Palazzo Nianu

Georg Kayser Studio + Alessandro Venneri Neviano / Italy / 2022

82
82 Love 8,285 Visits Published

Il Progetto è frutto della collaborazione tra Georg Kayser Studio e l’architetto Alessandro Venneri, di origini pugliesi ma che vive a Barcellona e collabora con Kayser ormai da diversi anni.


Georg Kayser aveva avuto già modo di innamorarsi del Salento dieci anni fa, quando lo visitò per la prima volta in occasione di un matrimonio e fu subito rapito dal fascino di questa regione.
Alessandro, entusiasta di poter lavorare a qualcosa di speciale nella sua terra, non si è lasciato scappare l’occasione quando i due hanno trovato questo splendido palazzo abbandonato in un piccolo paesino dell’entroterra salentino.


Neviano (o Nianu, nel dialetto locale) è un piccolo villaggio, dove la vista scorre lenta e rilassata e sono presenti diversi edifici vuoti ed abbandonati, in attesa di essere riportati in vita.


Il progetto puo’ essere considerato un po’ il nostro bigliettino da visita in Puglia, dal momento che ci piacerebbe far conoscere questa splendida regione quanto più possibile a gente di fuori e poterli aiutare a realizzare il loro sogno di avere una casa italiana, dal gusto autentico e raffinato.


La casa è il tipico esempio di come si possa realizzare qualcosa di semplice e non caro, prestando molta attenzione ai pochi materiali utilizzati, materiali locali con i quali la gente del posto è abituata a lavorare, come per esempio il cocciopesto per pavimentazioni e pareti, una tecnica antichissima di rivestimento impermeabile.


L’intenzione è stata quella di restaurare l’edificio preservando al massimo la patina originale di soffitti e pareti. Sono state create aperture interne che stabiliscono nuovi assi visuali tra le sale poste su diverse altezze ed allo stesso tempo lasciano entrare più luce e collegano maggiormente gli spazi interni con le terrazze.


Durante la prima visita del palazzo, la scoperta più importante fu la vista che offre la terrazza: con la chiesa madre di S. Michele Arcangelo in primo piano, da qui si possono apprezzare i tetti del piccolo borgo, posto su una collinetta, e il tipico paesaggio salentino che circonda il paese.


Abbiamo cercato di sfruttare al massimo questo spazio riuscendo ad inserire una piccola plunge pool con vista alla cupola della chiesa.


L’ingresso, con volte a stella di circa 5 metri d’altezza, è l’ambiente in cui siamo riusciti a preservare quanto più possibile l’aspetto e lo spirito dell’edificio, destinandolo a zona living con sedute in muratura, una sedia vintage, così come la lampada posta nella nicchia, ed un paio di oggetti decorativi.


Percorrendo la scala si arriva alla sala da pranzo. Il pavimento è quello originale, il tavolo l’abbiamo disegnato noi e fatto realizzare di un artigiano locale, le due lampade sono due nasse anch’esse realizzate localmente mentre le sedie ed i quadri sono vintage.


Nelle camere da letto abbiamo optato per un mix di arredi economici proveniente dai tipici negozi quali Ikea, Zara Home, Sklum ecc e pezzi vintage, tipo le poltroncine di mia nonna rifoderate in bianco.


Nella piccola sala lettura, con il camino, abbiamo mantenuto tutto al minimo: è stata realizzata una seduta triangolare in muratura e collocati pochi oggetti di decorazione.


La cucina è stata realizzata in muratura e rivestita in cocciopesto, con le antine realizzate su misura dal falegname.


Anche nei bagni abbiamo cercato di realizzare quanto più possibile arredi fissi e rivestirli in cocciopesto, facendo realizzare artigianalmente anche i rubinetti in rame.


La prima terrazza, che comunica direttamente con la cucina, possiamo considerarla come la seconda “sala” da pranzo della casa, con un tavolo disegnato da noi posto sotto una leggera struttura ombreggiante alla quale è appesa una splendida lampada in terracotta artigianale.


Le terrazze poste al livello superiore si articolano in una prima zona con tavolo e sedie in ferro battuto, “rubate” ai miei genitori (dal momento che sembravano fatte apposta per quella terrazza), da cui si accede ad una zona con un divano da esterno e poltroncine poste intorno ad un braciere. Infine si sale alla zona solarium, da cui si entra nella plunge pool che domina la vista intorno alla casa ed intorno al paese.

82 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il Progetto è frutto della collaborazione tra Georg Kayser Studio e l’architetto Alessandro Venneri, di origini pugliesi ma che vive a Barcellona e collabora con Kayser ormai da diversi anni. Georg Kayser aveva avuto già modo di innamorarsi del Salento dieci anni fa, quando lo visitò per la prima volta in occasione di un matrimonio e fu subito rapito dal fascino di questa regione. Alessandro, entusiasta di poter lavorare a qualcosa di speciale nella sua terra, non...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 82 users