Casa sul Parco

Fidenza / Italy / 2017

28
28 Love 4,215 Visits Published

Tanti sostengono che Casa sul Parco sia una “rottura”, una “anomalia” rispetto alla produzione edilizia locale, una frattura pericolosa con il contesto di appartenenza. Noi siamo solo parzialmente d’accordo: siamo convinti, infatti, che la storia dell’Architettura sia punteggiata da episodi di “rottura” con le condizioni al contorno.


E che questo, quando la rottura è consapevole, sia un dato positivo. Pensare, infatti, che si sia obbligati a rispettare una sorta di “bon ton” locale, porta a perdere il senso critico del fare architettura, in nome di un malinteso “genius loci”, che rischia di diventare l’immagine di una condizione provinciale e claustrofobica.


La ricerca della “Innovazione”, della “rottura”, invece, è una disciplina critica, cui tutti gli attori del processo del costruire dovrebbero sottoporsi, considerando il Nuovo come un obiettivo irrinunciabile. E, proprio per questo desiderio di “innovare”, Casa sul Parco ha già potuto raggiungere importanti risultati, quali: - la certificazione energetica di “Casa Passiva” rilasciata da PHI ITALIA (Passive House Institute Italia). - la certificazione energetica di “Casa Attiva” rilasciata da Active House Italia - la certificazione di "Edificio Multicomfort Saint-Gobain" -


Progetto finalista “Active House Label Award” L’edificio contiene 10 unità residenziali, ognuna con caratteristiche morfologiche proprie. E’ impostato su tre volumi principali, di altezza e dimensioni diverse, articolati intorno al corpo parallelepipedo che contiene i collegamenti verticali. Slittamenti di piani orizzontali e aggetti volumetrici, creano ampi spazi di rottura del volume; e questi spazi sono destinati a diventare ampi giardini pensili, dove il verde privato si integra con il verde pubblico prospiciente.


Lungo le facciate corrono solai aggettanti che formano loggiati. Sono spazi aperti, a disposizione degli appartamenti, ma anche elementi utili a mitigare l’irraggiamento solare durante la stagione estiva e contribuiscono a ridurre i consumi energetici. La soluzione architettonica dell’angolo, poi, prevede l’inserimento di un volume sospeso fra cielo e terra, che reinterpreta e ripropone la tipologia dell’antico impianto a torre dell’edificio Liberty preesistente.


La Torre è sorretta da 6 grandi pilastri metallici, fortemente inclinati, metafora dei tronchi dei Tigli secolari del parco prospiciente. Sotto il volume della Torre è ricavato l’atrio di ingresso al condominio che, per caratteristiche dimensionali e posizione all’interno del tessuto urbano, diventerà uno spazio di mediazione tra la città e l’edificio, una piazza coperta a disposizione non solo dei proprietari degli appartamenti, ma di tutti i cittadini.


 


Casa sul Parco sorge sul sedime di un preesistente fabbricato, costruito agli inizi del secolo scorso e timidamente ispirato al repertorio decorativo Liberty. La demolizione del fabbricato scatenò un dibattito capace di valicare i confini del “pettegolezzo” locale (si interessarono alla vicenda, per esempio, anche Vittorio Sgarbi e il compianto prof. Gabrielli), in merito a cosa sarebbe sorto al posto di ciò che era stato distrutto. Destata da tanto clamore, la Soprintendenza ai Beni Architettonici di Parma si attivò immediatamente e pose un vincolo di edificabilità “condizionata” all’intero comparto urbano. Da quel momento, il progetto di ricostruzione fu concertato in accordo con il Soprintendente.


Secondo le sue indicazioni, nel nuovo edificio avrebbe dovuto “riverberare” la storia del precedente complesso edilizio, pur declinata entro un linguaggio contemporaneo, scevro da pericolose tentazioni formalistiche, atteggiamento da noi proposto con grande determinazione. All’interno di questo confronto critico, caso raro in Italia dove spesso le Soprintendenze si limitano a imporre logiche di semplice ricostruzione stilistica, è nato il progetto di Casa sul Parco.

28 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Tanti sostengono che Casa sul Parco sia una “rottura”, una “anomalia” rispetto alla produzione edilizia locale, una frattura pericolosa con il contesto di appartenenza. Noi siamo solo parzialmente d’accordo: siamo convinti, infatti, che la storia dell’Architettura sia punteggiata da episodi di “rottura” con le condizioni al contorno. E che questo, quando la rottura è consapevole, sia un dato positivo. Pensare, infatti, che si sia obbligati...

    Project details
    • Year 2017
    • Work started in 2015
    • Work finished in 2017
    • Contractor Montanari Costruzioni SrL
    • Cost 2.800,00
    • Status Completed works
    • Type Apartments
    Archilovers On Instagram
    Lovers 28 users