"IDEAZIONE E PROGETTAZIONE DELLO STEMMA E DEL GONFALONE DELLA CITTA' METROPOLITANA DI BARI"

Concorso di idee per la "IDEAZIONE E PROGETTAZIONE DELLO STEMMA E DEL GONFALONE DELLA CITTA' METROPOLITANA DI BARI" Bari / Italy / 2015

0
0 Love 1,092 Visits Published

RELAZIONE DI PROGETTO

​Lo Stemma

L’Ente Città Metropolitana è di neoformazione e, in quanto tale, idearne il logo richiede per certi versi un salto nel buio nella misura in cui non ci sono precedenti, una storia, un background cui attingere. Ma proprio per questo la sfida progettuale è stata ancor più stimolante ed esaltante.

Naturalmente, trattandosi di un Ente amministrativo territoriale, non è stato necessario creare codici e lessici del tutto nuovi poiché la letteratura in tema è vasta. La mission, dunque, è stata combinare insieme elementi conosciuti in modo nuovo, pensare ad un simbolo, un’icona che potesse raffigurare icasticamente questa nuova sinergia tra Comuni, che questa icona avesse basi e valenza globale pur declinandosi e caratterizzandosi nel contesto della nuova realtà dei 41 Comuni pugliesi costituenti la Città Metropolitana di Bari. Tentando di descrivere, semplificandolo e discretizzandolo, il processo ideativo/progettuale - che è connotato, notoriamente, da una notevole componente inconscia - potremmo adottare un processo di riduzione e partire da una agevole suddivisione in: luogo, elementi di progetto, obiettivo/stemma.

​Luogo: un ben definito brano del territorio pugliese gravitante, geograficamente e amministrativamente, attorno alla città di Bari.

​Elementi di progetto: 41 Comuni con specifiche peculiarità e identità (territoriali e antropiche) messi a sistema mediante un Ente amministrativo nuovo con il compito di valorizzarne le caratteristiche e promuoverne gli obiettivi per il futuro.

 Obiettivo/stemma: un segno iconico in grado di sintetizzare e rappresentare visivamente questa nuova complessa entità amministrativa.

​Poiché discretizzare ulteriormente il processo creativo significherebbe svilirlo e privare di fascino l’esito finale ma, soprattutto, poiché è proprio il risultato finale a doversi innanzitutto “spiegare” da solo e, d’impatto, verificare la propria efficacia, si è deciso di mostrare da subito il logo o stemma e rivelarne nel seguito della relazione le caratteristiche sottese, auspicando che il divenire della spiegazione assuma per il lettore i connotati di una catena di step razionali confermativi di quanto inconsciamente percepito nell’atto visivo iniziale.

 Step 1. Il sole nascente sul mare

E’ la simbolizzazione del nuovo Ente Territoriale nascente e al contempo l’icona - ben radicata nell’immaginario collettivo – che identificata i territori della Penisola affacciati sull’Adriatico e, per deduzione, l’area geografica costituente l’insieme dei Comuni della Città Metropolitana di Bari, e segnatamente di quest’ultima. Valenza universale (globale) e caratterizzazione locale rispettate. (Figura 2)

  Step 2. La griglia ippodamea (o patchwork) dell’unione dei Comuni.

Tale simbolizzazione è meno immediata di quella dello step 1 e richiede un’ulteriore esplicitazione, svelata nei seguenti passaggi.

 In sintesi, è stata portata avanti con decisione l’idea di stilizzare la mappa dell’unione dei Comuni della Città Metropolitana di Bari, al fine di renderla graficizzabile in forma artistica e omogeneizzarla all’intera composizione pur conservando la presenza di elementi caratterizzanti le unità comunali componenti. Tale fine è stato perseguito mantenendo il numero di 41 elementi e caratterizzando ciascuno di essi con un colore diverso dagli altri mantenendo, al contempo, una cromìa d’insieme armoniosa e bilanciata. Come riportato nei precedenti passi descrittivi, l’ispirazione è costituita dal celebre quadro di Paul Klee nel quale appare sublimato il concetto stesso di uso antropico della superficie terrestre. Tale identità cromatica (che per una serie significativa di motivazioni non corrisponde alla cromìa ufficiale del singolo Comune in quanto se si fosse perseguita questa strada, pure con una sua logica, si sarebbe ricavato un quadro d’insieme poco armonioso a scapito dell’efficacia globale dell’immagine), oltre a trasmettere l’idea di diversità all’interno dell’armonia compositiva generale, consente ad esempio – in  vista di un utilizzo cross-mediale dello stemma -  di essere collegati al sito istituzionale del singolo Comune, clickando sulla patch o tassello colorato di riferimento il cui nome si evidenzia sul monitor (o sul display dei dispositivi portatili) al passare del cursore.

 Step 3. Lo stemma completo: composizione d’insieme e intenzioni comunicative

La composizione finale d’insieme è stata montata in modo tale da trasmettere l’idea di una entità complessa e variegata ma unitaria e convergente verso un obiettivo futuro comune, positivo e foriero delle migliori speranze.

Se, da un lato, la scelta e l’abbinamento cromatico concorrono alla proiezione verso l’osservatore di un senso diffuso di positività e dinamismo, caratteristica che permane anche nella versione dello stemma in scala di grigi, l’equilibrio dinamico delle geometrie, dall’altro, riesce a mantenere inaspettatamente inalterata tale caratteristica anche nella declinazione dello stemma in bianco/nero, probabilmente facendo presa su di un “comune denominatore ricettivo” presente nella sfera sensoriale umana.

 Il Gonfalone

Come enucleato nelle precedenti pagine, il logo ideato ha teso a trasmettere sensazioni di positività e dinamismo attraverso geometrie e colori combinati assieme in modo calibrato e originale, mantenendo un piano comunicativo di lettura immediata pur con rimandi non banali ad un background culturale più strutturato, rivolgendosi alla utenza più vasta e dovendosi declinare nelle varie forme di comunicazione di massa.

Il lavoro svolto nell’elaborazione del gonfalone si è sintonizzato sulla stessa lunghezza d’onda compositiva. Nello specifico, si è trattato di rileggere  – in chiave nuova – un vessillo ufficiale usato da secoli per rappresentare istituzioni pubbliche e private di valore, quindi ben strutturato nel tempo e nell’immaginario collettivo. E allora si è deciso di intervenire in modo “soft” e rispettoso della tradizione, apportando elementi di novità in senso evolutivo piuttosto che di discontinuità.

Per enfatizzare le caratteristiche del logo, nella parte bassa il gonfalone è stato sagomato in forma circolare per creare l’ossimoro con la geometria rettilinea dello stemma mentre nella parte superiore, con lo stesso stratagemma, laddove il disegno all’interno termina in forma di semicerchio, il profilo del gonfalone si presenta a filo orizzontale. In questa parte del gonfalone, è stato rivisitato anche l’attacco all’assicella di sostegno orizzontale che, trattato in modo originale, è costituito da bande di stoffa sagomate a guisa di raggi di sole diramantesi (ad opportuna distanza per non interferire con l’identità visiva del logo) dal sole nascente dello stemma. Sempre nella logica di produrre un elemento “attuale” per quanto “classico”, il gonfalone è stato depurato di frange e orpelli di ogni tipo così come di corpi aggiuntivi quali nastri, coccarde e simili. All’interno del corpo stesso del vessillo e partecipandone indissolubilmente, a delimitarne le forme “pulite” e senza tempo, sono stati inseriti sulla sinistra il Tricolore italiano e a destra il fascio quadricromatico costituito dai quattro colori ufficiali della Regione Puglia: oro, argento, rosso e blu.

0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    RELAZIONE DI PROGETTO​Lo StemmaL’Ente Città Metropolitana è di neoformazione e, in quanto tale, idearne il logo richiede per certi versi un salto nel buio nella misura in cui non ci sono precedenti, una storia, un background cui attingere. Ma proprio per questo la sfida progettuale è stata ancor più stimolante ed esaltante.Naturalmente, trattandosi di un Ente amministrativo territoriale, non è stato necessario creare codici e lessici del tutto nuovi poiché la letteratura in tema è vasta. La...

    Project details
    • Year 2015
    • Status Competition works
    • Type Graphic Design / Web Design
    Archilovers On Instagram