Casa bifamiliare

Faenza / Italy / 2008

0
0 Love 1,520 Visits Published
Un muro per unire. Due case riunite per migliorarne la privacy.

Queste due case sono state progettate nel 2003. Si trattava di due lotti confinanti, di forma molto irregolare. Di necessità si è tentato di far virtù. Si è proposto alle proprietà di prescindere dal rispetto delle distanze e di costruire sul confine comune. Questa prassi, usuale negli edifici antichi è stata negli ultimi decenni completamente disattesa in nome di errate convinzioni, ad iniziare da quella che dovrebbe consentire una maggiore privacy. In realtà una piccola distanza ( 10 o 20 ml.) È molto più condizionante di quanto non lo sia la contiguità. Si è molto più vincolati alla vista ed al rumore oltre che dalla gestione dello spazio interconnesso. La costruzione sul confine, in questo caso è stata fatta con minori costi (si è fatta una fondazione unica) con due muri e due strutture portanti completamente separate. Sul giunto è stata posta un coibentazione acustica di cm. 10. Questo consente la totale indipendenza delle costruzioni, qualora uno dei due proprietari decida di demolire e ricostruire il proprio fabbricato ed una coibentazione di 70 cm costituita dall'insieme di murature e coibentazioni Una analoga considerazione ha mosso l'intento progettuale nella definizione del muro sulla facciata di una delle due vie pubbliche. Questa facciata è orientata a nord. La struttura di questa facciata è costituita da un muro di pietra di cm. 10/15 , da uno spessore di coibentazione, da un muro interno in poroton (20/25 cm.) e da un intonaco isolante interno Fassa Bortolo. La curvilineità del muro, orientata a Nord, contribuisce a migliorare la resistenza termica nel punto più debole, non offrendo resistenza alla sferza del vento. La costruzione sul confine ha consentito di realizzare due corti interne, completamente separate tra di loro, con un giardino al piano interrato, allargantesi a strombatura verso l'alto, con terrazzi e verande al piano terra. Le pareti interne sono interamente vetrate. Il vetro, con un altissimo K termico conformemente alle ultime normative, viene ulteriormente isolato con un sistema di tende a copertura totale, automatizzate, che permette di fermare il riverbero dei raggi solari, prima che questi lambiscano direttamente il vetro. Questo approccio ha consentito di risolvere in maniera soddisfacente il primo dei requisiti di una casa di qualità: una buona luminosità naturale. Gli spazi soggiorno possono godere di una luminosità multipla. Le facciate vetrate interne sono, in entrambe le costruzioni, orientate su due lati. A questi si aggiungono i due triangoli di luce su strada ed i due grandi lucernari sulle scale.
Si è cercato, in accordo con la committenza, di trovare una continuità costante tra alcuni spazi specifici interni ed un loro adeguato - ed immediato - corrispettivo esterno, in particolare per quanto riguarda le zone cottura/pranzo. In entrambe le case vi sono spazi complanari, con vetrate ad apertura totale, scorrevoli, in connessione con le zone cottura.
Gli spazi all'aperto sono stati progettati come estensione della casa; questo accade in prossimità delle due zone soggiorno ma, anche in prossimità delle zone studio e camera da letto al primo piano, affinchè si possa poltrire leggendo un libro senza intromissioni, anche in pieno contesto urbano.
Di Particolare interesse possono risultare gli impianti - con impianto di riscaladamento e raffrescamento combinati. L'impianto di riscaldamento è a pavimento. Nei terrazzi interni è stato usato il legno. Tutti gli interni sono stati realizzati con pietra (scale, raccordi, cornici), legno (zone notte, palestra, sauna, bagni), ceramica e mosaici (zone giorno, bagno, cucine)
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Un muro per unire. Due case riunite per migliorarne la privacy.Queste due case sono state progettate nel 2003. Si trattava di due lotti confinanti, di forma molto irregolare. Di necessità si è tentato di far virtù. Si è proposto alle proprietà di prescindere dal rispetto delle distanze e di costruire sul confine comune. Questa prassi, usuale negli edifici antichi è stata negli ultimi decenni completamente disattesa in nome di errate convinzioni, ad iniziare da quella che dovrebbe consentire una...

    Project details
    • Year 2008
    • Work finished in 2008
    • Status Completed works
    • Type Multi-family residence
    Archilovers On Instagram