the cell

Insant House Milan / Italy / 2009

1
1 Love 2,004 Visits Published
DOVE
La proposta progettuale è sviluppata nelle prossimità del comune di Rho, considerato come un ottimo supporto per quella che è l’offerta di servizi di trasporto al Centro Fiere, e della presenza di attività commerciali come supermercati e bar.
La scelta vuole essere un tentativo per diminuire la mobilità dal centro di Milano al Centro Fiere, e cercare di dare nuova importanza a quella che è la cintura verde della città.
Il lotto confina con quella che sembra essere un’ottima sorgente d’inquinamento, tanto di quello di CO2, quanto di quello acustico.

IL CONCEPT
Lo sgabello come basica seduta, è la soluzione ad un improvvisato momento di sosta. La sua semplice funzione, unita ad un design innovativo, lo rende l’elemento perfetto di un arredo intelligente. Si possono ottenere lunghe panche dal semplice accostamento degli stessi, o risolvere domestici problemi di spazio, quando non se ne ha tanto a disposizione, semplicemente ponendoli uno sull’altro incolonnati per poi riporli in un angolo.

Il nido d’ape, è uno dei più efficaci sistemi d’abitazione collettiva generato in natura. Semplici elementi esagonali sovrapposti e combinati tra loro creano un’unità architettonica unica, dove lo spreco di spazio è ridotto al minimo, e dove il sistema modulare trova la sua più concreta applicazione.

LA SOLUZIONE
Esagoni, sovrapposizioni e accostamenti disegnano la futura Instant House.
Unità d’abitazione da 2, 3 e 4 ospiti sono ottenute dall’unione di elementi esagonali, a loro volta composti da elementi semi-esagonali.
Si offrono spazi interni confortevoli, dove l’ospite si senta proiettato in una dimensione intima, dove il calore e il profumo delle pareti e della struttura di legno generano nuove e divertenti atmosfere.
Le unità una volta composte, regalano una flessibilità nella disposizione dei futuri Instant Village, dove a momenti sembrano fluttuare nell’aria, e in altri creare un solido e saturo sistema a nido d’ape.
Accostamenti obliqui consentono alle unità bagno d’essere prossime alle unità d’abitazione, e ottenere quindi una chiara comunicazione tra gli ambienti.
Tetti verdi o terrazze si ottengono tra le celle poste più in alto, mentre nei livelli bassi si trovano piccoli tunnel che facilitano la circolazione longitudinale, o semplicemente offrono un ennesimo riparo.

ARIA E SUONO
Unità dal numero variabile di moduli esagonali, ospitano varie attività collettive: sale di letture, internet point, aree per attività ludiche e moduli per proiezioni.
Differenziando le attività contemplative da quelle ludiche, si pensa quindi di disporre le unità che ospitano queste ultime ai margini, ovvero, ai confini con quelle che sono le sorgenti di rumore, nel nostro caso la Tangenziale Ovest A50, creando quindi una barriera acustica che risponde alla temporaneità dell’insediamento.
La disposizione spaziale delle unità offre un’ottima permeabilità visiva e di ricambio d’aria; come dei condotti forzati d’aria, si ottiene un riciclo di questa, allontanando le grandi emissioni di CO2 prodotte dalla viabilità della tangenziale.

LA TECNOLOGIA
La struttura dei moduli è interamente in legno. Per le pareti esterne si adottano pannelli compositi costituiti nelle facce esterne da pannelli in fibre di legno pressate a caldo con adesivi, e frapposto un pannello in poliestere espanso. Questo tipo di struttura oltre ad offrire elevati standard d’isolamento acustico e termico, offre una gran facilità di mobilità e lavorabilità. La loro leggerezza permette di spostarli facilmente e per la disposizione delle tubature all’interno dei pannelli, semplicemente si ricavano appositi canali.
Ogni modulo è personalizzato con pannelli fotovoltaici e termici solari, integrati alla struttura.
1 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    DOVELa proposta progettuale è sviluppata nelle prossimità del comune di Rho, considerato come un ottimo supporto per quella che è l’offerta di servizi di trasporto al Centro Fiere, e della presenza di attività commerciali come supermercati e bar. La scelta vuole essere un tentativo per diminuire la mobilità dal centro di Milano al Centro Fiere, e cercare di dare nuova importanza a quella che è la cintura verde della città. Il lotto confina con quella che sembra essere un’ottima sorgente...

    Project details
    • Year 2009
    • Status Competition works
    • Type Student Halls of residence / Modular/Prefabricated housing
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users