CENTRO POLIVALENTE PER LO SPORT, LA CULTURA ED IL TEMPO LIBERO.

PALÆRCOLE Policoro / Italy / 2009

7
7 Love 4,151 Visits Published
Il Centro polivalente per lo Sport, la Cultura ed il Tempo Libero è ubicato nella città di Policoro (MT), all’interno del tessuto urbano consolidato, in un comprensorio caratterizzato da edilizia residenziale (Piano di zona) e da edilizia prevalentemente pubblica di interesse collettivo (Municipio, chiesa, scuole, spazi sportivi e verde attrezzato). La realizzazione di un “contenitore” polivalente per lo sport, la cultura ed il tempo libero, ha rappresentato un’occasione irripetibile per implementare e qualificare la dotazione di servizi sociali a livello urbano e territoriale. In relazione alle esigenze sempre mutevoli della vita contemporanea ed alla richiesta da parte dei cittadini del miglioramento della qualità della vita, l’opera è stata strutturata come un organismo in grado di accogliere per tutto l’anno manifestazioni di vario ordine e natura, sia diurne che serali. Tale impostazione sottolinea la tipologia non esclusivamente sportiva dell’impianto. Infatti, i requisiti sportivi dell’organismo edilizio e quelli di carattere socio-culturali si integrano ed aggregano in modo funzionale e dinamico. Ciò conforma un complesso edilizio le cui parti, con precisi rapporti fra loro e chiaramente individuabili, strutturano un sistema polivalente costituito da “pieni” e “vuoti”, che instaura relazioni continue al suo interno e nel contempo con il tessuto cittadino ed il territorio sovraccomunale. L’organismo diviene, così, uno dei luoghi centrali della vita sociale della comunità. In tal senso è parso importante fornire all’edificio un’immagine di rilievo simbolico e rappresentativo, sia sotto il profilo urbanistico, sia sotto quello architettonico, strutturale e tecnologico. Si è reso indispensabile conservare e valorizzare questa caratteristica anche all’interno del manufatto, puntualizzando valori funzionali, distributivi e d’uso alle varie scale di approfondimento. Il tutto finalizzato al concetto sopra espresso di funzionalità, emblematicità e rappresentatività dell’edificio. Il lotto su cui insiste il centro polivalente, dell’estensione di tre ettari, è diviso funzionalmente in due zone: una interessata da ambienti polifunzionali al coperto (4.500 mq) e l’altra adibita a verde attrezzato, il tutto servito da idonee aree a parcheggio esterne (8.500 mq). Tali spazi sono fisicamente integrati dal verde e dalla particolare morfologia del terreno, che esalta il “dialogo” tra l’organismo architettonico e l’intorno urbano. La struttura edilizia è organizzata in due zone, l’una a pianta quadrata con spazi specialistici (l’invaso, le tribune, le palestre, gli spogliatoi e servizi, i locali tecnologici) e l’altra, a pianta trapezoidale, con ambiti liberi e polifunzionali (gli uffici di gestione, le sale polivalenti). In verticale una medesima logica ordina i due tipi di invaso spaziale: nella pianta quadrata il fabbricato è pressocchè a tutta altezza, in quella a pianta trapezoidale è diviso in tre livelli. La composizione dell’edificio risponde programmaticamente alle caratteristiche dimensionali e altimetriche del lotto (parte in scavo e parte in rilevato), così strutturato per mitigare l’impatto del costruito con l’intorno urbano ed esaltare il verde con la creazione di scarpate. Nella distribuzione interna si è cercato di coordinare efficacemente la distribuzione tra spazi d’uso collettivo e spazi di uso gestionale. L’organizzazione avviene per livelli che si adeguano alle pendenze del terreno venutesi a determinare in relazione alla sistemazione generale del lotto. L’impianto è strutturato in modo da ospitare le seguenti attività: - manifestazioni sportive (capienza 1600 spettatori): atletica pesante, pugilato, ginnastica, scherma, calcio a cinque, pallavolo, pallacanestro, tennistavolo, tennis, pallamano, sport disabili, pattinaggio; - manifestazioni culturali (capienza 2400 spettatori): congressi, convegni, mostre d’arte, teatro, cinema; - manifestazioni ricreative (capienza 2400 spettatori): veglioni, concerti musicali, spettacoli, bar, ristorazione; - manifestazioni espositive (capienza 2400 spettatori): mostre e campionarie a carattere settoriale. Ad una impostazione polifunzionale del sistema corrisponde una strutturazione dell’edificio (54.000 mc) caratterizzato da: - flessibilità dell’ambiente centrale e degli ambienti polivalenti; - robustezza dei materiali da costruzione e utilizzo di materiali facilmente sostituibili; - facile accessibilità carrabile e pedonale; - minimizzazione delle spese di gestione; - razionalità degli impianti tecnologici; - buon andamento della curva acustica e visiva. In particolare, il Centro Polivalente è dotato dei seguenti servizi:  primo livello (quota -1.00) - ingresso atleti/addetti; - attesa bar/club-house; - uno spazio gioco delle dimensioni planimetriche di m 26,00 x 47,20 ed altezza libera (dal piano gioco all’intradosso della copertura) di m 12,00; - servizi per gli atleti costituiti da due gruppi articolati di spogliatoi, ciascuno composto da un locale con annessi servizi igienico-sanitari fruibili anche dai disabili; - due locali spogliatoi per istruttori/allenatori con annessi servizi igienici fruibili anche dai disabili; - due locali spogliatoi per arbitri con annessi servizi igienici, fruibili anche dai disabili; - due locali spogliatoi per atleti/giudici di gara con annessi servizi igienici fruibili anche dai disabili; - due locali spogliatoi per il personale di servizio (uomini/donne) con annessi servizi igienici fruibili anche dai disabili; - sala medica/primo soccorso per atleti con annessi servizi igienici fruibili anche dai disabili; - depositi attrezzi sportivi; - cavedi tecnologici; - uffici per gestione impianto polivalente con annesse unità igieniche fruibili anche dai disabili; - archivio; - sala stampa/autorità/riunioni; - unità igieniche per spettatori del parterre suddivisi per uomini, donne e disabili - sala riunioni con unità igienichr per gli spettatori; - n. 4 palestre per attività sportive specialistiche (mq 360); - n. 2 spogliatoi con annessi servizi igienici fruibili anche dai disabili.  secondo livello (quote +2.20 / + 3.50) - n. 2 tribune spettatori con posti fissi per una capienza complessiva di 1600 unità; - n. 2 blocchi di unità igieniche per spettatori suddivisi per uomini, donne e disabili; - abitazione custode composta da ingresso, disimpegno, cucina, soggiorno/pranzo, bucataio, bagno, letto1, letto 2; - sala polivalente con unità igienica, balconata su ingresso; - spazio polivalente all’aperto; - deposito attrezzi; - cabina regia; - blocco scale.  terzo livello (quota +5.55) - blocco scale; - corridoio/disimpegno; - n. 2 sale polivalenti al chiuso; - n. 1 sala polivalente all’aperto; - n. 2 blocchi di unità igieniche suddivise per uomini/donne e disabili; - locale archivio; - locale deposito attrezzi. Sono inoltre presenti centrali e locali tecnologici all’interno dell’organismo edilizio (parte fuori terra e parte interrati) e del lotto, con accesso dalla viabilità urbana. TECNOLOGIE COSTRUTTIVE • STRUTTURE L’opera è stata realizzata utilizzando diversi procedimenti costruttivi: parte in opera con soluzioni tradizionali, parte in prefabbricato con processi di industrializzazione e normalizzazione degli elementi compositivi. In particolare si sono realizzate in opera le strutture portanti (fondazioni, pilastri e travi) con l’esclusione delle tribune, che sono state eseguite in c.a. prefabbricato. I solai sono stati realizzati con lastre in calcestruzzo armato precompresso, aventi l’intradosso piano e liscio e completati in opera con getto integrativo. I muri di contenimento del terreno e dei salti di quota sono realizzati in opera con struttura in c.a., fra questi ultimi e la muratura interna è stata realizzata una intercapedine della larghezza di m 0,70, mentre tra la muratura esterna ed il terreno è stato realizzato un drenaggio costituito da materiale arido. La struttura di copertura del palazzetto è stata realizzata con componenti metallici tubolari. Il sistema strutturale è imperniato su di una coppia di travi principali, lunghe 48,00 metri, poste parallelamente all’asse longitudinale del campo di gara, sulle quali è impostata una struttura secondaria tridimensionale spaziale. • FINITURE In considerazione dell’uso pubblico dell’impianto polivalente, che si prevede intenso, sia per l’organismo edilizio che per le opere di sistemazione esterna, sono stati adottati materiali di finitura ad alta resistenza e di facile manutenzione. • PAVIMENTI Sullo spazio centrale si è installato il parquet strutturale, per le palestre si è utilizzato il manto in materiale gommoso. Negli spogliatoi e servizi è stata utilizzata una pavimentazione ceramica del tipo monocottura antisdrucciolo. Per le zone ad uso intensivo sono state posate pavimentazioni in graniglia o in gomma bollettonata, per gli ambienti polivalenti specialistici si è previsto l’utilizzo di pavimentazione in legno o materiale gommoso. • RIVESTIMENTI Le pareti degli spogliatoi, palestre, uffici, sale riunioni e della sala centrale (invaso) sono state realizzate in blocchi di leca a faccia vista che garantiscono notevoli prestazioni di fonoassorbenza e coibentazione, minimizzando, al contempo, gli interventi di manutenzione. I locali servizi igienici sono rivestiti con piastrelle ceramiche del tipo maiolicato. • INFISSI Gli infissi esterni sono in alluminio a taglio termico/giunto aperto con vetrocamera o antosfondamento, mentre alcune vetrate sono realizzati in mattoni di vetrocemento. Gli infissi interni sono realizzati con struttura di alluminio rivestiti in laminato. • IMPIANTI Gli impianti tecnologici presenti nel polivalente: idrico, fognante, innaffiamento, antincendio, smaltimento acque meteoriche, termoventilazione, termico, climatizzazione, gas metano, elettrico (di rete, emergenza e sicurezza), telefonico, sonoro, televisivo, terra, scariche atmosferiche illuminamento e videosorveglianza fanno capo ad un sistema di controllo centralizzato che gestisce la rete ed i singoli componenti. • IL VERDE Le particolari condizioni geografiche, climatiche ed ambientali che caratterizzano il sito ove sorge il palazzetto polivalente (vicinanza al mare, scarsa piovosità, lunghi periodi aridi) hanno indirizzato la scelta del “verde” su essenze autoctone, ben ambientate al clima. Tali essenze molto caratterizzanti, configurano accostamenti di fogliame diversi sia per forma che per colorazione. Il criterio adottato è stato quello di strutturare le scarpate inserendo sugli spazi a prato la macchia mediterranea costituita da arbusti, cespugli e alberi puntualmente alternati, così da aumentare la sensazione di spazio “naturale” ed esaltare, nel contempo, l’organismo architettonico del Centro Polivalente.
7 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il Centro polivalente per lo Sport, la Cultura ed il Tempo Libero è ubicato nella città di Policoro (MT), all’interno del tessuto urbano consolidato, in un comprensorio caratterizzato da edilizia residenziale (Piano di zona) e da edilizia prevalentemente pubblica di interesse collettivo (Municipio, chiesa, scuole, spazi sportivi e verde attrezzato). La realizzazione di un “contenitore” polivalente per lo sport, la cultura ed il tempo libero, ha rappresentato un’occasione irripetibile per...

    Project details
    • Year 2009
    • Work started in 2005
    • Work finished in 2009
    • Client Comune di Policoro
    • Status Completed works
    • Type Theatres / Sports Centres / Sport halls
    Archilovers On Instagram
    Lovers 7 users