CASA PR | Studio Ecoarch

UNA TERRAZZA AFFACCIATA SUL LAGO MAGGIORE Varese / Italy / 2022

36
36 Love 2,866 Visits Published

La proprietà, adagiata su un versante collinare rivolto ad ovest verso le sponde del Lago Maggiore e, oltre, verso la catena alpina, è caratterizzata da un forte dislivello terrazzato. Troviamo, a monte, il limitare di un’area boscata, mentre a valle si distende un intorno costituito da un tessuto residenziale diffuso.


L’edificio si presenta in pianta come un’impronta regolare, di forma rettangolare, ed è composto di due parti: un basamento stereometrico e parzialmente incassato nel terreno, caratterizzato unicamente dai tagli delle aperture e delle finestre, destinato alla zona notte, e un volume più leggero, corrispondente alla zona giorno, appoggiato sul primo in posizione arretrata, caratterizzato da ampie specchiature vetrate e sbalzi coperti.


L’architettura è sempre la risultante di molte forze: i desideri del Committente, le possibilità normative, il nostro impegno di restituire al paesaggio un edificio di qualità. Il programma era dettagliato ed esigente: soggiorno di grandi dimensioni, belvedere, 5 camere, piscina. La scelta di come collocare la casa era piuttosto obbligata perché, nonostante il terreno fosse piuttosto ampio, la fascia edificabile in realtà era una porzione relativamente piccola.


La forte pendenza del terreno ci ha portato a slittare verso monte il volume della zona giorno generando, con questo semplice movimento, lo spazio necessario a formare il belvedere e la piscina; quest’ultima sfrutta a sua volta la pendenza esistente in modo da essere totalmente incassata, quasi incastonata nel volume preciso del basamento, e si trova a costituire la copertura delle camere principali.


Questo spazio, che si getta come un podio verso il lago Maggiore, la catena del Mottarone e la val d’Ossola costituisce, sin dalle prime fasi, il cuore del progetto: l’intenzione compositiva attorno alla quale tutto il resto si organizza. La piscina e la prima metà del belvedere consentono una relazione immersiva con gli elementi del paesaggio; retrocedendo verso il volume del soggiorno la copertura, con il suo sbalzo di cinque metri, fornisce loro una cornice e una misura. Il soggiorno, poi, è concepito in piena continuità con il belvedere: la relazione interno/esterno è mediata da una sistema mobile di vetrate di più di 12 metri di cui una parte fissa e 2 ante scorrevoli automatizzate per un totale di 8 m di apertura completamente libera. Una fascia di frangisole metallici modula il passaggio fra il plafone della copertura e il chiarore del cielo.


Lo slittamento fra zona notte e zona giorno riduce l’impatto visivo dei due piani, che difficilmente potranno essere percepiti contemporaneamente, se non da lontano; da vicino la reale consistenza dell’edificio si percepisce solo attraverso il percorso pedonale che, inerpicandosi sulla collina, svela progressivamente l’articolazione volumetrica della casa. L’ingresso, posizionato sul retro, incide il fianco della collina generando un piccolo patio.


Al di sotto, completamente interrati, trovano infine posto alcuni spazi tecnici. Infine la lunga corsa dell’ascensore permette di ridurre la quota d’ingresso all’abitazione generando una strada interna con una salita più dolce.


La paletta dei materiali utilizzati è piuttosto ristretta: le lastre di gres porcellanato di grande dimensione 60x120 posate a corsi regolari del rivestimento del basamento; gli intonaci di tonalità molto chiara presenti al piano superiore, le parti in ferro dei profili metallici dei serramenti, il cristallo extra-chiaro dei parapetti e delle vetrate di generose dimensioni, l’acciaio inossidabile della lattoneria. Ogni elemento della costruzione è stato basato sul modulo del rivestimento in grès, costringendo ogni fase di lavorazione ad una precisione millimetrica.


L’edificio è caratterizzato da prestazioni energetiche elevate e da un’impiantistica avanzata. Nonostante l’articolazione complessa dei volumi, ogni ponte termico è stato eliminato o corretto; l’isolamento del solido basamentale è stato concepito in modo da garantire una base di incoraggio adeguata alle lastre del rivestimento.

36 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    user
    Enlarge image

    La proprietà, adagiata su un versante collinare rivolto ad ovest verso le sponde del Lago Maggiore e, oltre, verso la catena alpina, è caratterizzata da un forte dislivello terrazzato. Troviamo, a monte, il limitare di un’area boscata, mentre a valle si distende un intorno costituito da un tessuto residenziale diffuso. L’edificio si presenta in pianta come un’impronta regolare, di forma rettangolare, ed è composto di due parti: un basamento stereometrico...

    Project details
    Archilovers On Instagram
    Lovers 36 users