Concorso di Idee “Il Disegno urbano per la valorizzazione dell’area in località Pian di Massiano-PG

Perugia / Italy / 2007

0
0 Love 1,518 Visits Published
L’area interessata dalla trasformazione in oggetto, individuata negli elaborati grafici allegati al presente bando, è compresa tra Via Comunale di Santa Lucia, Via Comunale di Pian di Massiano ed una nuova viabilità di prossima realizzazione che si sviluppa intorno al parcheggio di servizio allo stadio di Perugia e alla stazione del minimetrò. Detta zona presenta le seguenti caratteristiche strategiche positive: Il Piano Regolatore Generale del Comune di Perugia qualifica dette aree, in parte quale zona “SR”, “zona per servizi generali” e in parte quale zona “F”, “Zone per attrezzature di interesse generale” e nella fattispecie zone “Ff’ “Area per infrastrutture ed attrezzature tecniche La superficie complessiva oggetto di studio è di circa 103.720 m’` costituita da tre comparti ricadenti in zona già classificata Sg, per un’estensione di circa 64.204 m’’ e da un comparto ricadente in zona Ff, per un’estensione di circa 39.516 mq. Si evidenzia che relativamente alla zona Sg, questa è suddivisa in 3 comparti distinti e di proprietà diverse, come indicato in figura e che gli interventi edilizi ammessi sono subordinati all’approvazione di un piano attuativo esteso a ciascun specifico comparto. Il progetto dovrà prevedere la possibilità di trasformare la zona Ff in zona urbanisticamente compatibile con le aree limitrofe ed economicamente sostenibile in quanto la trasformazione dell’area è condizionata dalla demolizione di circa 65.000 m3 di edifici esistenti. Gli obiettivi generali della valorizzazione consistono nella realizzazione di un centro di servizi pubblici e privati, organizzato intorno ad una viabilità pedonale e motorizzata, in grado di configurare quest’area, sia come punto di interscambio tra il centro storico, gli impianti sportivi e l’area della fiera, sia come centro relazione e di servizi, godibile da tutti i cittadini. Le realizzazioni previste nell’ambito di intervento riguardano la costruzione della nuova sede della provincia di Perugia, di organismi edilizi da destinare ad altri servizi pubblici e privati per le aree Sg, integrati a strutture compatibili a destinazioni da adibire ad usi di interesse privato, relativamente all’area di nuova classificazione.
Gli elementi richiesti nel progetto della trasformazione urbana sono pertanto i seguenti: 1. dotare l’area di un sistema pedonale collegato agli ambiti di relazione in direzione Est-Ovest in”simbiosi” con la stazione del minimetrò, proponendo soluzioni di continuità che consentano il superamento della viabilità esistente e in fase di realizzazione; 2. dotare l’area di un sistema pedonale di collegamento degli ambiti di relazione Nord – Sud che consentano di raggiungere le aree verdi attrezzate di Pian di Massiano; 3. dotare l’area di una viabilità interna connessa all’arteria di nuova realizzazione di servizio al parcheggio di scambio con la stazione del minimetrò; 4. localizzare uno o più parcheggi di servizio per gli utenti dell’area; 5. localizzare gli edifici della Nuova Sede della Provincia di Perugia e gli altri complessi edilizi in modo da connotare architettonicamente i luoghi e rispettare i legami funzionali previsti; 6. progettare l’intervento e gli organismi edilizi dal punto di vista paesaggistico, evidenziando il rapporto con gli elementi locali quali il sistema di collegamento al Centro Storico della Città di Perugia e il paesaggio, sotto certi aspetti ancora intatto, pede-montano; 7. progettare un sistema di soluzioni atte a mitigare l’impatto inquinante (acustico e atmosferico) dell’attuale e della futura viabilità, al fine di assicurare condizioni di benessere per i fruitori dell’area; 8. far ricorso per gli organismi edilizi a tecniche di bioarchitettura che ottimizzino al meglio il consumo di energia primaria facendo ricorso, quando possibile, anche a sistemi di sfruttamento delle energie rinnovabili. I criteri di progettazione bioclimatica dovranno riguardare quindi il contenimento dei consumi energetici degli edifici, prevalentemente ottenibili attraverso la conservazione dell’energia (isolamento e inerzia termica, controllo dei fenomeni di condensazione, dei ponti termici e delle infiltrazioni/ricambi dell’aria), il riscaldamento solare passivo (con sistemi diretti, indiretti ed isolati), il raffreddamento passivo (protezione dall’irraggiamento solare, inerzia termica, adozione di sistemi naturali di raffreddamento per ventilazione, irraggiamento nottumo ed evaporazione), l’illuminazione naturale (adeguata posizione e dimensionamento delle superfici trasparenti, adozione di sistemi di riflessione e/o canalizzazione della luce) e l’uso dei convertitori fotovoltaici (integrazione di elementi fotovoltaici nell’involucro esterno degli edifici). Dal punto di vista architettonico fulcro della progettazione dovrà essere la nuova Sede della Provincia di Perugia, attorno alla quale sviluppare i vari comparti di attuazione dell’intera area. Questa nuova porzione di Città dovrà essere anche un punto di riferimento per i cittadini e le istituzioni sul territorio e dovrà fornire spazi e supporti logistici per le attività politiche e sociali.
Una quota degli spazi della zona Sg dovrà essere assegnata con funzioni non strettamente connesse con il ruolo istituzionale degli insedianti: attività ricreative e di ristoro quali il bar, il selfservice, attività sociali e culturali quali l’asilo nido aziendale e la biblioteca provinciale, attività finanziarie aperte anche al pubblico, e attività ricreative e per la cura della persona, associazione sportive culturale e ricreativa, centro benessere.
L’intera area classificata Sg dal vigente P.R.G. deve poter essere attuata, come previsto, secondo tre comparti strettamente correlati tra di loro, ma allo stesso tempo indipendenti nelle funzioni e nel rispetto degli standard urbanistici; 1. Primo lotto funzionale: Realizzazione di un primo complesso edilizio che consenta di ospitare uffici pubblici per una volumetria complessiva di circa 44.000,00 m; detti volumi dovranno essere concepiti in funzione della necessaria e successiva espansione prevista per il secondo e terzo lotto funzionale. 2. Secondo lotto funzionale: Ampliamento del nuovo complesso edilizio e/o realizzazione di un nuovo edificio funzionalmente collegato a quanto realizzato con il primo lotto, al fine di accogliere ulteriori uffici, una biblioteca, attività complementari e correlate all’attività dell’organismo di diritto pubblico come illustrato nello studio di fattibilità allegato, il tutto suddiviso in due unità equivalenti realizzabili anche separatamente, per una volumetria complessiva stimata in circa 52.000,00 m3. 3.Terzo lotto funzionale: realizzazione di edificio di circa 11.000 m3 con tipologia costruttiva idonea ad ospitare uffici – residenze. Successivamente saranno attuati gli altri due comparti Sg di proprietà ACAP e Comune di Perugia e a seguire, eventualmente previa variante urbanistica, il comparto di nuova classificazione per servizi di interesse privato.
0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L’area interessata dalla trasformazione in oggetto, individuata negli elaborati grafici allegati al presente bando, è compresa tra Via Comunale di Santa Lucia, Via Comunale di Pian di Massiano ed una nuova viabilità di prossima realizzazione che si sviluppa intorno al parcheggio di servizio allo stadio di Perugia e alla stazione del minimetrò. Detta zona presenta le seguenti caratteristiche strategiche positive: Il Piano Regolatore Generale del Comune di Perugia qualifica dette aree, in parte...

    Project details
    • Year 2007
    • Status Competition works
    • Type Office Buildings / Business Centers
    Archilovers On Instagram