Meno è Più 2 – Fontana Candida

Progetto vincitore del Concorso internazionale di progettazione 'Meno è Più 2 – Fontana Candida' Rome / Italy / 2006

0
0 Love 4,103 Visits Published
Capogruppo
RicciSpaini studio di architettura srl

( Mosè Ricci, Filippo Spaini, Luana Prunesti, Nicola Bartoccelli, Maddalena Ferretti _ Collaboratori.: Katharina Kienow, Martina Giolitti, Massimo Tiberi, Simone Maurer )

con
Alessandra Manfredi, Laura Pistoia e con Simona Stortone

Consulenti
Strutture: Ing. Andrea Imbrenda _ Proges Engigneering S.A.S.
Innovation Technologies: Ing. Stefano Cremo _ AI studio
Scienze dell’educazione: prof. Ferdinando Montuschi
Urbanistica: prof. Franco Rossi
Paesaggio: prof. Stefan Tischer

Fontana Candida è un'area di margine, un posto dove si confrontano l'Agro Romano e la città che avanza. E' un confine del tempo. Il parco rappresenta quello che resta di Roma che cambia. Un buco del tessuto urbano spugnoso e invasivo, che lascia scoprire il senso del mutamento.
Il progetto punta alla descrizione della linea di confine concettuale tra la città lottizzata, quella auto-costruita e la campagna preesistente, utilizzando proprio il paesaggio come materiale della nuova architettura.
La scuola definisce il limite tra lo spazio naturale del parco e quello aperto della città. La nuova architettura è quindi una figura del paesaggio, ma allo stesso tempo il significato di questo intervento risiede anche nella qualità del progetto della scuola e del suo modello educativo.

Obiettivi del progetto a scala urbana sono la completa integrazione tra scuola e parco e la creazione di nuovi spazi pubblici per il quartiere. Questi si realizzano da un lato attraverso un camminamento/giardino pensile, che fa da tetto all'edificio scolastico facendolo apparire come parte del parco, dall’altro con una piazza-giardino antistante l'ingresso dell'edificio, che introduce piacevolmente all'ambiente scolastico creando un nuovo luogo di socializzazione.
La compenetrazione tra parco e scuola offre inoltre importanti occasioni di apprendimento come l'esplorazione e l'osservazione dei fenomeni naturali - necessaria premessa per un’efficace educazione ambientale.
Oltre alla piazza e al tetto giardino, poi, si sono predisposti pensiline e luoghi protetti per l’attesa dei genitori che accompagnano e riprendono gli alunni. E’ stata creata un'aula magna multifunzionale che può essere adibita a conferenze, spettacoli teatrali e musicali. Anche la palestra è stata pensata per essere utilizzata in orario extrascolastico, da gruppi di persone residenti nel territorio.
I locali scolastici prevedono al loro interno una quota parte dedicata a laboratori multimediali, linguistici e musicali, oltre alla possibilità di trasformazione degli spazi attraverso pareti mobili. Questo perché si tende ad abbandonare la didattica esclusivamente centrata sulle lezioni frontali per introdurre nuove forme di didattica laboratoriale, classi "aperte", lavori di gruppo e attività comuni con alunni e docenti di altre classi..

Le caratterizzazioni appena descritte consentono di giungere alla conclusione che sia la strutturazione dell'edificio scolastico, sia la sistemazione dello spazio esterno e del parco circostante favoriscono il senso di accoglienza e di appartenenza non solo degli alunni ma anche dei loro genitori.
Nel complesso, dunque, il progetto tende a realizzare una struttura funzionale alle esigenze di una scuola moderna, ma anche a contrastare, intenzionalmente, il degrado ambientale. Tutto questo è volto a favorire una nuova sensibilità sociale, ad educare il senso estetico per contribuire a far nascere il rispetto dell'ambiente sia da parte degli alunni che dell’intera comunità locale.

Nel processo di sviluppo senza fine della città, il progetto assume dunque il duplice ruolo di garantire gli spazi pubblici, le attrezzature e i servizi per la qualità di vita della città che avanza e di conservare le tracce più profonde della sua identità.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Capogruppo RicciSpaini studio di architettura srl ( Mosè Ricci, Filippo Spaini, Luana Prunesti, Nicola Bartoccelli, Maddalena Ferretti _ Collaboratori.: Katharina Kienow, Martina Giolitti, Massimo Tiberi, Simone Maurer ) con Alessandra Manfredi, Laura Pistoia e con Simona Stortone Consulenti Strutture: Ing. Andrea Imbrenda _ Proges Engigneering S.A.S. Innovation Technologies: Ing. Stefano Cremo _ AI studio Scienze dell’educazione: prof. Ferdinando Montuschi Urbanistica: prof....

    Archilovers On Instagram