Guest House

Milan / Italy / 2018

20
20 Love 2,708 Visits Published

La villa si sviluppa su una superficie di 500 mq ed un terrazzo di 180mq in cui tre piani suddividono i principali ambienti.


Una piccola palazzina terra cielo, in mattoncini anni 30 regolare nella proporzione e nelle, forme, austera e pulita che si ricollega concludendo il fronte stata di via Ceresio dei civici 9 e 7 al palazzo principale precedentemente ENEL .


Internamente gli spazi sono stati completamente sventrati per ridare le giuste proporzioni agli spazi originali che adibiti ad uffici statali del tempo non presentavano significati estetici particolari. Per l’esterno si è cercato di mantenere invece l’aspetto originale del fabbricato, anche per dare continuità rispetto all’intero progetto del building a fianco, precedentemente progettato.


La volontà primaria era di creare un luogo esclusivo per ospitare ed accogliere nel migliore dei modi gli invitati, ricalcando le vecchie buone maniere che passavano dagli anni 30 ( epoca della palazzina) agli anni 50. Il progetto principalmente si svolge attorno ad un imponente scalone, oggetto primario dell’estetica e della distribuzione dei piani, fortemente desiderata degli stilisti. Una scala per le feste, per accogliere, per invitare e celebrare gli ospiti e gli invitati, dalla forma sinuosa ed accogliente. Lo scalone in moquette di seta verde salvia con corrimano in legno nero ed ottone fa da sfondo, riflettendosi e frammentandosi in mille segmenti sulle pareti completamente ricoperte da porzioni di specchio pivottante.


A metà scala, frontalmente all’accesso principale vi è un balconcino, che si affaccia sull’ingresso, studiato per una piccola sosta davanti al camino in marmo nero Marquinia o semplicemente per un saluto agli ospiti del piano terra da parte dei padroni di casa. Un enorme lampadario fuori scala, appartenente in precedenza alla Hall della Stazione Centrale di Milano si staglia sopra un pianoforte, primo approccio visivo dello spazio accedendo dell’atrio d’ingresso. Anche in questo progetto la simmetria del taglio spaziale è stata mantenuta in modo da rafforzare il forte legame tra gli stiisti, tutto lo spazio è rigorosamente doppio, simmetrico e specchiato.. Al piano terra i pavimenti sono in ardesia nera, dove tappeti in seta segnano le due principali aree, una zona bar a sinistra ed una zona libreria a destra. I volumi sono stati ricavati alti e spaziosi, le grandi finestre permettono la visione verso l’esterno mantenendo però l’intimità assoluta, le proporzioni sono state variate per avvicinare la sensazione dell’ospita di essere in un gentleman club , intimo ma contemporaneamente lussuoso ed esclusivo. Lo spazio di sinistra dove si è ricavato il salotto principale ospita un secondo camino sempre in marmo Nero marquinia che troverà il suo corrispettivo frontalmente ed esso, nella parte opposta della stanza dove vi è il locale adibito a libreria. Tutti muri sono trattati con un microcemento caldo per rendere i muri materici e non piatti, dando comunque un sapore di artigianalità alle pareti. Un alcova racchiude come uno scrigno una preziosissima carta da parati in seta interamente dipinta e ricamata a mano abbracciando un enorme divano in rasatello di seta e velluto avorio. I mobili sono tutti creati su misura riflettendo e recuperando lo spirito mad man tipico degli anni d’ispirazione ma con crome e dettagli contemporanei, creando uno stile eclettico ma al contempo contemporaneo. La biblioteca si sviluppa sempre intorno ad un secondo salottino messo in relazione alla zona bar in modo che possa esservi promiscuità tra le due aree. Diverse opere d’arte originali si mescolano a libri di moda ed oggetti vintage, statue ed oggetti collezionati e raccolti nel tempo dagli stilisti, come se fosse una piccola Wunderkammer. Al primo piano si accede in una grande sala ovale, interamente rivestita da bacchette in legno nero dove al centro una grande tavola ovale in ottone e legno può ospitare la zona pranzo per una ventina di persone. Due lampadari anni 50 di stile italiano sono l’unica illuminazione di questa area. A destra si accede alla cucina, interamente rivestita in mattonelle blu ottanio in contrasto con la pulizia della cucina ad isola in marmo calacatta ed acciaio. Al termine della stanza vi è un piccolo angolo raccolto per colazioni intime dove sostare in una panca a ferro di cavallo in cuoio color nude e due poltroncina a contrasto in velluto fucsia. Una grande porta finestra da accessibilità dalla zona pranzo al terrazzo, completamente rivestito in profilo di ardesia ricoperto nel suo perimetro da piante per una maggiore intimità degli spazi. Una prima camera ospiti si trova in questo piano, mentre altre due ancora più private sono accessibili attraverso due porte nascoste nella boiserie ed alle quali ci accede a due diverse scale che portano entrambe ad un primo grande locale guardaroba in condivisione alle due camere. Il soffitto è stato aperto ricavando una luce zenitale per tutta questa prima stanza dove i lati sono scanditi da lamelle nere che dividono gli spazi degli abiti e degli accessori. Immancabile un camino centrale che troverà rapporto con altri due identici posizionati nelle rispettive camere. Qui i pavimenti divengono più caldi tramite un rovere invecchiato posato a spina francese. Il tema del microcemento alle pareti si conclude nei bagni trasformandosi in cannetta di vetro che divide le aree doccia e toilette dalla parte lavabi più aperta e percepibile dalle camere. Tutto le finestre della casa sono dotate di doppia schermo in cui un prima chiusura a specchio rende gli ambienti privati e inaccessibile agli occhi di curiosi, mentre una seconda schermatura avviene tramite tende di tessuto maschile che scaldano gli ambienti rendendoli più morbidi. Uno spunto di altri tempi lo si ritrova nella particolarità della struttura distributiva degli spazi adibiti al personale di servizio che attraverso percorsi alternativi e nascosti è capace di servire ogni piano nella massima discrezionalità.

20 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    La villa si sviluppa su una superficie di 500 mq ed un terrazzo di 180mq in cui tre piani suddividono i principali ambienti. Una piccola palazzina terra cielo, in mattoncini anni 30 regolare nella proporzione e nelle, forme, austera e pulita che si ricollega concludendo il fronte stata di via Ceresio dei civici 9 e 7 al palazzo principale precedentemente ENEL . Internamente gli spazi sono stati completamente sventrati per ridare le giuste proporzioni agli spazi originali che adibiti ad uffici...

    Project details
    • Year 2018
    • Work finished in 2018
    • Status Completed works
    • Type Apartments / Tourist Facilities / Interior Design
    Archilovers On Instagram
    Lovers 20 users