The London 2012 Velodrome has been awarded the Architecture Award during the Design of the Year 2012 Awards Ceremony at the Design Museum. The awards showcase the most innovative and progressive designs from around the world. Costata 108 milioni di sterline (circa 126 milioni di euro) ed ospitante una pista per Bmx, un percorso di 6 km per le mountain bike e un circuito da gara lungo 1 miglio, la struttura rivestita in...

    Project details
    • Year 2011
    • Work finished in 2011
    • Status Completed works
    • Type Sport halls / Sports Facilities
    • Websitehttp://www.london2012.com
    Archilovers On Instagram
    Lovers 37 users