Riqualificazione del Porto di Maratea

Concorso di Idee Maratea / Italy / 2017

4
4 Love 1,860 Visits Published

Il ridisegno del fronte mare di Maratea è generato dall’esigenza di ricucire in un unico percorso un fronte mare frastagliato e discontinuo. Attualmente i due moli non sono in collegamento tra loro se non via mare ed alcuni pontili non hanno l’attracco diretto sulla terra ferma. La quinta architettonica del borgo presenta una frattura all’altezza della Piazzetta dove un terrazzamento si frappone al profilo degli edifici. L’orografia del terreno non consente un camminamento fluido da un molo all’altro. In maniera sintetica la proposta progettuale ha come scopo ultimo il realizzarsi di un filo generatore che crea un camminamento continuo che abbraccia l’intera darsena e la conca su cui si edifica il borgo marinaro. Si va così delineandosi come segue il tratto progettato: Dalla sistemazione del parcheggio a nord con la creazione di una barriera verde per mitigarne l’impatto visivo, al ridisegno dello spazio fronte mare, passando per dare soluzione di continuità al vuoto urbano prospicente la piazzetta sostituendo al terrazzamento esistente una scalinata che permette un degno collegamento con via Racia. Quest’ultima sarà sede di un tratto del waterfront fino ad immettersi, passando per l’esistente rotonda, sulla passeggiata sul mare creata in parte con pedane galleggianti e in parte ancorata alla roccia. La parte terminale del nuovo percorso si staglia sul coronamento del molo sud aggettandosi con un terrazzo sul mare. Illustrazione della proposta progettuale La proposta progettuale ha come linea generatrice il nuovo tracciato del waterfront, lungo il quale si articolano una serie di punti nodali che ne delineano la forma e aventi ognuno funzionalità connesse al percorso Il nuovo camminamento parte a nord dall’area di parcheggio da dove il fruitore attraverso un’area disegnata a margine della massicciata esistente ha già la piena visione del nuovo waterfront. Una serie di rampe permetterà il superamento del salto di quota tra l’area di parcheggio e immetteranno sulla banchina lato nord del porto. Sulla banchina è collocata una pensilina infopoint. Un manufatto minimale dove il visitatore potrà acquisire notizie sul borgo e sul funzionamento e descrizione della passeggiata a mare tramite schermi touctscreen, pannelli espositivi, audiovisivi, e prenotare e accedere ai servizi dell’area portuale. L’attuale dislivello tra la banchina e la parte pedonale prospicente l’ufficio delle Poste e quello della Capitaneria di Porto sarà mitigato da una grande pedana longitudinale attrezzata con aree verdi e sedute. Tale sistemazione elimina l’ostacolo tra l’esistente parte pedonale e la banchina del porto creando un unico percorso omogeneo caratterizzato dal cambio di materiale tra la vecchia pavimentazione e la pedana attrezzata. Proseguendo, il percorso si immette sulla piccola piazzetta del borgo punto di connessione tra il primo ed il secondo tratto del waterfront. Da qui la situazione orografica non permette di proseguire in quota col nostro percorso che si staglierà proseguendo lungo la caratteristica via Racia scomparendo dietro le piccole quinte urbane che la compongono. Attualmente il collegamento tra la piazzetta e via Racia è garantito da due scalinate poste rispettivamente una a sinistra della piazza e caratterizzata da un disegno rettilineo con caratteri moderni, e una a destra con un percorso a smezzato da due segmenti ortogonali tra loro con caratteristiche morfologiche più contestualizzate. La quinta architettonica della piazza si eleva con i profili delle abitazioni che vi si affacciano tra i quali si frappone un anonimo terrazzamento che contiene via Racia. Si è ritenuto opportuno il ridisegno del profilo scenografico della piazzetta sostituendo il muro di contenimento con una scala scenografica all’interno della quale vi è disegnato un percorso pedonale che immette sul sovrastante asse viario. Si ricuce così la discontinuità creata dal precedente terrazzamento e si crea un accesso nuovo alla via Racia in alternativa ai precedenti ritenuti inadeguati ma che rimarranno in atto. Come d’incanto ad un tratto di via Racia il percorso riprende visibilità e si affaccia sul mare nel punto di stacco del il profilo edificato, dove è presente un’area di sosta caratteristica (la rotonda). A questo punto la passeggiata prosegue sul mare con un camminamento realizzato in parte con pedane galleggianti autobloccanti che seguono la linea che la roccia disegna tuffandosi nello specchio d’acqua sottostante. Lungo il tratto galleggiante si incontrano sinuose aree di sosta e prospicente la spiaggetta un’area attrezzata con postazioni a sedere per proiezioni cinematografiche e spettacoli utilizzando la spiaggia come palco e la roccia come proscenio. Si realizza un tratto uniforme generato dall’unione tra il camminamento su terra e quello sull’acqua creando un unico e continuo affaccio sul mare. Dall’acqua si torna sulla terra ferma ed il nostro percorso raggiunge il tratto finale con la passeggiata sospesa sulla cresta del molo sud conclusa con un affaccio aggettante sul mare. Riassumendo il disegno del waterfront è composto da un percorso unico che va dal molo nord a quello sud ed è suddiviso in quattro tratti: a) Tratto I (area parcheggio-info point-banchina molo nord-piazzetta). b) Tratto II (via Racia). c) Tratto III (passeggiata sull’acqua). d) Tratto IV (passeggiata sospesa sul molo sud). Lungo il percorso si stagliano una serie di punti nodali architetture a volume zero che completano il disegno del fronte mare: Pedana info point. 1) Piazzetta. 2) Scalinata scenografica di collegamento via Racia. 3) La rotonda sul mare. 4) Spazio scanografico (festival del cinema). 5) Affaccio aggettante molo sud. A compimento della riqualificazione verranno ridisegnati i moli per gli stalli dei natanti. Si tratterà di un riordino funzionale pur mantenendo inalterate le dimensioni degli spazi d’acqua in concessione.

4 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il ridisegno del fronte mare di Maratea è generato dall’esigenza di ricucire in un unico percorso un fronte mare frastagliato e discontinuo. Attualmente i due moli non sono in collegamento tra loro se non via mare ed alcuni pontili non hanno l’attracco diretto sulla terra ferma. La quinta architettonica del borgo presenta una frattura all’altezza della Piazzetta dove un terrazzamento si frappone al profilo degli edifici. L’orografia del terreno non consente un...

    Project details
    • Year 2017
    • Client Comune di Maratea
    • Cost 2.200.000,00
    • Status Competition works
    • Type Waterfront / Urban Furniture / Port Areas / Theatres / Concert Halls / River and coastal redevelopment / Marinas / Bridges and Walkways / Cycle Paths
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users