TORRE CAPUTO

Edificio residenziale nell'area Milan / Italy / 2007

5
5 Love 10,940 Visits Published
Il progetto è stato sviluppato in coerenza con le indicazioni del planivolumetrico del Programma Integrato di Intervento Marelli - Adriano ed è individuato nell’unità di coordinamentO.

Il progetto sviluppa la volumetria consentita dal PII con un fabbricato a torre, la cui sagoma rispetta tutte le prescrizioni previste dal piano: allineamento, altezza massima.

L’unità residenziale è uno dei sei edifici a torre del piano, è l’edificio residenziale di tipo a torre più alto dell’intero comparto di sviluppo, circa 77 metri La posizione, molto prossima alla via Adriano, rende l’edificio molto visibile, un vero e proprio landmark del piano urbano.

L’insieme delle unità III, il grande edificio per il tempo libero; delle unità VI, piastra commerciale (Esselunga); e delle II torri residenziali (Torre Caputo e Torre Benati), generano un sistema molto articolato ed unico per funzioni e per immagine architettonico volumetrica.

Il progetto trova la sua analogia compositiva e formale nella doppia elica del DNA. Una concatenazione sequenziale e ripetitiva di elementi aggettanti che ampliano gli spazi interni delle unità abitative.

L’edificio ha una struttura compositivo volumetrica molto semplice e al temo stessa varia ed articolata; un insieme di elementi volumetrici primari e secondari scanditi longitudinalmente dal pino delle terrazze.

Il principio fondante dello schema aggregativo dei tipi è quello di dare la massima visibilità e vivibilità agli spazi di soggiorno, i quali per la maggior parte dei tipi sono posti negli angoli con doppia esposizione; la combinazione tra la sequenzialità degli aggetti e i diversi tipi abitativi rende ogni singola unità abitativa unica per localizzazione al piano, orientamento geospaziale, dimensione degli spazi interni, affacci e visuali.

La struttura tipologica dell’edificio si basa su un “core” molto efficiente ed essenziale, che parte dall’interrato e arriva in copertura; dotato di tre ascensori di servizio, un montacarichi ed una scala di sicurezza.

I 27 livelli serviti dal core si articolano in:

• tre piani interrati (box, cantine, locali tecnici);
• un piano terra, di ingresso, con servizi alla residenza e dotazioni di locali tecnici;
• dal 1° all’ 8° livello, vi sono 6 unita abitative per piano (tipologie: mono- e trilocali)
• dal 9° al 12° livello, vi sono 6 unita abitative per piano (tipologie: bilocali e trilocali)
• dal 13° al 14° livello vi sono 6 unita abitative per piano (tipologie: mono-, bi- e trilocali)
• dal 15° al 16° livello, vi sono 5 unita abitative per piano (tipologie: bi-,tri- e quadrilocali)
• dal 17 al 22° livello, vi sono 4 unita abitative per piano (tipologie: tri -e quadrilocali)
• al 23° livello vi sono impianti tecnici per il raffrescamento ecc.




La struttura di base della torre è data da un corpo principale rettangolare, da balconate perimetrali che formano anelli ad ogni livello e da volumi aggettanti.
La combinazione tra la staticità degli elementi edilizi di base, corpo di fabbrica e balconi, e gli elementi aggettanti che seguono una propria regola, ma palese, danno vita ad un edificio con una immagine dinamica ma al contempo composta ed equilibrata.
Il corpo di fabbrica è composto da parti cieche rivestite con lastre in vetroceramica su due toni di grigio, e da parti vetrate ed apribili in alluminio naturale. Gli elementi aggettanti che segnano l’edificio sono composti dalle parti vetrate e parti cieche in alluminio verniciato (colore bianco) e si caratterizzano e si distinguono per un cromatismo più esplicito delle imbotti colorate.
I parapetti dei balconi si interrompono in corrispondenza delle intersezioni con gli aggetti, e sono realizzati in vetro e acciaio color grigio.

La struttura portante dell’edificio è realizzata in CA; una doppia corona di pilastri contorna il core fino al limite del corpo di fabbrica. Gli sbalzi delle balconate e degli aggetti sono studiati per rientrare nelle portanze della struttura che non ha bisogno di sovradimensionamenti puntuali.

Le sistemazioni degli spazi aperti comuni saranno nella maggior parte destinate a piantumazioni a prato e di piccoli arbusti. Le parti pedonali di accesso all’edificio sono in pietra naturale e le parti di accesso carrabili in cemento colorato.
Il sistema degli accessi e delle parti comuni al piano terra è caratterizzato da una aggregazione di volumi funzionali: ingesso, locale deposito carrozzine, locali tecnici, ingesso di servizio, locale deposito spazzatura.

I servizi comuni previsti dal PII comprendono la fornitura di calore per riscaldamento ed acqua sanitaria tramite il sistema di teleriscaldamento al quale tutti gli edifici pianificati dal programma di sviluppo dovranno collegarsi; l’edificio sarà dotato di impianto di raffrescamento centralizzato.
5 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto è stato sviluppato in coerenza con le indicazioni del planivolumetrico del Programma Integrato di Intervento Marelli - Adriano ed è individuato nell’unità di coordinamentO.Il progetto sviluppa la volumetria consentita dal PII con un fabbricato a torre, la cui sagoma rispetta tutte le prescrizioni previste dal piano: allineamento, altezza massima.L’unità residenziale è uno dei sei edifici a torre del piano, è l’edificio residenziale di tipo a torre più alto dell’intero comparto di...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users