Conference Hall di Gorizia

Progetto di una Sala Conferenze per Negoziati Delegazioni Internazionali Gorizia / Italy / 2008

0
0 Love 2,106 Visits Published
La sala per Conferenze di negoziato internazionale, finanziata in gran parte dalla Comunità Europea e in parte C.C. I.A.A. di Gorizia, rientra tra le iniziative proposte dalla R.A.F.V.G. nel quadro del finanziamento europeo nell’ambito dell’”Obiettivo 2” le cui linee programmatiche di indirizzo sono rivolte verso una struttura a supporto del sistema economico-urbano inteso a rafforzare la competitività e l’attrattività della città di Gorizia.
La struttura in fase esecutiva, coerentemente al progetto preliminare posto a base di gara, è stata collocata all’interno della corte racchiusa fra l’ala vecchia dell’esistente edificio universitario ed il corpo centrale dove è collocata l’Aula Magna. Per la realizzazione della sala, disposta su n 2 livelli, il livello di imposta del piano di calpestio della sala conferenze è stato posto al di sotto dellla quota del piano terreno dell’edificio esistente; questo sostanzialmente per due ordini di motivi: da una parte garantire che il volume della sala conferenze non fuoriesca in maniera rilevante dal livello -1, per non occludere la vista dell’edificio esistente, dall’altra parte affinché, diversamente dal progetto preliminare, si è ritenuto che la rappresentatività di tale luogo imponesse un’altezza di almeno 3,50 m netti; ciò ha comportato un abbassamento del terreno antistante all’ingresso della sala conferenze, e di conseguenza lo sviluppo di un progetto paesaggistico di sistemazione dell’intorno e un collegamento del nuovo progetto con l’edificio esistente alla quota di +50,83 m tramite una rampa all’interno dello spazio del foyer.
La Sala è organizzata su n. 2 livelli con il livello superiore disposto in aggetto dove saranno disposte le cabine per la traduzione simultanea e da dove si potrà direttamente accedere alla originaria quota di campagna a +53,83 mt, dove sarà collocato un ulteriore spazio di foyer all’aperto e in comunicazione con le uscite della biblioteca e la scala di sicurezza esistente accanto alla navata della biblioteca stessa. La sala conferenze è basata su una forma circolare e ed è impostata secondo i criteri di massima flessibilità, adattandoli all’esigenze che di volta in volta si proporranno; in tal senso si sono studiate sostanzialmente due configurazioni funzionali distinte: una che accolga conferenze per 25 delegazioni internazionali fino ad un massimo di 100 delegati, l’altra che permetta l’utilizzo come sala conferenze, aula magna o sala convegni con tavola relatori e platea per i partecipanti con una potenzialità fino ad un massimo di 250 persone.
Esternamente alla sala principale nella nuova struttura troveranno spazio un foyer-ingresso destinato a ricevimento con spazi per locali per servizi per il pubblico, uno spazio guardaroba, un ampio vano tecnico di circa 100 mq per l’alloggiamento di tutti gli impianti tecnologici, un deposito che servirà la sistemazione degli arredi mobili della sala conferenze, ed alcuni locali per l’alloggiamento degli impianti elettrici.
Al livello superiore servito da un corpo scala e da un ascensore per 6/8 persone, trovano posto le salette traduttori con le sale regia e relativi locali di servizio, saletta regia e spazio relax per i traduttori. Alla stessa quota il foyer all’aperto è configurato come un giardino terrazzo pensile in parte pavimentato in doghe di legno, accessibile da uno spazio di distribuzione accanto alla scala e ascensore. Dallo stesso giardino pensile è possibile scendere sulla piazza antistante la hall di ingresso principale oppure entrare nella biblioteca dell’università.
La sagoma circolare della sala conferenze e la sua collocazione quasi in adiacenza con l’edificio esistente ha imposto una particolare cura nella modellazione dei limiti fisici del progetto affrontate anche nel progetto strutturale delle fondazioni comportando il ricorso ai micropali.
Nella hall e nel foyer sono state introdotte grandi superfici vetrate che lasciano scorgere i fronti degli edifici adiacenti. In questo modo dal portico esterno di ingresso alla hall è possibile osservare il volume della sala circolare e il fronte dell’edificio esistente in fondo alla sala foyer completamente vetrata e aperta sul contesto.

0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    La sala per Conferenze di negoziato internazionale, finanziata in gran parte dalla Comunità Europea e in parte C.C. I.A.A. di Gorizia, rientra tra le iniziative proposte dalla R.A.F.V.G. nel quadro del finanziamento europeo nell’ambito dell’”Obiettivo 2” le cui linee programmatiche di indirizzo sono rivolte verso una struttura a supporto del sistema economico-urbano inteso a rafforzare la competitività e l’attrattività della città di Gorizia.La struttura in fase esecutiva, coerentemente al...

    Project details
    • Year 2008
    • Work started in 2006
    • Work finished in 2008
    • Client CCIAA di Gorizia
    • Status Completed works
    • Type Concert Halls / Conference Centres
    Archilovers On Instagram