Distilleria Nardini

Bassano del Grappa / Italy / 2010

31
31 Love 9,380 Visits Published
Due “bolle” di vetro (come le ha battezzate lo stesso Fuksas) – che, in bilico su gambe di acciaio, sembrano fluttuare sospese tra il verde degli alberi - comunicano per mezzo di una rampa discendente con uno spazio ipogeo, tuttavia non privo di raggi di luce. Con l’interpretazione futuristica del noto progettista romano una architettura nuova, emblema del patrimonio edilizio contemporaneo, debutta a Bassano, cittadina che sino ad oggi vantava un’eredità architettonica medievale, cui si sono sovrapposte nel tempo realizzazioni rinascimentali ed ottocentesche. Esattamente quanto auspicava la famiglia Nardini, ovvero proiettare l’azienda nel futuro del Terzo Millennio con la speranza di lasciare un segno nella storia aziendale. Fuksas ha immaginato due dimensioni: una sospesa cui danno forma due bolle ellissoidali trasparenti, ed un’altra sommersa, scolpita nel terreno. Le due bolle sospese, sfalsate e sovrapposte, ospitano i laboratori del centro di ricerca, mentre nella caverna sotterranea trova spazio un auditorium con cento posti a sedere. Una vitrea trasparenza infonde leggerezza alla struttura sospesa, da cui è possibile ammirare il paesaggio montano del Montegrappa; a questa si contrappone la materialità del cemento armato utilizzato per l’auditorium interrato. Le due dimensioni sono messe in comunicazione da una rampa discendente, utilizzabile anche come platea all’aperto. La contrapposizione delle due platee inclinate crea un’unica arena dalla quale lo spettatore può ammirare l’andamento irregolare delle pareti del muro inclinato. “Quei pali smilzi che sembrano sostenere le cupole ellittiche - spiega l’ingegner Sarti che ha collaborato al progetto- in realtà non sostengono niente, perché viceversa sono loro ad essere appesi alle cupole. Il 90 per cento del peso è invece sostenuto dalla struttura centrale in acciaio, quella che apparentemente serve a reggere l’ascensore”. Uno specchio d’acqua sul piano verde del prato funge da punto di congiunzione tra il mondo fluttuante e quello sommerso. Lucernari subacquei filtrano di giorno i raggi solari e diffondono luce nello spazio, mentre di notte si trasformano in sorgenti luminose. Un’opera che fonde funzionalità e suggestione nel totale rispetto del verde circostante che diventa elemento significativo, e non mera cornice, della futuristica struttura.
31 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Due “bolle” di vetro (come le ha battezzate lo stesso Fuksas) – che, in bilico su gambe di acciaio, sembrano fluttuare sospese tra il verde degli alberi - comunicano per mezzo di una rampa discendente con uno spazio ipogeo, tuttavia non privo di raggi di luce. Con l’interpretazione futuristica del noto progettista romano una architettura nuova, emblema del patrimonio edilizio contemporaneo, debutta a Bassano, cittadina che sino ad oggi vantava un’eredità architettonica medievale, cui si sono...

    Project details
    • Year 2010
    • Work finished in 2010
    • Status Completed works
    • Type Factories / Wineries and distilleries
    • Websitehttp://www.fuksas.it
    Archilovers On Instagram
    Lovers 31 users