Axiom Telecom Headquarter - Interior

Axiom is a journey through a romantic city suspended between industry and nature. Dubai / UAE / 2018

43
43 Love 3,591 Visits Published

The design concept was to create an iconic Headquarter Building in Dubai Silicon Oasis capable of binding and representing the Brand Identity of Axiom Telecom, a leading telecommunication company in the United Arab Emirates.


Axiom Telecom Headquarter is the result of the work carried out on four fundamental assumptions and their relationships: Icon and Green Building, City, Garden and Technology. Furthermore, besides the guidelines recommended by the client, were added: Impact, Presence, Recognisability and Synesthesia.


The design process rotates entirely on these concepts, giving life to a massive - but at the same time suspended and balanced - building. Cement, black glass, corten, these are the three fundamental materials that have made possible to shape a "stone that comes from far away", a visual and iconic landmark in an area of ​​high technological density.


The architectural complex follows the land topography, giving life to a building raised to preserve the main garden, a green heart designed as a pattern that, without solution of continuity, develops in equal measure both indoor and outdoor spaces, creating point of views that become themselves an integral part of the perspective lines. At the same time, it gives life to multifunctional areas, where public and private intertwine harmoniously.


A corten roof visually connects the "stone" fragments; this is the sum of many-faceted elements that create a "restless" shape that wraps and connects the whole project becoming a distinctive mark. The impressive "sculpture" then becomes the link that joins exterior and interior.


The internal walkways are imagined as lanes that intersect the different buildings; they are the metonymy of the entire building, representing "clusters" designed to accommodate the various functions. Everything is connected by the large black windows that merge with the buildings and appear as dark markings between the "shield splits".


Internally there's a continuous balance between operational functions and relational spaces, a new way of living the office environment where collaboration between people is one of the main focal points of the project.


The general plan is divided into three main blocks with different functions: a main area dedicated to aggregation (restaurant, lounge bar, gym, spa, conference room), a central area dedicated to operational and managerial activity, and finally the area assigned to the production and logistics operations, which is perfectly integrated with the rest of the building.


The main garden, as well as the interior, is made up of a mix of low and tall trees, stone and wood surfaces, water mirrors and lights that create continuity between outside and inside, characterising the workspace that becomes smart and at human scale.


Axiom Town is a journey through a visionary city suspended between industrial restoration and green, in a constant balance between public and private space.


__


Axiom Telecom Headquarter è il risultato del lavoro svolto su 4 presupposti fondamentali ed i rapporti che intercorrono tra questi: Icon and Green Building, City, Garden e Technology. Alle linee guida proposte dal cliente, sono state aggiunte: Impatto, Presenza, Riconoscibilità e Sinestesia. Su questi concetti ruota l’intera poetica progettuale, dando vita a un edificio massivo ma al contempo sospeso ed equilibrato. Cemento, vetro nero, corten, sono questi i tre materiali fondamentali che hanno permesso di plasmare un “sasso che arriva da lontano”, una certezza visiva ed iconica in un area ad alta densità tecnologica.


Axiom è una riflessione sulla tecnologia e su cosa da sempre rappresenta per il genere umano; è il fuoco di Prometeo, è il monolite giunto da un tempo remoto.


L’impianto architettonico asseconda le curve principali del terreno dando vita a un edificio eretto a protezione del main garden, un cuore verde pensato come trama, intreccio che senza soluzione di continuità, si sviluppa in egual misura sia all’interno che all’esterno creando scorci prospettici che diventano un tutt’uno con le linee di fuga e, al contempo, danno vita a spazi multifunzionali, dove pubblico e privato si intrecciano senza mai ostacolarsi ne confondersi.


L’impatto del building con il terreno fa si che il sedime dell’edificio sia volutamente a un livello inferiore rispetto alle quote d’ingresso, in modo da suscitare nel fruitore un senso di attrazione nel percorrere i percorsi principali. Il guscio in cemento risulta, dal punto di vista scenico, uno “scudo” capace di filtrare la luce naturale e, al contempo, dà vita a una visione d’insieme massiva e compatta dalle cui “spaccature” è possibile accedervi.


I frammenti di “pietra” sono collegati visivamente da una copertura in corten; questo è la somma di tanti elementi sfaccettati che creano una forma “inquieta” che avvolge e attraversa l’intero progetto diventando segno distintivo. L’imponente “scultura” diventa quindi la cerniera che lega esterno ed interno, trasformandosi in quinta ed oggetto come nell’area del Town Center. Quest’ultima accoglie le funzioni pubbliche e come in una piazza, pubblico e privato coesistono insieme.


Negli spazi del Lounge Bar e del Sitting, le zone verdi sono in giustapposizione al costruito creando un ambiente più vicino al fruitore, in grado di attrarre e tendere la mano a un nuovo modo di vivere gli spazi pubblici, favorendo l’interazione e suscitando benessere nel permanere al suo interno. I camminamenti interni sono concepiti come vicoli che attraversano i diversi edifici; questi ultimi sono la metonimia dell’intero building, rappresentano infatti dei “clusters” progettati per accogliere al loro interno le diverse funzioni. Il tutto è collegato dalle grandi vetrate nere che creano un tutt’uno degli edifici e compaiono come marcature scure tra le “spaccature dello scudo”. Le facciate interne degli uffici sono pensate come un agglomerato urbano composto da una moltitudine di inserti diversificati tra loro. Al loro interno gli uffici si alternano in un equilibrio continuo tra funzioni operative e spazi relazionali, un nuovo modo di vivere l’ambiente ufficio dove la collaborazione tra gli individui è tra i punti principali del progetto.


Il progetto esecutivo si sviluppa con un piano interrato e tre livelli fuori terra; l’altezza di ogni piano è di 4,20m per una altezza totale di 12,8m. La struttura principale dell’edificio è realizzata attraverso l’uso di pilastri, travi e travi reticolari a vista, che sorreggono solai in lamiera grecata e cemento armato. Le partizioni interne sono realizzate con setti in cls, tavolati e pannelli in fibra di cemento.


Le grandi facciate continue collegano le diverse zone del progetto e sono realizzate attraverso una struttura portante interna all’edificio, lasciando la superficie esterna in vetro scuro continua e ininterrotta. La copertura esterna in corten, come sopra descritta, è realizzata da pannelli triangolari rivettati ad una sottostruttura nascosta in acciaio. La struttura metallica degli edifici continua all’esterno diventando il telaio dello “scudo dell’edificio”, rivestito con pannelli in fibra di cemento che conferiscono la forma, la matericità e la forza che si è cercato di conferire al progetto. Durante la progettazione dell’edificio sono state considerate tutte le specifiche costruttive e i materiali per ottenere la certificazione energetica Leed.


L’impianto è diviso in tre blocchi principali con diverse funzioni: una zona principale dedicata all’aggregazione (ristorante, lounge bar, palestra, spa, sala conferenze), una zona centrale dedicata all’attività operativa e dirigenziale, infine una destinata alle attività produttive e logistiche integrata perfettamente con il resto dell’edificio. Le tre zone sono collegate attraverso percorsi pedonali interni ed esterni; in particolare i due piani sopraelevati sono connessi tra loro attraverso un intreccio di scale e ponti metallici, mentre parte dell’ultimo piano è stato progettato come ampio spazio all’aperto che diventa giardino pensile, percorso e terrazza sul Main Garden.


Quest’ultimo, insieme all’interior e upper landscape, è costituito da un mix di piante a basso e alto fusto, superfici in pietra e legno, specchi d’acqua e luci che creano il continuum tra ambiente esterno ed interno, caratterizzando l’ambiente lavorativo che diventa smart e a misura d’uomo.


Axiom Town diventa quindi un viaggio attraverso una città visionaria sospesa tra recupero industriale e verde, in equilibrio continuo tra spazio pubblico e privato.

43 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    The design concept was to create an iconic Headquarter Building in Dubai Silicon Oasis capable of binding and representing the Brand Identity of Axiom Telecom, a leading telecommunication company in the United Arab Emirates. Axiom Telecom Headquarter is the result of the work carried out on four fundamental assumptions and their relationships: Icon and Green Building, City, Garden and Technology. Furthermore, besides the guidelines recommended by the client, were added: Impact, Presence,...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 43 users