Nuova scuola dell' infanzia

San Giorgio, Brunico Parma / Italy / 2016

0
0 Love 660 Visits Published

 


La soluzione progettuale che si propone nasce dall’obiettivo di porre in relazione in modo originale l’assetto volumetrico dell’edificio con il contesto urbano, le scelte formali e materiche con la tradizione costruttiva locale, gli aspetti costruttivi con soluzioni altamente performanti in termini di sostenibilità e di risparmio energetico. La particolare articolazione volumetrica risponde alla necessità di configurare uno spazio centrale raccolto, in analogia ai chiostri delle antiche pievi medievali e al tempo stesso di ridurre l’esposizione a nord, aumentando l’apertura verso sud. La configurazione planimetrica, oltre a migliorare il comportamento passivo dell’edificio, è il simbolo di una mano leggermente aperta nell’atto di deporre un seme nel chiostro/giardino riservato ai bimbi del nido. Al centro di questo spazio protetto crescerà un albero che produrrà fiori e frutti: esso rappresenta, idealmente, l’albero della vita. L’edificio è fortemente caratterizzato dalla bipartizione materica – tipica dei masi e di gran parte dell’edilizia residenziale dell’Alto Adige – costituita da un rivestimento in larice nella parte superiore e intonaco di calce bianca nel basamento. Essa viene qui adottata in modo differente a seconda dell’orientamento: le facciate a nord e a ovest presentano due lunghe fasce orizzontali leggermente sfalsate, mentre verso sud l’alternanza si sviluppa verticalmente, accentuata dalle diverse altezze dei volumi e pendenze delle coperture. Queste sono state concepite come un gioco di superfici inclinate che ricordano le montagne circostanti: in alcuni punti strategici si innalzano, come nello spigolo a nord-ovest per segnalare l’ingresso del nido, in altre zone, come sul fronte nord, si abbassano per invitare all’ingresso nella scuola materna. Il volume dedicato al locale movimento e a eventi pubblici, che a piano terra si apre verso il giardino con un’ampia vetrata, in copertura ospita un piccolo teatro all’aperto. Per migliorare il livello di privacy delle due tipologie di spazi educativi si è scelto di rendere indipendenti l’ingresso del nido da quello della scuola materna. Le due scuole sono invece internamente servite dalla cucina, situata all’estremità sud-ovest e resa accessibile da un ingresso di servizio dedicato, per evitare interferenze tra flussi di merci e attività didattiche. L’ingresso della scuola materna è valorizzato da un volume a doppia altezza che accoglie i piccoli utenti e definisce uno spazio di ricreazione attrattivo e articolato, in comunicazione visiva e fisica con il giardino mediante una grande vetrata parzialmente schermata da elementi lignei. L’area verde esterna, recintata ed esposta a sud, è attrezzata con alberi di diverse essenze, una collinetta e vari giochi all’aperto. Ogni singolo ambiente è diverso dagli altri sia in pianta, sia per il colore di pareti e pavimenti, sia per il taglio delle finestre - e al piano primo anche per l’inclinazione del soffitto - in modo da risultare per ogni bambino una esperienza percettiva unica e stimolante. La struttura portante, in c.a. nell’interrato, nei due piani fuori terra sarà a telaio ed orizzontamenti in legno, con controventi in c.a. ed una spessa coibentazione in materiale naturale, per rispondere alla normativa antisismica e alla prestazione energetica di Casaclima A. Il manto di copertura, in lamiera di rame o zinco titanio, sarà integrato con 100 mq di pannelli fotovoltaici per una produzione di circa 14.000 kwh/anno. La progettazione degli impianti sarà incentrata su sostenibilità, risparmio energetico e facilità di manutenzione, al fine di massimizzarne la durabilità e la sicurezza e minimizzare gli oneri di manutenzione. L’intero edificio sarà concepito secondo i più avanzati criteri di sostenibilità ambientale per divenire esso stesso un esempio concreto di integrazione tra benessere abitativo, rispetto della natura, occasione didattica nel percorso di crescita personale dei piccoli utenti.

0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

      La soluzione progettuale che si propone nasce dall’obiettivo di porre in relazione in modo originale l’assetto volumetrico dell’edificio con il contesto urbano, le scelte formali e materiche con la tradizione costruttiva locale, gli aspetti costruttivi con soluzioni altamente performanti in termini di sostenibilità e di risparmio energetico. La particolare articolazione volumetrica risponde alla necessità di configurare uno spazio centrale raccolto, in...

    Project details
    • Year 2016
    • Cost € 3.000.000
    • Status Competition works
    • Type Schools/Institutes
    Archilovers On Instagram