Il barocco si fa efficienza energetica | Fabrizio Suppressa

Nuovo impianto illuminotecnico nella chiesa di Santa Teresa in Nardò Nardò / Italy / 2018

0
0 Love 670 Visits Published

Il Barocco si fa efficienza energetica. Il nuovo impianto illuminotecnico nella chiesa di Santa Teresa in Nardò.


Il termine barocco è spesso sinonimo di esagerazione, sfarzo, pesantezza, finanche di spreco. Questo non a Nardò, comune della provincia di Lecce, dove nella settecentesca chiesa di Santa Teresa si è da poco realizzato l'efficientamento energetico dell’impianto d’illuminazione.


Il tempio fu ricostruito dal 1750, all’indomani del terremoto del 1743 ed era in origine parte del più ampio complesso monastico delle monache teresiane, oggi raffinata struttura ricettiva. Alla costruzione vi operarono abili maestranze locali, quali i fratelli De Angelis, originari di Corigliano d'Otranto; ignoto è invece l'ingegnoso progettista, che sicuramente adoperò la luce naturale per meglio elevare il raccoglimento del fedele. Si potrà con meraviglia osservare nella chiesa il sole illumini gli altari laterali all'alba e al tramonto, ma più in generale, tutta la chiesa è un trionfo di luce, quasi a voler riprodurre tutta quell'estasi cristiana in cui Santa Teresa d'Avila cadeva. Ed è un vero peccato che durante il corso dei secoli quattro finestroni della navata furono murati, poiché, come emerso dai documenti d'archivio, la chiesa risultava "troppo luminosa"; infatti, nell'Ottocento la chiesa divenne sede della confraternita del SS. Sacramento, il nuovo culto necessitava meno luce per un'atmosfera intima e più contemplativa.


Questa premessa storico-architettonica è stata la linea guida per il progetto del nuovo impianto illuminotecnico ad alta efficienza, il quale ha avuto inoltre come imperativo la "sostenibilità", intesa nelle sue diverse componenti ambientali, sociali ed economiche. L'impiego della tecnologia LED (acronimo inglese di Light Emitting Diode o diodo a emissione di luce) ha permesso la riduzione dei conduttori elettrici, rendendo l'operazione di cablaggio non impattante sul monumento, consentendo il reimpiego, come da normativa CEI 64-15, delle canalizzazioni esistenti del precedente impianto. Con l’ausilio del software Dialux, è stata calcolata la luce necessaria in accordo con le norme della Commissione Episcopale per la Liturgia del 1996. Pertanto si sono installati 10 proiettori Petritis Lighting da 40 W, fascio largo da  per la luce diretta, 6 proiettori da 50 W,  fascio largo asimmetrico per luce indiretta alle volte, 4 proiettori da 26 W, fascio medio per luce d’accento agli altari laterali. Infine, per valorizzare le preziose statue in legno e cartapesta sono stati installati piccoli proiettori da 2 W con fascio largo (privi di emissione di radiazioni ultravioletti in accordo con la UNI EN 16163) nelle nicchie che custodiscono i preziosi simulacri.


Fondamentale è stata l’idea della sostenibilità economica dell'intervento, non solo nel rispetto di un determinato budget messo a disposizione dai sodali della confraternita del SS. Sacramento, ma più in generale, in un ottica del completo ciclo di vita dell'impianto fino agli aspetti della sua manutenzione, questi spesso ignorati. Sono stati, infatti, volutamente respinti sistemi di dimmeraggio e di domotica (sistema BUS), che seppur versatili, comportano maggiori oneri finanziari manutentivi per via della rapida obsolescenza delle componenti tecnologiche. Inoltre, è stato calcolato un ritorno economico in soli cinque anni della somma impegnata, grazie al risparmio energetico ottenuto dall’installazione delle nuove luci a LED, rispetto ai più dispendiosi “fari” alogeni precedenti. Sono stati pertanto studiati, in accordo con la committenza, sei scenari illuminotecnici facilmente manovrabili dagli operatori della confraternita e con autonomia. L'aspetto sociale è stato invece fondamentale per lo studio della giusta illuminazione, la chiesa è infatti sede di una storica confraternita neretina, intitolata al SS. Sacramento, che con i propri sforzi si prende cura del monumento, specialmente nelle particolari ricorrenze celebrative quali la festa di S. Biagio, con il particolare rito, a cui partecipa attivamente tutta la cittadinanza, della benedizione delle gole dei devoti.


L'impianto è stato fortemente voluto dai confratelli, sostenuti e animati energicamente dal priore dott. Marcello Gaballo, e realizzato sotto la supervisione della Diocesi di Nardò-Gallipoli nella persona del direttore dell'ufficio dei Beni Culturali Ecclesiastici, Mons. Giuliano Santantonio, e della locale Soprintendenza di Lecce con l’arch. Antonio Zunno.


L’intervento è stato progettato e diretto dall'arch. Fabrizio Suppressa, specializzato in “architettura per la sostenibilità”, con l'ausilio di Franco Muscella titolare dell'Arkilight srl e fornitore dei corpi illuminanti. I lavori sono stati svolti dall’impresa Doc Service & C.sas di Marco Napoli, ditta con esperienza decennale negli impianti elettrici in edifici ecclesiastici.


Inaugurato lo scorso 29 ottobre 2018, da S.E. Mons. Fernando Filograna, il nuovo impianto si pone nel più vasto progetto della confraternita del SS. Sacramento di riavvicinare la chiesa di Santa Teresa alla città, come vivace contenitore culturale che accolga fedeli e turisti nelle sue braccia.


 

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il Barocco si fa efficienza energetica. Il nuovo impianto illuminotecnico nella chiesa di Santa Teresa in Nardò. Il termine barocco è spesso sinonimo di esagerazione, sfarzo, pesantezza, finanche di spreco. Questo non a Nardò, comune della provincia di Lecce, dove nella settecentesca chiesa di Santa Teresa si è da poco realizzato l'efficientamento energetico dell’impianto d’illuminazione. Il tempio fu ricostruito dal 1750, all’indomani del...

    Project details
    • Year 2018
    • Work started in 2018
    • Work finished in 2018
    • Client Confraternita del SS. Sacramento (Nardò)
    • Contractor Impianto elettrico: Doc Service & sas di Marco Napoli (Nardò) - Fornitura corpi luminosi: Arkilights srls (Nardò)
    • Status Completed works
    • Type Churches / Lighting Design / Monuments / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of Works of Art
    Archilovers On Instagram