Santuario della Madonna della Roccia alle pendici dell'Etna

Realizzazione di un Santuario Mariano sul luogo delle apparizioni della Madonna nel 1986 Belpasso / Italy / 2017

2
2 Love 812 Visits Published

Il Santuario: l’idea progettuale.


L’idea progettuale di questo edificio di culto non nasce dall’architettura, ma essa è la manifestazione tridimensionale della liturgia, dello spazio sacro inteso come espressione culturale del nostro tempo in questo luogo, sinergia tra liturgia, architettura ed arte; nella conformazione volumetrica dell’edificio si è limitato il più possibile qualsiasi forma di impatto ambientale venendo incontro ad esigenze urbanistiche e paesaggistiche impartite dai preposti e competenti uffici di riferimento.


Uno degli aspetti che caratterizza maggiormente il progetto riguarda l’organizzazione dell’impianto liturgico; lo schema è quello che viene, usualmente, definito «a calice aperto».


L’assemblea celebrante, “raccolta ed orientata”, è disposta secondo uno schema semicircolare, e delimitata da una coppia di rampe laterali, che marcano ed identificano questo spazio con una forte connotazione simbolica: esse evocano, infatti, le braccia della Madonna che accoglie, in un “abbraccio materno”, i fedeli all’interno dell’assemblea, li cinge e protegge in questo luogo sacro per donare loro la Parola di Dio, proprio come una madre parla ai propri figli.


L’edificio si sviluppa tra due piani di riferimento, rappresentati dal sagrato antistante l’area a parcheggio ed il piano di accesso alla cappella superiore realizzata alla quota dei viali di camminamento principali, colmando il naturale declivio del terreno in direzione Est-Ovest ed un dislivello complessivo di circa 8,00 m (6,00 m dal livello del sagrato principale).


Il Santuario avrà una capienza complessiva di oltre 1.000 posti a sedere ed ampi spazi interni destinati a coloro che prendono parte alle celebrazioni rimanendo in piedi. Tra le rampe laterali e l’assemblea sarà realizzata un’intercapedine di ampiezza crescente, procedendo dal sagrato all’altare, all’interno della quale saranno ricavate delle nicchie ove saranno ubicate n. 4 confessionali per lato, ulteriori n. 4 nicche dedicate ai santi misteri ed una nicchia centrale in corrispondenza del presbiterio, che costituirà la sede del presidente con adiacenti posti per i concelebranti; da qui, attraverso delle aperture laterali alla stessa nicchia, si potrà accedere alla sacrestia ove saranno ubicati uno spogliatoio con annessi servizi igienico-sanitari e locali deposito.


Il presbiterio sarà rialzato, in evidenza ed in posizione di slancio; i luoghi focali di questo spazio sono costituiti da: altare, ambone e tabernacolo.


L’ambone rappresenta il fuoco di raccolta dell’assemblea, l’altare centrale svolge la funzione di orientamento; l’assemblea raccolta attorno alla parola è sospinta sulla linea di un cammino in cui l’altare indica la direzione ed il tabernacolo la presenza.


In prossimità delle aree di accesso ai luoghi è prevista la collocazione della fonte battesimale; il grande sagrato si presenta come il perno della geografia generale del complesso religioso e sintetizza le direttrici dei molteplici percorsi che convergono alla soglia di accesso al Santuario.


L’altare, orientato lungo l’asse Est-Ovest, riceve luce naturale diretta al tramonto attraverso le serie di aperture ricavate tra le vele di copertura che saranno impostate su piani di imposta e  quote di volta differenti, crescenti verso dal sagrato principale all’altare e descrescenti dall’altare al piano di accesso alla cappella superiore; altresì, in direzione Nord-Sud, le vele di copertura costituiranno delle parabole sinuose che avvolgeranno e delimiteranno lo spazio sacro, limitando il più possibile qualsiasi forma di impatto ambientale e paesaggistico.


La cappella superiore, sorge sullo stesso livello del viale di camminamento che conduce alla croce e costituisce un luogo di raccolta e di preghiera per le celebrazioni con piccoli gruppi di fedeli, non oltre le 100 unità; dal piano della cappella superiore sarà possibile giungere alle due rampe che circoscrivono l’assemblea del santuario, completamente visibile nella sua interezza, percorrendo le stesse, e dalle quali è possibile cogliere l’imponenza dello spazio sacro interno.


Il segno della croce, come elemento di riconoscibilità pubblica dell’edificio, è associato al campanile, posto nei pressi delle aree di accesso dalla strada, parallelamente al viale che conduce alla croce. I due “richiami di identità”, uno acustico e l’altro iconico, anziché essere elevati in modo enfatico, vengono al contrario messi al livello della strada, quasi come una cerniera con l’assetto urbano.


Sul lato Sud del Santuario sarà realizzato, in direzione Est-Ovest, un corpo di fabbrica destinato ai servizi connessi al Santuario; questo volume, articolato su n. 2 elevazioni fuori terra ed accessibile sia dal lato parcheggio che dal piano di accesso alla cappella superiore, ospiterà gli uffici parrocchiali con annesso archivio parrocchiale, una serie di aule catechistiche, una sala riunioni per la seduta biblica settimanale, la canonica e dei locali igienico-sanitari.


Centro polifunzionale ed Info point turistico.


Sul lato Est dell’area centrale, compresa tra i due viali di camminamento, è prevista la realizzazione di un centro polifunzionale ed un info point turistico.


Il centro polifunzionale, che avrà una superficie di circa 360 mq, per n. 2 elevazioni fuori terra, ospiterà un’ampia sala riunioni/convegni, che occasionalmente potrà essere destinata allo svolgimento di funzioni religiose e/o attività connesse, depositi, uffici ed una serie di locali di accoglienza, a fruizione dei pellegrini (servizi igienici ed aree di ristoro).


L’info point turistico, immediamente fruibile dagli utenti dalle aree di accesso al complesso religioso, prevede la realizzazione di uffici di relazione con il pubblico, al fine di poter fornire agli stessi informazioni ed indicazioni generali sulla struttura e sul programma di svolgimento delle attività religiose, con annessi servizi igienico-sanitari.

2 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il Santuario: l’idea progettuale. L’idea progettuale di questo edificio di culto non nasce dall’architettura, ma essa è la manifestazione tridimensionale della liturgia, dello spazio sacro inteso come espressione culturale del nostro tempo in questo luogo, sinergia tra liturgia, architettura ed arte; nella conformazione volumetrica dell’edificio si è limitato il più possibile qualsiasi forma di impatto ambientale venendo incontro ad esigenze...

    Project details
    • Year 2017
    • Main structure Steel
    • Client Curia di Catania
    • Status Current works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Churches / Feasibility Studies / Tourist Facilities / Monuments / Shrines and memorials
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users