Stairs

Milan / Italy / 2016

29
29 Love 669 Visits Published

Abitare- Minimo.


Spazi ridotti, disegnati sulla differenza di livelli.


Spazi dove vige il silenzio, il tempo e il suo passaggio fluido.


Spazi che ruotano attorno al vivere quotidiano.


Spazi di materica semplicità primaria, intima, domestica.


Spazi dai contorni sfumati, leggeri, bianchi, trasparenti.


Spazi ambigui, ibridi, disuguali, comuni, privati.


Spazi capaci di enfatizzare relazioni mutevoli, spazi capaci di re-immaginare la routine quotidiana e i modi di vivere altre oggettualità dell’architettura.


Spazi ospitali, eleganti, essenziali, domestici.


Spazi segnati da semplici vibrazioni, provvisorie e fluttuanti.


Spazi di relazioni verticali, tra vuoti fra di loro visivamente connessi.


Spazi dai principi di logica e di misura.


Spazi composti da segni sottili.


Stairs è la mia casa, fatta con le mie mani: disegno e artigianato.


Un esercizio sulla costruzione, sperimentando e scoprendo materiali, impasti, dosi.


 Architetto, muratore, fabbro e falegname per un compito di autoproduzione.


Tutti possiamo realizzare un arredo, tutti possiamo costruire uno spazio per abitarlo.


Basta provare!

29 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Abitare- Minimo. Spazi ridotti, disegnati sulla differenza di livelli. Spazi dove vige il silenzio, il tempo e il suo passaggio fluido. Spazi che ruotano attorno al vivere quotidiano. Spazi di materica semplicità primaria, intima, domestica. Spazi dai contorni sfumati, leggeri, bianchi, trasparenti. Spazi ambigui, ibridi, disuguali, comuni, privati. Spazi capaci di enfatizzare relazioni mutevoli, spazi capaci di re-immaginare la routine quotidiana e i modi di vivere altre...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 29 users